Irish Army

ramo terrestre delle forze armate irlandesi

L'Irish Army, conosciuto semplicemente come Army (in irlandese: an tArm), è la componente terrestre delle Defence Forces dell'Irlanda.[7] Circa 7.300 persone hanno prestato servizio nell'esercito irlandese su base permanente a partire da maggio 2016, e c'erano 1.600 riservisti attivi,[1] divisi in due brigate organizzate geograficamente.[8][9] Oltre a mantenere i suoi ruoli primari della difesa dello Stato e della sicurezza interna dello Stato, dal 1958 l'esercito ha avuto una presenza continua nelle missioni di pace in tutto il mondo. L'esercito partecipa anche ai Gruppi tattici dell'Unione Europea. L'Air Corps e il Naval Service sostengono l'esercito nello svolgimento dei suoi compiti.

Irish Army
(GA) an tArm
trad. Esercito irlandese
Badge of the Irish Defence Forces.svg
Emblema da berretto dell'Esercito
Descrizione generale
Attivafebbraio 1922
NazioneIrlanda Irlanda
TipoEsercito
RuoloDifesa nazionale
Dimensione7.310 soldati permanenti (Jul 2016)[1]
1.840 riservisti (gen 2019)[2]
Battaglie/guerreGuerra d'indipendenza irlandese
Guerra civile irlandese
Conflitto nordirlandese
Missioni di peacekeepingCrisi del Congo
Questione di Cipro
Guerra civile in Libano
Conflitto del Libano meridionale
Guerra civile in Somalia
Crisi di Timor Est del 1999
Guerra civile in Ciad
Guerra civile siriana
Sito internetDefence Forces - Army
Parte di
Defence Forces
Comandanti
Capo di stato maggiore della difesaVice ammiraglio Mark Mellett DSM[3]
GOC 1st BrigadeGenerale di brigata Patrick Flynn[4]
GOC 2nd BrigadeGenerale di brigata Tony Cudmore[5]
GOC DFTCGenerale di brigata David Dignam[6]
Vice capo di stato maggiore della difesaMaggior generale Anthony McKenna
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Ruoli dell'esercitoModifica

I ruoli dell'Esercito sono:

  • Difendere lo stato irlandese contro l'aggressione armata.
  • Dare aiuto al potere civile (ATCP). Ciò significa che l'esercito assiste, quando richiesto, la Garda Síochána, che ha la responsabilità primaria della legge e dell'ordine in Irlanda.
  • Partecipare a operazioni multinazionali di sostegno alla pace, gestione delle crisi e soccorso umanitario a sostegno delle missioni di pace delle Nazioni Unite e dell'EUFOR (solo missioni di mantenimento della pace approvate dall'ONU).
  • Svolgere altri compiti che possono essere loro assegnati di volta in volta. Ad esempio, assistenza in occasione di calamità naturali, assistenza in relazione alla manutenzione dei servizi essenziali, ecc.

StoriaModifica

Le originiModifica

Le Defence Forces, compreso l'esercito, fanno risalire le loro origini all'Irish Republican Army (IRA), l'organizzazione di guerriglia che combatté le forze governative britanniche durante la guerra d'indipendenza irlandese. Nel febbraio 1922, il governo provvisorio iniziò a reclutare volontari nel nuovo National Army.

Il governo provvisorio venne istituito il 16 gennaio 1922 per assumere il potere nel nuovo Stato Libero d'Irlanda. Il 31 gennaio 1922, un'ex unità dell'IRA (la Dublin Guard) assunse il suo nuovo ruolo di prima unità del nuovo National Army e rilevò la Beggars Bush Barracks, la prima caserma britannica ad essere consegnata al nuovo Stato Libero d'Irlanda. Il primo comandante in capo del National Army, Michael Collins, prevedeva che il nuovo esercito fosse costruito attorno all'IRA preesistente, ma oltre la metà di questa organizzazione respinse i compromessi richiesti[senza fonte] dal Trattato anglo-irlandese che istituì lo Stato Libero d'Irlanda e favorì il sostegno della rivoluzionaria Repubblica irlandese che era stata fondata nel 1919.

In quanto tale, dal gennaio 1922 fino alla fine di giugno e allo scoppio della guerra civile irlandese, esistevano due forze armate antagoniste: il National Army, costruito da un nucleo di unità dell'IRA filo-Trattato, e armato e pagato dal governo provvisorio; e l'IRA anti-Trattato che si rifiutò di accettare la legittimità del nuovo stato. Entrambe le forze continuarono ad utilizzare il titolo in lingua irlandese Óglaigh na hÉireann, che era stato precedentemente utilizzato sia dall'IRA originale che dal suo predecessore, gli Irish Volunteers della metà del 1910. Nel luglio 1922, il Dáil Éireann autorizzò a raccogliere una forza di 35.000 uomini; nel maggio 1923 questa era cresciuta fino a 58.000. Il National Army non aveva l'esperienza necessaria per addestrare una forza di quelle dimensioni, tanto che circa un quinto dei suoi ufficiali e metà dei suoi soldati erano ex militari irlandesi dell'esercito britannico, che gli apportarono una notevole esperienza.[10]

La guerra civileModifica

 
Autoblindo Rolls-Royce fotografata durante la guerra civile

La guerra civile irlandese scoppiò il 28 giugno 1922. Il partito favorevole al Trattato Sinn Féin aveva vinto le elezioni del 16 giugno. Gli inglesi stavano esercitando una pressione crescente sul governo affinché affermasse il suo controllo sulle unità anti-Trattato dell'IRA che avevano occupato le Four Courts a Dublino; questa guarnigione aveva rapito JJ O'Connell, un tenente generale del National Army.

Nelle prime settimane della guerra civile, il National Army di recente formazione era composto principalmente da unità dell'IRA filo-Trattato, in particolare la Dublin Guard, i cui membri avevano legami personali con Michael Collins. La sua dimensione era stimata in circa 7.000 uomini, in contrasto con i circa 15.000 uomini dell'IRA anti-Trattato. Tuttavia, lo Stato Libero reclutò presto molti più soldati, con le dimensioni dell'esercito che raggiunsero 55.000 uomini e 3.500 ufficiali entro la fine della guerra civile nel maggio 1923. Molte delle sue reclute erano irlandesi temprati dalla guerra che avevano prestato servizio nell'esercito britannico durante la prima guerra mondiale. W. R. E. Murphy, un secondo in comando dell'National Army nella guerra civile (dal gennaio al maggio 1923), era stato tenente colonnello dell'esercito britannico, così come Emmet Dalton. In effetti, lo Stato Libero reclutava soldati esperti da dove poteva; altri due dei suoi generali anziani, John T. Prout e J.J. "Ginger" O'Connell, avevano prestato servizio nell'Esercito degli Stati Uniti.

