Irina Privalova

velocista e ostacolista russa
Irina Privalova
Nazionalità Unione Sovietica Unione Sovietica (fino al 1991)
Russia Russia (dal 1992)
Altezza 174 cm
Peso 63 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Velocità, 400 hs
Record
50 m 5"96 Record mondiale (indoor - 1995)
60 m 6"92 Record mondiale (indoor - 1993-1995)
100 m 10"77 Record nazionale (1994)
200 m 21"87 Record nazionale (1995)
200 m 22"10 Record europeo (indoor - 1995)
400 m 49"89 (1993)
400 m 50"23 (indoor - 1995)
60 hs 8"16 (indoor - 2000)
100 hs 13"56 (2000)
400 hs 53"02 (2000)
Società Spartak Moskva / Moskva Trade Union
Carriera
Nazionale
1986-1991Unione Sovietica Unione Sovietica
1992Squadra Unificata Squadra Unificata
1993-2000Russia Russia
Palmarès
Unione Sovietica Unione Sovietica
Mondiali 0 1 0
Mondiali indoor 1 1 0
Squadra Unificata Squadra Unificata
Giochi olimpici 0 1 1
Russia Russia
Giochi olimpici 1 0 1
Mondiali 1 2 2
Mondiali indoor 2 1 0
Europei 3 2 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Irina Anatol'evna Privalova, nata Sergeeva (in russo: Ирина Анатольевна Привалова?; Malachovka, 22 novembre 1968), è un'ex velocista e ostacolista russa, fino al 1991 sovietica, campionessa olimpica dei 400 metri ostacoli a Sydney 2000.

BiografiaModifica

Ad inizio carriera si dedica alla velocità, vincendo due medaglie olimpiche nel 1992 gareggiando sotto la bandiera della Squadra Unificata dell'ex-Unione Sovietica. Sempre nello sprint ottiene altri grandi successi, tra i vari spicca l'oro nella staffetta 4×100 m ai Campionati mondiali di Stoccarda nel 1993, ma anche l'accoppiata 100-200 m agli Europei di Helsinki 1994 e l'oro nei 200 metri agli Europei di Budapest 1998.

In quest'ultima manifestazione vinse anche l'argento nei 100 metri, nei quali costrinse la francese Christine Arron a stabilire l'ancora resistente record europeo (10"73), togliendolo proprio alla Privalova (10"77), per batterla. Nella staffetta vinse il bronzo dietro alla Francia (nella cui squadra la Arron corse l'ultima frazione in meno di 10") ed alla Germania.

Si è poi convertita ai 400 metri ostacoli, conquistando appunto l'oro olimpico a Sydney 2000, battendo in finale la giamaicana Deon Hemmings.

Irina Privalova è ancora oggi la detentrice dei record mondiali indoor dei 50 m piani (5"96) e dei 60 m piani (6"92). È stata anche campionessa mondiale indoor nei 60 m piani (7"02 nel 1991), 200 m piani (22"15 nel 1993) e 400 m piani (50"23 nel 1995).

Nel 1994 è stata eletta atleta europea dell'anno dalla European Athletic Association.

Record nazionaliModifica

SenioresModifica

PalmarèsModifica

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
In rappresentanza dell'  Unione Sovietica
1991 Mondiali indoor   Siviglia 60 m piani   Oro 7"02  
200 m piani   Argento 22"41  
Mondiali   Tokyo 100 m piani 11"16
200 m piani 22"28
4×100 m   Argento 42"20
In rappresentanza della   Squadra Unificata
1992 Giochi olimpici   Barcellona 100 m piani   Bronzo 10"84
200 m piani 22"19
4×100 m   Argento 42"16
In rappresentanza della   Russia
1993 Mondiali indoor   Toronto 60 m piani   Argento 6"97
200 m piani   Oro 22"15  
Mondiali   Stoccarda 100 m piani 10"96
200 m piani   Bronzo 22"13
4×100 m   Oro 41"49  
4×400 m   Argento 3'18"38  
1994 Europei   Helsinki 100 m piani   Oro 11"02
200 m piani   Oro 22"32
4×100 m   Argento 42"96
1995 Mondiali indoor   Barcellona 400 m piani   Oro 50"23  
Mondiali   Göteborg 100 m piani   Bronzo 10"96
200 m piani   Argento 22"12
1996 Giochi olimpici   Atlanta 100 m piani Semifinale 11"31
200 m piani Quarti di finale 22"82
4×100 m 42"27
1997 Mondiali indoor   Parigi 60 m piani 7"88
1998 Europei   Budapest 100 m piani   Argento 10"83  
200 m piani   Oro 22"62
4×100 m   Bronzo 42"73
1999 Mondiali   Siviglia 100 m piani Batteria 11"45
2000 Giochi olimpici   Sydney 400 m hs   Oro 53"02  
4×400 m   Bronzo 3'23"46

Altre competizioni internazionaliModifica

1993
1994
1996
1998

RiconoscimentiModifica

Collegamenti esterniModifica