Apri il menu principale
Ippolito Capilupi
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Fano
Nunzio apostolico presso la repubblica di Venezia
 
Nato8 luglio 1511, Mantova
Consacrato vescovo26 gennaio 1560
Deceduto20 aprile 1580, Roma
 

Ippolito Capilupi, o talvolta Capilupo (Mantova, 8 luglio 1511Roma, 20 aprile 1580), è stato un vescovo cattolico italiano. Fu l'esponente più in vista della nobile famiglia Capilupi di Mantova.

Indice

BiografiaModifica

 
Stemma dei Capilupi, conservato a Mantova.

Nacque a Mantova l'8 luglio 1511 e fu l'ottavo figlio di Benedetto Capilupi e Taddea de' Grotti. Fu paggio della marchesa Isabella d'Este e da questa fu spinto a condividere lo studio umanistico insieme a Ercole Gonzaga, poi creato cardinale alla tenera età di vent'anni. Seguì l'esempio e le orme del cardinale, divenendo arcipresbitero di Rivalta. Seguì poi a Roma il cardinale Gonzaga in qualità di segretario e questi lo avviò alla carriera diplomatica presso la curia romana. Nel centro della città acquistò il palazzo poi conosciuto come palazzo Capilupi, ove dimorò, e restaurò sotto il consiglio di Michelangelo Buonarroti, creandovi anche una pinacoteca.

Mantenne stretti contatti con la famiglia Gonzaga e fu informatore di Ferrante I, quando nel 1535 divenne governatore di Milano. Amante delle lettere e dell'arte, nella capitale romana instaurò rapporti amichevoli con alcuni personaggi come l'artista Michelangelo e il poeta Annibal Caro.

Divenne segretario e consigliere di papa Giulio III e di papa Pio IV, favorendo le nozze di sua nipote Camilla Borromeo con Cesare I Gonzaga, figlio di Ferrante I Gonzaga, marchese di Guastalla. Il 21 gennaio 1560 fu nominato vescovo di Fano, succedendo allo stesso cardinale Ercole Gonzaga e fu anche nominato nunzio apostolico presso la repubblica di Venezia, dove incontrò e divenne amico del pittore Tiziano Vecellio. Ricevette la consacrazione episcopale il 20 giugno dello stesso anno. Partecipò al concilio di Trento del 1563.[1]

Morì a Roma il 20 aprile 1580 e venne sepolto nella Basilica di Santa Maria in Aracoeli.[2]

NoteModifica

  1. ^ Sito della diocesi di Fano-Fossombrone-Cagli-Pergola[collegamento interrotto]
  2. ^ I Capilupi e l’architettura.

BibliografiaModifica

  • Giovanni Andres, Catalogo de' codici della famiglia Capilupi di Mantova, Mantova, 1797. ISBN non esistente.
  • Cesare Cantù, Grande illustrazione del Lombardo-Veneto. Mantova e la sua provincia. Volume quinto, Milano, 1859. ISBN non esistente.
  • Gaspare De Caro, CAPILUPI, Ippolito, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 18, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1975. URL consultato il 10 maggio 2016.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN51679094 · ISNI (EN0000 0000 6629 9798 · SBN IT\ICCU\BVEV\038649 · LCCN (ENnr96023928 · GND (DE130399310 · BNF (FRcb10464855j (data) · BAV ADV10156234 · CERL cnp01307516