Il governo britannico fornì al National Army uniformi, armi leggere, munizioni, artiglieria e unità corazzate, che gli permisero di portare la guerra civile a una conclusione relativamente rapida. Le Four Courts e O'Connell Street vennero prese dalle unità dell'IRA anti-Trattato durante la battaglia di Dublino nel luglio 1922. L'IRA anti-Trattato venne rimossa anche da Limerick e da Waterford in quel mese e Cork e la Contea di Kerry vennero assicurate in un'offensiva decisiva via mare ad agosto.

Il resto della guerra fu una guerriglia, concentrata in particolare nel sud e nell'ovest del paese. Il 15 ottobre, Piaras Béaslaí, il direttore delle comunicazioni dello Stato Libero, inviò alla stampa direttive secondo cui i soldati dello Stato Libero dovevano essere denominate "National Army", "Irish Army", o semplicemente "soldati". I soldati anti-Trattato dovevano essere chiamati "irregolari" e non dovevano essere indicati come "repubblicani", "IRA", "forze" o "soldati", né potevano essere dati i gradi dei loro ufficiali.[11] Le unità dell'National Army, in particolare la Dublin Guard, vennero implicate in una serie di atrocità contro combattenti anti-Trattato catturati.

Il National Army subì circa 800 vittime nella guerra civile, compreso il suo comandante in capo, Michael Collins. Collins venne sostituito da Richard Mulcahy.

Nell'aprile 1923, l'IRA anti-Trattato chiese un cessate il fuoco e in maggio ordinò ai suoi combattenti di "deporre le armi", ponendo effettivamente fine alla guerra.

Il National ArmyModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: National Army.

Con la fine della guerra civile, il National Army era diventato troppo grande per un ruolo in tempo di pace ed era troppo costoso da mantenere per il nuovo stato irlandese. Inoltre, molte delle reclute della guerra civile erano mal addestrate e indisciplinate, il che le rendeva materiale inadatto per un esercito professionale a tempo pieno. Lo Special Infantry Corps venne istituito per svolgere il primo dovere dell'esercito del dopoguerra, interrompere gli scioperi dei braccianti agricoli a Munster e nel Leinster meridionale, nonché per invertire il sequestro delle fabbriche dei socialisti.[12]

Richard Mulcahy, il nuovo ministro della Difesa irlandese, propose di ridurre l'esercito da 55.000 a 18.000 uomini nell'immediato dopoguerra.[13] Ciò provocò l'ammutinamento tra gli ufficiali del National Army nel 1923-1924, in particolare tra gli ex ufficiali dell'IRA che ritenevano che gli ex ufficiali dell'esercito britannico fossero trattati meglio di loro.[14]

Il 3 agosto 1923, il nuovo Stato approvò il Defence Forces (Temporary Provisions) Act che consolidava le basi legali delle forze armate esistenti..[15] Questa legge istituì "una forza armata chiamata Óglaigh na hÉireann (di seguito denominata the Forces) composta da un numero di ufficiali, sottufficiali e uomini che può essere di volta in volta fornito dall'Oireachtas."[16][17][18] La data di costituzione delle Defence Forces fu il 1º ottobre 1924.[17] Il termine "National Army" cadde in disuso.

L'esercito aveva un nuovo stabilimento, organizzazione, contrassegni di grado, copricapo ed ordini di abbigliamento.[18][19] L'Air Service del National Army divenne Air Corps e rimase parte dell'esercito fino agli anni '90. Venne creata un'unità di sola lingua irlandese - An Chéad Chathlán Coisithe (in inglese: The First Infantry Battalion) stabilita a Galway, e funzionava esclusivamente per mezzo della prima lingua ufficiale dello stato irlandese.[20]

L'EmergenzaModifica

L'Irlanda rimase neutrale durante la seconda guerra mondiale, che venne chiamata "The Emergency" dal governo irlandese. Circa 5.000 soldati disertarono e si unirono alle forze armate britanniche. Coloro che tornarono nel 1945 vennero licenziati sommariamente dalle forze armate e squalificati da qualsiasi forma di impiego finanziato dallo stato per sette anni.[21] Questi soldati in seguito ricevettero un'amnistia ufficiale e delle scuse dal governo irlandese (il 7 maggio 2013).[22]

Nonostante la posizione di neutralità irlandese, l'esercito fu notevolmente ampliato durante la guerra (con più reclutati nella forze di riserva). Al suo apice, l'esercito era composto da quasi 41.000 persone, con altri 106.000 riservisti.[23] Questa espansione venne intrapresa di fronte a potenziali invasioni da parte delle potenze Alleate o dell'Asse (entrambe avevano elaborato piani di emergenza per invadere l'Irlanda).[24]

Nell'Incursione di Natale del 1939, i resti dell'IRA rubarono una grande quantità di munizioni di riserva dell'esercito irlandese dalla sua discarica al Magazine Fort nel Phoenix Park di Dublino. Mentre ciò venne visto come fonte d'imbarazzo per l'esercito irlandese, la maggior parte venne recuperata.

