Apri il menu principale

Ippodamante

personaggio dell'Iliade, giovane troiano auriga di Demoleonte
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi omonimi, vedi Ippodamante (disambigua).
Ippodamante
SagaCiclo troiano
Nome orig.
1ª app. inIliade di Omero
Sessomaschio
Luogo di nascitaTroia
Professioneauriga

Ippodamante è un giovane guerriero troiano nell'Iliade, citato nel ventesimo libro del poema.

Indice

MitoModifica

Le originiModifica

Ippodamante era l'auriga di Demoleonte. Questi era uno dei numerosi figli del vecchio troiano Antenore, amico del re Priamo. Omero tace invece il nome del padre di Ippodamante.

La morteModifica

Alla vista dell'uccisione del suo signore ad opera di Achille che rientrava in battaglia per vendicare la morte dell'amico Patroclo, Ippodamante venne preso dallo spavento, e, balzato a terra, cercò di mettersi in salvo confidando nell'agilità del suo fisico. Ma una lancia del nemico lo trafisse alla schiena. Il giovane emise l'anima mugolando come un toro.

 " Quindi Ippodamante, che giù dal carro balzava
fuggendogli avanti, colpì d'asta alla schiena;
quello esalò la vita e mugghiò come il toro,
tratto intorno a Poseidone Eliconio sovrano,
mugghia mentre lo tirano i giovani; ne gode Enosìctono.
Mugghiava così, e l'ossa lasciò l'animo nobile. "

(Omero, Iliade, traduzione di Rosa Calzecchi Onesti)

Interpretazione e realtà storicaModifica

Il significato del nome di questo guerriero risulta quanto mai appropriato: domatore di cavalli.

BibliografiaModifica

FontiModifica

Traduzione delle fontiModifica

Voci correlateModifica