Per tutta la durata della guerra, l'Irlanda, sebbene formalmente neutrale, sostenne tacitamente gli Alleati in diversi modi. Ad esempio, il Corridoio di Donegal permise agli aerei militari britannici con sede nella Contea di Fermanagh di volare attraverso lo spazio aereo irlandese verso l'Atlantico, aumentando così notevolmente il loro raggio operativo.[25] G2, la sezione d'intelligence dell'esercito, svolse un ruolo nell'individuazione e nell'arresto di spie tedesche, come Hermann Görtz.[26]

Missioni di paceModifica

Da quando l'Irlanda è entrata a far parte delle Nazioni Unite nel 1955, l'esercito è stato schierato in molte missioni di pace. La prima di queste missioni ebbe luogo nel 1958, quando un piccolo numero di osservatori venne inviato in Libano. Un totale di 86 soldati irlandesi sono morti al servizio delle Nazioni Unite dal 1960.[27]

CongoModifica

Il primo importante spiegamento all'estero avvenne nel 1960, quando le truppe irlandesi vennero inviate nel Congo come parte della forza delle Nazioni Unite ONUC. Il Congo Belga divenne una repubblica indipendente il 30 giugno 1960. Dodici giorni dopo, il governo congolese richiese l'assistenza militare delle Nazioni Unite per mantenere la sua integrità territoriale. Il 28 luglio 1960 il tn. col. Murt Buckley guidò il 32º Battaglione irlandese nel nuovo paese centrafricano indipendente. Questa è stata l'impresa più costosa per l'esercito dalla guerra civile, poiché 26 soldati irlandesi persero la vita.

Nove morirono in un singolo incidente chiamato "Imboscata di Niemba", in cui ad una pattuglia irlandese di undici uomini venne tesa un'imboscata da tribù locali. Nove soldati irlandesi e circa 25 membri della tribù vennero uccisi. Una commemorazione dell'imboscata di Niemba viene ospitata ogni anno dall'Irish Veterans Organization (ONET) alla Cathal Brugha Barracks, il sabato più vicino alla data effettiva dell'imboscata.

Uno dei più grandi impegni dell'ONUC in cui furono coinvolte le truppe irlandesi fu l'assedio di Jadotville. Durante questa azione, un piccolo gruppo di 150 soldati irlandesi (Compagnia "A", 35º Battaglione) venne attaccato da una forza più grande di quasi 4.000 soldati katangesi, nonché da mercenari francesi, belgi e rhodesiani, e supportato da un aereo da addestramento (un Fouga CM.170 Magister), attrezzato per l'attacco al suolo. I soldati irlandesi respinsero ripetutamente gli attaccanti e abbatterono l'artiglieria nemica e le postazioni di mortaio usando mortai da 60 mm.[28] Venne fatto un tentativo da parte di 500 soldati irlandesi e svedesi di sfondare verso la compagnia assediata, ma fallì. Il comandante irlandese alla fine si arrese. Un piccolo numero di soldati irlandesi venne ferito, ma nessuno ucciso. Si stima che fino a 300 dei loro aggressori vennero uccisi, inclusi 30 mercenari bianchi, e fino a 1.000 feriti.[28]

Un totale di 6.000 irlandesi hanno prestato servizio in Congo dal 1960 al 1964.

Cipro e SinaiModifica

A partire dal 1964, le truppe irlandesi hanno prestato servizio come forze di pace delle Nazioni Unite a Cipro (UNFICYP). Finora vi hanno prestato servizio oltre 9.000 irlandesi, senza subire perdite.

Nel 1973, un gruppo di fanteria e alcune truppe logistiche vennero ritirate da Cipro con breve preavviso per servire nel deserto del Sinai tra Egitto e Israele come parte della forza delle Nazioni Unite che supervisionò il cessate il fuoco che pose fine alla guerra del Kippur.

Dal 1976 al 1981, l'UNFICYP è stato comandato da un ufficiale irlandese, il maggiore generale James Quinn.

LibanoModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra del Libano (1978) e William O'Callaghan.
 
Irish troops serving with UNIFIL in 2013

Dal 1978 al 2001, un battaglione di soldati irlandesi venne dispiegato nel Libano meridionale, come parte della forza di mandato delle Nazioni Unite UNIFIL. Il battaglione irlandese era composto da 580 membri del personale che venivano ruotati ogni sei mesi, più altri quasi 100 nel quartier generale dell'UNIFIL e nella Force Mobile Reserve. In tutto, 30.000 soldati irlandesi hanno prestato servizio in Libano per 23 anni.

Le truppe irlandesi in Libano avevano inizialmente lo scopo di supervisionare il ritiro delle Forze di difesa israeliane dall'area dopo un'invasione nel 1978 e di prevenire combattimenti tra le forze dell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina e Israele.

Nell'aprile 1980, tre soldati irlandesi furono uccisi in un episodio di violenza vicino a At Tiri nel sud del Libano. Il 16 aprile 1980, i soldati che tentavano di creare un posto di blocco vicino ad At Tiri vennero attaccati da membri dell'Esercito del Libano del Sud (una milizia cristiana appoggiata da Israele). Il soldato semplice Stephen Griffin, del 46º Battaglione irlandese, venne colpito alla testa e morì. Due giorni dopo, un gruppo di tre soldati irlandesi, un ufficiale americano, un ufficiale francese e due giornalisti si stavano recando ad un postazione delle Nazioni Unite vicino al confine israeliano quando vennero intercettati da membri dell'E.L.S. Il soldato semplice John O'Mahony di Killarney, nella contea di Kerry, venne colpito e ferito e i suoi due compagni, i soldati Thomas Barrett di Cork e Derek Smallhorne di Dublino vennero portati via. Entrambi gli uomini vennero trovati uccisi nelle vicinanze, con i loro corpi che mostravano segni di tortura.[29][30]

Un'altra invasione israeliana nel 1982 costrinse l'OLP a lasciare il Libano meridionale e occupò l'area. I successivi diciotto anni fino al 2000 hanno visto la guerriglia prolungata tra le forze israeliane, i loro alleati nell'Esercito del Libano del Sud ed Hezbollah. L'UNIFIL venne colta nel mezzo di questo conflitto. Il ruolo del battaglione irlandese consisteva nel presidiare i checkpoint e i posti di osservazione e nel montare pattuglie. Un totale di 47 soldati venne ucciso. Oltre al mantenimento della pace, gli irlandesi fornirono aiuti umanitari alla popolazione locale, ad esempio aiutando l'orfanotrofio di Tibnin. Dal 25 aprile 1995 al 9 maggio 1996, il generale di brigata P. Redmond fu vice comandante della forza dell'UNIFIL durante un periodo che coincise con l'offensiva israeliana Operazione Grappoli d'Ira nel 1996.

La maggior parte delle truppe irlandesi vennero ritirate dal Libano nel 2001, in seguito all'evacuazione israeliana delle loro forze l'anno precedente. Tuttavia, 11 soldati irlandesi rimasero lì come osservatori. Erano presenti durante la guerra del Libano del 2006. Dopo questo conflitto, l'UNIFIL venne rinforzata e una compagnia di fanteria meccanizzata di 165 soldati irlandesi venne schierata nel sud del Libano. Il loro ruolo era quello di fornire protezione perimetrale per un'unità di ingegneria dell'esercito finlandese. Dopo 12 mesi, il 1º Battaglione finlandese/irlandese cessò le operazioni e venne dimesso dal servizio dopo aver completato il suo mandato con l'UNIFIL. Un certo numero di personale irlandese rimase in servizio presso la sede dell'UNIFIL nel sud del Libano.[31]

I battaglioni irlandesi tornarono in Libano nel 2011 - inizialmente con circa 480 soldati schierati nella regione.[31] Ciò venne ridotto a circa 330 soldati nel maggio 2013,[32] e ad oltre 10 soldati nel novembre 2013.[33][34] A maggio 2016, c'erano 194 soldati irlandesi schierati presso l'UNIFIL in servizio a fianco delle forze armate finlandesi come parte di un battaglione congiunto che è attualmente sotto il comando finlandese. L'Irlanda assunse il comando del battaglione dalla Finlandia nel novembre 2016, momento in cui un'ulteriore compagnia di circa 150 persone venne schierata presso l'UNIFIL portando il contributo dell'Irlanda di questa missione a 340 persone.[35]

Iran ed IraqModifica

Dall'agosto 1988 al maggio 1991, i soldati irlandesi sono stati schierati sotto la forza delle Nazioni Unite UNIIMOG, al confine tra Iraq e Iran per supervisionare il ritiro delle forze di entrambe le parti all'interno dei rispettivi confini dopo la fine della guerra Iran-Iraq. Gli irlandesi fornirono 177 dei 400 membri del personale UNIIMOG coinvolti nella missione. La missione terminò nel 1991, quando Iran e Iraq completarono il ritiro delle loro truppe. Un piccolo numero di osservatori irlandesi fu di stanza in Kuwait dal 1991 al 2002 come parte di UNIKOM.[36]

Somalia ed EritreaModifica

Nel 1993, 100 soldati che formarono una compagnia trasporti vennero schierati in Somalia, come parte della missione di pace UNOSOM II. Nel dicembre 2001, 221 soldati irlandesi vennero inviati in Eritrea come parte di UNMEE, e vennero incaricati della difesa del quartier generale delle Nazioni Unite lì.

Bosnia e KosovoModifica

Nel 1997 un'unità dell'Irish Army Military Police e alcune altre truppe vennero schierate in Bosnia come parte di SFOR (1995–2005) ed EUFOR (dicembre 2005-in corso). La compagnia MP aveva sede nel quartier generale della SFOR a Sarajevo e controllava gli 8.000 soldati SFOR di stanza nell'area. Dal 1999 al 2010, una compagnia di truppe irlandesi fu di stanza nel Kosovo come parte della KFOR.

Timor EstModifica

Nel luglio 1999, ufficiali irlandesi sono stati inviati a Timor Est come parte del gruppo di osservatori UNAMET (Referendum sull'indipendenza di Timor). In ottobre, un plotone di Rangers (1 Ircon) dell'Army Ranger Wing (ARW) venne inviato come parte della forza di pace INTERFET dopo il referendum.[37] Il plotone ARW servì nella compagnia di ricognizione del 1st Battalion, Royal New Zealand Regiment (1 RNZIR) Battalion Group per un tour di quattro mesi. INTERFET passò ad UNTAET durante il tour di ARW 2 Ircon nel 2000. Il terzo contingente a Timor Est (3 Ircon) nel giugno 2000 segnò una nuova partenza per le Defence Forces, poiché tutte le sezioni di fanteria vennero tratte dal 2º Battaglione fanteria.[37] La fine del 2000 ha visto il 12º fanteria rifornire il 4 Ircon. Nove contingenti in totale vennero schierati tra cui il 4º Battaglione fanteria, il 5º Battaglione fanteria, il 28º Battaglione fanteria, il 1 Cathlán Coisithe ed infine il 6º Battaglione fanteria sotto UNMISET fino a maggio 2004.

LiberiaModifica

Dopo il novembre 2003, le truppe irlandesi erano di stanza in Liberia come parte dell'UNMIL. La missione liberiana era il più grande schieramento irlandese all'estero dal Libano e consisteva in un unico battaglione composito. La forza delle Nazioni Unite, l'UNMIL, era composta da 15.000 uomini ed era stata incaricata di stabilizzare il paese dopo la seconda guerra civile liberiana. Le truppe irlandesi erano situate a Camp Clara, vicino a Monrovia e avevano il compito di agire come "Quick Reaction Force" (QRF) del comandante della forza nell'area di Monrovia. Ciò significava la messa in sicurezza di luoghi chiave, la ricerca di armi detenute illegalmente, il pattugliamento e la sorveglianza dei posti di blocco sulle strade principali e la sicurezza dei civili minacciati di violenza. Lo schieramento irlandese in Liberia doveva concludersi nel novembre 2006. Tuttavia, a quel tempo lo schieramento venne esteso per altri 6 mesi fino a maggio 2007.[38] Durante lo schieramento dell'UNMIL, un distaccamento d'Irish Army Rangers salvò con successo un gruppo di civili tenuti in ostaggio da uomini armati liberiani rinnegati. Agendo sull'intelligence, venti ranger armati fino ai denti vennero lanciati da un elicottero, liberando gli ostaggi e catturando il capo dei ribelli.[39] In tutto i seguenti battaglioni vennero coinvolti in 2.745 missioni cumulative sotto l'UNMIL:[40]

  • 90th Infantry Battalion (4th Western Brigade) - nov 2003-mag 2004
  • 91st Infantry Battalion (2nd Eastern Brigade) - mag 2004-nov 2004
  • 92nd Infantry Battalion (1st Southern Brigade) - nov 2004-mag 2005
  • 93rd Infantry Battalion (4th Western Brigade) - mag 2005-nov 2005
  • 94th Infantry Battalion (2nd Eastern Brigade) - nov 2005-mag 2006
  • 95th Infantry Battalion (1st Southern Brigade) - mag 2006-nov 2006
  • 96th Infantry Battalion (4th Western Brigade) - nov 2006-mag 2007

CiadModifica

Nell'agosto 2007, il governo irlandese annunciò che 200 soldati irlandesi sarebbero stati inviati a sostenere lo sforzo delle Nazioni Unite nell'ambito dell'EUFOR Chad/CAR. Nel 2008 erano statii schierati 500 soldati[41] - 54 dei quali erano Irish Army Rangers. Nell'annunciare la missione, il Ministro della Difesa riconobbe la natura regionale della crisi, che aveva comportato instabilità nel Darfur, nel Ciad e nella Repubblica Centrafricana.[42] In conformità con i loro termini di riferimento, lo spiegamento delle forze irlandesi era limitato al Ciad. L'Irlanda fornì il secondo più grande contingente di soldati all'EUFOR Chad/CAR, dopo la Francia, come parte della missione per stabilire la pace in Ciad e per proteggere i rifugiati dal vicino Darfur.[43][44] I soldati irlandesi condussero operazioni relative alla fornitura di aiuti umanitari, alla protezione dei civili e alla sicurezza del personale delle Nazioni Unite.[45] C'erano un certo numero di schieramenti nella missione, a rotazione ogni quattro mesi, con il contingente finale che completò il suo tour nel maggio 2010:[46]

  • 97th Infantry Battalion - giugno 2008-ott 2008
  • 98th Infantry Battalion - ott 2008-gen 2009
  • 99th Infantry Battalion - gen 2009-mag 2009
  • 100th Infantry Battalion - mag 2009-ott 2009
  • 101st Infantry Battalion - ott 2009-gen 2010
  • 102nd Infantry Battalion - gen 2010-mag 2010[47]

SiriaModifica

Nel 2013 le Nazioni Unite chiesero all'Irlanda d'inviare forze di pace come parte della United Nations Disengagement Observer Force (UNDOF) nella regione del Golan in Siria, per cercare di contenere la guerra civile siriana dalla diffusione in Israele. Il 43º Gruppo fanteria, composto da 115 persone, venne schierato in Siria nel settembre 2013. Il gruppo ha il compito principalmente di fungere da riserva mobile della forza all'interno dell'area di responsabilità dell'UNDOF.[48] Le forze di pace irlandesi vennero attaccate dai ribelli siriani il 29 novembre 2013. Il convoglio irlandese finì sotto il fuoco di armi di piccolo calibro e un APC Mowag colpì successivamente una mina terrestre, danneggiando il veicolo, quando uscì dall'attacco. Gli irlandesi risposero al fuoco con mitragliatrici pesanti da 12,7 mm (calibro 0,50) montate sui loro veicoli prima che i ribelli si ritirassero.[49]

Gli irlandesi sono stati coinvolti in una missione di combattimento nell'agosto 2014 dopo che 44 soldati filippini delle Nazioni Unite vennero catturati dalla milizia ribelle Al Nusra. Alcuni dei soldati delle Nazioni Unite riuscirono a fuggire e una scorta corazzata del 44º Gruppo fanteria irlandese scortò i soldati filippini in salvo.[50] Venne fatto fuco con mitragliatrici pesanti ma non ci furono vittime da parte delle Nazioni Unite.[51] Il ministro degli Esteri irlandese dichiarò che avrebbe ritirato il contingente irlandese dal Golan a meno che non fossero state fornite garanzie sulla loro sicurezza. "Non vogliamo che le truppe irlandesi o il contingente delle Nazioni Unite vengano trascinati in una guerra civile siriana"', disse.[52] Le truppe irlandesi vennero ritirate nel Golan occupato da Israele nel 2014. Tuttavia, alla fine del 2016, 138 soldati irlandesi rimasero schierati nella regione sotto l'UNDOF.[35] Alla fine del 2018 il contingente delle Nazioni Unite tornò sul lato siriano del confine di fatto dopo che le forze governative siriane presero Dar'a e Quneitra dalle forze ribelli nell'offensiva della Siria meridionale del 2018.[53]

MansioniModifica

Mansioni di confineModifica

A casa, l'esercito fu schierato per aiutare la Garda Síochána (la forza di polizia) lungo il confine con l'Irlanda del Nord durante il conflitto noto come The Troubles (1969–1998). All'inizio degli anni '70, venne suggerito che l'esercito potesse attraversare il confine per proteggere la comunità nazionalista irlandese all'interno dell'Irlanda del Nord.[54] Ciò non fu mai attuato, sebbene le unità vennero trasferite nella regione di confine nel 1969-70 durante la battaglia di Bogside, al fine di fornire supporto medico ai feriti nei combattimenti.[55]

Aiuto al potere civileModifica

Il più grande aiuto dell'esercito al ruolo di potere civile sono le sue scorte di trasporto valori con oltre 2000 missioni svolte ogni anno. Tutte le grandi spedizioni di contanti all'interno dello Stato sono state fornite con una scorta militare armata dal 1978. L'esercito fornisce sicurezza armata 24 ore su 24 alla Prigione di massima sicurezza di Portlaoise e scorte armate per il servizio carcerario che trasportano i criminali più pericolosi d'Irlanda. La Central Bank of Ireland chiese al governo di mettere in atto piani di emergenza per fornire la sicurezza armata delle forze di difesa per le principali banche irlandesi per i timori per l'ordine pubblico se si fosse verificata una carenza di liquidità al culmine della crisi finanziaria del 2008/2009.[56]

Attuali schieramenti oltremareModifica

Al 1º dicembre 2015, 493 membri delle Defence Forces prestavano servizio in 12 diverse missioni in tutto il mondo, tra cui Libano (UNIFIL), Siria (UNDOF), Medio Oriente (UNTSO), Kosovo ( KFOR), Gruppo tattico 2016 a guida tedesca e altre nomine di osservatori e personale nelle postazioni di Nazioni Unite, UE, OSCE e PfP.[57] I schieramenti più grandi includono:[57]

  • Libano (UNIFIL) 51 Infantry Group[58]
  • Siria (UNDOF) 50 Infantry Group[58]

AddestramentoModifica

 
Due soldati che indossano una ghillie suit per nascondersi durante l'addestramento da cecchino
 
Addestramento chimico, biologico, radiologico e nucleare (CBRN)

Tutti i membri arruolati dell'esercito subiscono 29 settimane di addestramento per diventare un soldato di fanteria completamente addestrato. Le prime 17 settimane sono di addestramento reclute, dopodiché essi diventano un soldato a 2 stelle. Quindi subiscono altre 12 settimane di addestramento avanzato, dopo di che terminano l'addestramento come soldati a 3 stelle, soldati o artiglieri a seconda dei rispettivi corpi. Durante queste 29 settimane continue di addestramento, sono tenuti a vivere in caserma. L'esercito recluta sia uomini che donne.[59]

L'addestramento al reclutamento include esercitazione a piedi, esercitazione sulle armi, artigianato da campo, medicina, operazioni radio, tiro con il fucile, combattimento a mani nude, contro-IED, addestramento fisico tattico e quotidiano (PT). Durante questa fase di addestramento, vengono anche addestrati con le armi su fucile Steyr, mitragliatrici ad uso generale e granate.

Al termine dell'addestramento di reclutamento, i soldati diventano soldati a 2 stelle e iniziano immediatamente l'addestramento a 3 stelle. Ciò include un addestramento più avanzato di tutto ciò che è coperto dall'addestramento delle reclute più addestramento antisommossa, navigazione, CBRN, esercitazioni con elicotteri, sopravvivenza, FIBUA, addestramento ATCP, addestramento tattico di tiro dal vivo, ecc. Ricevono anche ulteriore addestramento sulle armi sul lanciagranate M203 e sull'arma anti-corazzato a corto raggio.

Durante il loro servizio, i soldati devono completare i corsi d'addestramento specialistico per soldati addestrati per migliorare le loro abilità e per la promozione.

OrganizzazioneModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Struttura delle Irish Defence Forces.

L'esercito ha uno stabilimento di 7.310[1] soldati e consiste di due brigate.[8] Prima del 2012 l'esercito era diviso in tre brigate, organizzate per essere responsabili di un'area geografica dello Stato: Meridionale, Orientale ed Occidentale.[9] A seguito delle decisioni di bilancio nel 2011,[60] l'esercito venne riorganizzato alla fine del 2012 in una struttura a due brigate.[8][61] L'elemento di addestramento dell'esercito, il Defence Forces Training Centre, opera indipendentemente dalla struttura della brigata.

 
Struttura dell'Irish Army

Corpi dell'esercitoModifica

Infantry CorpsModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Infantry Corps.

L'Infantry Corps rappresenta la componente più numerosa ed è il corpo operativo dell'Esercito. Deve essere preparato per uno schieramento tattico in qualsiasi luogo con breve preavviso. In tempo di guerra ciò significa che i suoi membri saranno tra le truppe di prima linea nella difesa dello stato irlandese. In tempo di pace, possono essere visti svolgere quotidianamente compiti operativi in aiuto al potere civile come fornire scorta a carichi di denaro, prigionieri o esplosivi, pattuglie di installazioni statali vitali e pattuglie di confine, compresi i checkpoint.

Artillery CorpsModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Artillery Corps.
 
L118 Light Gun da 105mm con equipaggio dell'Artillery Corps (Army Reserve)

L'Artillery Corps fornisce supporto di fuoco come richiesto dalla fanteria o da elementi corazzati. Il Corpo venne fondato nel 1924 e oggi è composto da due armi principali: Artiglieria da campagna e Difesa Aerea[senza fonte]. Tra di loro, le due armi del Corpo forniscono diversi servizi vitali;

  • Supporto di fuoco di fanteria o di truppe corazzate.
  • Difesa aerea da terra a bassa quota.
  • Supporto della batteria da campagna leggera al battaglione irlandese d'oltremare.
  • Aiuto alle mansioni del potere civile.

Ogni brigata ha un singolo reggimento di artiglieria.[senza fonte]

Cavalry CorpsModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Cavalry Corps.
 
MOWAG Piranha del Cavalry Corps

Il Cavalry Corps è la formazione di ricognizione corazzata dell'esercito.

Engineer CorpsModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Engineer Corps.

L'Engineer Corps è l'unità del Genio di combattimento delle Defence Forces. Il Genio è responsabile di tutte le questioni d'ingegneria militare nelle Defence Forces.

Ordnance CorpsModifica

 
Un membro di una squadra di eliminazione degli ordigni esplosivi (EOD) dell'esercito irlandese
  Lo stesso argomento in dettaglio: Ordnance Corps.

La responsabilità per l'approvvigionamento e la manutenzione di tutto l'equipaggiamento d'artiglieria è conferito all'Ordnance Corps e comprende uno spettro di equipaggiamenti che vanno dai missili antiaerei e armamenti navali alle uniformi indossate dal personale militare. Il corpo è anche responsabile per l'approvvigionamento di cibo e la fornitura di servizi di ristorazione commerciale. Questi compiti sono di natura tecnica e il personale del corpo è adeguatamente qualificato e con l'esperienza per consentire la valutazione tecnica di sistemi d'arma completi, incluse anche le armi[non chiaro], le munizioni, gli strumenti di controllo del fuoco e le apparecchiature per la visione notturna. L'Ordnance Corps fornisce lo smaltimento di ordigni esplosivi improvvisati all'interno dello stato, a sostegno della Garda Síochána. I corsi sono condotti per il proprio personale e per gli studenti delle forze armate e di polizia di altre nazioni. Il personale dell'Ordnance Corps continua a servire nelle missioni all'estero e costituisce una componente essenziale delle missioni che coinvolgono le truppe.[62]

Transport CorpsModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Transport Corps.

Il Transport Corps è responsabile dell'approvvigionamento, della gestione e della manutenzione dei veicoli a pelle morbida e della manutenzione dei veicoli blindati. È anche responsabile degli standard di guida, dell'addestramento e della certificazione, nonché della fornitura di carburanti e lubrificanti per veicoli e di alcuni aspetti logistici, come le capacità di sollevamento di carichi pesanti.

Medical CorpsModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Medical Corps.

Il Medical Corps è responsabile della promozione della salute e della cura del personale malato o ferito, e ha fornito supporto medico e dentistico in tutte le principali missioni dell'esercito delle Nazioni Unite.[63] Come con armi simili in altre forze armate, a volte forniscono anche assistenza umanitaria alle popolazioni civili locali, fornendo assistenza medica laddove i servizi sanitari locali non funzionano adeguatamente.[63]

Military Police CorpsModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Military Police Corps (Irlanda).

La Polizia militare (in irlandese: Póilíní Airm, da qui il soprannome "PAs") è responsabile della prevenzione e dell'investigazione dei reati, dell'applicazione della disciplina e del controllo generale delle Defence Forces. In tempo di guerra, compiti aggiuntivi includono la fornitura di un'organizzazione di controllo del traffico per consentire il rapido spostamento delle formazioni militari nelle aree di missione. Altre regole in tempo di guerra includono il controllo dei prigionieri di guerra e dei rifugiati. Tradizionalmente, la Polizia Militare ha avuto un coinvolgimento in occasioni statali e cerimoniali. Negli ultimi anni la Polizia Militare è stata schierata nelle missioni dell'ONU (come Iran e Iraq) e successivamente nell'ex Jugoslavia (SFOR). La Gardaí assiste nel fornire formazione specialistica di polizia alla polizia militare nel campo delle indagini sulla criminalità.

Communications & IT CorpsModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: CIS Corps.

Il Communications and Information Services (CIS) Corps è un corpo di supporto responsabile dell'installazione, della manutenzione e del funzionamento delle apparecchiature di telecomunicazione e dei sistemi informativi.

Gradi militariModifica

UfficialiModifica

Parata                      
Operativo                      
Irlandese Leifteanant-ghinearál Maor-ghinearál Briogáidire-ghinearál Coirnéal Leifteanant-choirnéal[64] Ceannfort Captaen Leifteanant Dara leifteanant Dalta sinsir Dalta sóisir
Traduzione Tenente generale Maggior generale Generale di brigata Colonnello Tenente colonnello Comandante Capitano Tenente Sottotenente Allievo ufficiale superiore Allievo ufficiale inferiore
Abbreviazione Tn gen Mag gen Gen brg Col Tn col Comdt Cap Tn Stn All All

SottufficialiModifica

Parata                 No insignia
Operativo                
Irish Maor-sáirsint cathláin/reisiminte[a 1] Ceathrúsháirsint cathláin/reisiminte[a 2] Sáirsint complachta/ceallraí/scuadrún[b 1] Ceathrúsháirsint complacht/ceallraí/scuadrún[b 2] Sáirsint Ceannaire Saighdiúr singil, 3 réalta Saighdiúr singil, 2 réalta Earcach
Traduzione e Sergente maggiore Sergente quartiermastro di reggimento Sergente di compagnia Sergente quartiermastro di compagnia Sergente Caporale Soldato, 3 stelle Soldato, 2 stelle Recluta
Abbreviazione BSM/RSM BQMS/RQMS CS/BS/SS CQ/BQ/SQ Sgt Cpl Pte/Gnr/Tpr 3* Pte 2* Rec

EquipaggiamentoModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Equipaggiamento dell'esercito irlandese.

ArmiModifica

 
Parata dell'esercito (marzo passato) con i fucili di servizio Steyr AUG in uniforme di servizio

L'esercito ha storicamente acquistato e utilizzato armi ed equipaggiamento da altri paesi occidentali, principalmente da nazioni europee. L'Irlanda ha un'industria degli armamenti molto limitata e raramente produce i propri armamenti.[senza fonte]

Fin dalla sua fondazione, l'esercito usò il fucile Lee–Enfield .303 di fabbricazione britannica, che sarebbe stato il caposaldo per molti decenni. Negli anni '60 avvenne una certa modernizzazione con l'introduzione del fucile da battaglia FN FAL da 7,62 mm di fabbricazione belga. Dal 1989 il fucile di servizio per l'esercito è il fucile d'assalto Steyr AUG da 5,56 mm di fabbricazione austriaca (utilizzato da tutte le armi delle Defence Forces).[65][66]

Altre armi in uso dall'esercito includono la pistola USP da 9 mm, il lanciagranate M203,[67][68] la mitragliatrice FN MAGì,[69] la mitragliatrice M2 Browning,[70] il fucile di precisione Accuracy International Arctic Warfare,[71] lo SRAAW AT4,[72] il missile guidato anticarro FGM-148 Javelin[67][73], l'obice L118 105mm,[74] ed il sistema missilistico terra-aria RBS-70.[75][76]

VeicoliModifica

 
The RG Outrider, in use with the Irish Army in various roles

L'esercito ha acquistato 80 veicoli trasporto truppe Mowag Piranha di fabbricazione svizzera che sono diventati il veicolo principale dell'esercito nel ruolo di fanteria meccanizzata. Questi sono equipaggiati con la HMG da 12,7 mm, o con il cannone automatico Oto Melara da 30 mm.[77] L'esercito gestisce un numero di RG Outrider.

NoteModifica

  1. ^ a b c Defence Forces Strength (Dáil Éireann Debate - Tuesday, 21 June 2016 - Vol. 914 No. 1), su oireachtasdebates.oireachtas.ie, Dáil Éireann Hansard, 21 giugno 2016. URL consultato il 26 luglio 2016.
    «the strength of the Permanent Defence Force at 31 May 2016 [..] was 9,137 personnel, comprising 7,310 Army personnel, 733 Air Corps personnel and 1,094 Naval Service personnel»
  2. ^ Joint Committee on Foreign Affairs and Trade, and Defence debate, su oireachtas.ie, Houses of the Oireachtas. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  3. ^ New Chief of Staff Appointed to Defence Forces, Afloat.ie, 29 settembre 2015. URL consultato il 29 settembre 2015.
  4. ^ General Staff > Brigade Commanders > GOC 1 Brigade, su military.ie, Defence Forces Ireland. URL consultato il 5 giugno 2016.
  5. ^ General Staff > Brigade Commanders > GOC 2 Brigade, su military.ie, Defence Forces Ireland. URL consultato il 12 luglio 2015.
  6. ^ General Officer Commanding (GOC) the Defence Forces Training Centre (DFTC), su military.ie, Defence Forces Ireland. URL consultato il 15 luglio 2019.
  7. ^ Le Defence Forces sono costituite dalle Permanent Defence Forces - le armi permanenti - e dalle Reserve Defence Forces. L'esercito è parte delle PDF.
  8. ^ a b c Irish Defence Forces Press Office, Irish Army - Organisation and brigade structure, su military.ie, Official Defence Forces Website. URL consultato il 13 dicembre 2012.
  9. ^ a b Irish Defence Forces Press Office, Ceremonial Stand Down Parade of the 4th Western Brigade, su military.ie, Official Defence Forces Website, 30 novembre 2012. URL consultato il 13 dicembre 2012.
  10. ^ Cottrell, Peter: The Irish Civil War 1922–23, p.23,+ p.51, Osprey Publishing Ltd. (2008) ISBN 978-1-84603-270-7
  11. ^ Edward Purdon, The Irish Civil War
  12. ^ Workers Solidarity Movement | Anarchist organisation in Ireland, su wsm.ie. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  13. ^ March 10th, 1924, The Irish Times, 10 marzo 1924.
  14. ^ Garret Fitzgerald, Notes on the background of the 1924 "mutiny", su generalmichaelcollins.com, 2003 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2011).
  15. ^ Defence Forces - History - Establishment, su military.ie. URL consultato il 23 dicembre 2014.
  16. ^ Number 30/1923: DEFENCE FORCES (TEMPORARY PROVISIONS) ACT, 1923, su acts.oireachtas.ie. URL consultato il 23 dicembre 2014.
  17. ^ a b A Pictorial History of Óglaigh na hÉireann, the Defence Forces of Ireland (PDF), su military.ie, Defence Forces (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2007).
  18. ^ a b Department of Defence - About Us, su defence.ie. URL consultato il 23 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2018).
  19. ^ Donal MacCarron, The Irish Defence Forces, Osprey 2004
  20. ^ Office of an An Coimisinéir Teanga - Scéim Óglaigh na hÉireann 2006–2009 (PDF), su coimisineir.ie, Coimisinéir Teanga / Language Commissioner.
  21. ^ Pardon for WWII Allies deserters - The Irish Times - Tue, Jun 12, 2012, su irishtimes.com, The Irish Times, 12 giugno 2012. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  22. ^ Paul Williams, Shatter finally brings in amnesty for deserters who fought Nazis, su independent.ie, The Irish Independent, 7 maggio 2013. URL consultato il 10 maggio 2013.
  23. ^ History of the Army, su military.ie.
  24. ^ Michael Kennedy e Victor Laing, The Irish Defence Forces 1940–1949 - The Chief of Staff's Reports (PDF), Irish Manuscripts Commission, 2011.
  25. ^ Joe McGowan, Irish Neutrality: Sacred Cow or Pious Wish?, in SligoHeritage, marzo 2005. URL consultato l'11 giugno 2015.
  26. ^ The spy who was left out in the cold, in Irish Independent, 7 febbraio 2001.
  27. ^ In Remembrance - List of personnel who died on service overseas, su militarychaplaincy.ie.
  28. ^ a b East Africa and Rhodesia, Volume 38
  29. ^ Still no justice for slain Irish soldiers, su independent.ie, 18 aprile 1980. URL consultato il 16 luglio 2014.
  30. ^ Alleged killer of Irish troops faces deportation - RTÉ News, su rte.ie, RTÉ.ie. URL consultato il 16 luglio 2014.
  31. ^ a b Current Missions | Overseas | Defence Forces, su military.ie. URL consultato il 31 luglio 2013.
  32. ^ 12 April 2013 - Defence Forces Troops Prepare For Deployment to Lebanon | News & Events | Press Office | Defence Forces, su military.ie, 12 aprile 2013. URL consultato il 3 dicembre 2013.
  33. ^ 171 Irish troops due home as their replacements settle in for Christmas in Lebanon, TheJournal.ie, 27 novembre 2013. URL consultato il 3 dicembre 2013.
  34. ^ Father and son among troops in latest Lebanon deployment, su breakingnews.ie, 7 novembre 2013. URL consultato il 3 dicembre 2013.
  35. ^ a b Defence Forces Deployment: 17 May 2016: Written answers (KildareStreet.com), su kildarestreet.com. URL consultato il 10 ottobre 2016.
  36. ^ Defence Forces - Past overseas missions - United Nations Iraq-Kuwait Observation Mission, su military.ie, Irish Defence Forces. URL consultato il 23 dicembre 2014.
  37. ^ a b UNAMET, INTERFET, UNMISET,, su Defence Forces. URL consultato il 20 novembre 2016.
  38. ^ Department of Defence - Press Release Cabinet approval for continued deployment of troops serving in Liberia, su defence.ie, Department of Defence.
  39. ^ Tom Brady, Crack troops rescue hostages from gunmen in daring raid, Irish Independent, 8 gennaio 2004. URL consultato il 13 aprile 2009.
  40. ^ Defence Forces - Past overseas missions - United Nations Military in Liberia, su military.ie. URL consultato il 23 dicembre 2014.
  41. ^ Christmas peace makers, Irish Independent, 22 dicembre 2008.
  42. ^ Press release, Minister for Defence, Willie O’Dea secures Cabinet approval for Chad mission, su defence.ie, Department of Defence, 20 novembre 2007. URL consultato il 4 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  43. ^ EU Military Operation in Eastern Chad and North Eastern Central African Republic (EUFOR Tchad/RCA) (PDF), su consilium.europa.eu, marzo 2009, p. 1. URL consultato il 1º luglio 2010.
  44. ^ 50 Irish troops arrive in Chad, RTÉ News, 21 febbraio 2008 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2008).
  45. ^ Shane Phelan, New peace mission on cards, Irish Independent, 20 novembre 2008.
  46. ^ Irish troops begin return from Chad, su examiner.ie. URL consultato il 23 dicembre 2014.
  47. ^ Irish troops returning from Chad, in Independent.ie. URL consultato il 23 dicembre 2014.
  48. ^ Department of Defence - Speeches, su defence.ie. URL consultato il 20 giugno 2015.
  49. ^ Irish troops fired on by Syrian rebel units, in irishtimes.com. URL consultato il 30 Nov 2013.
  50. ^ Irish troops evacuate Filipino peacekeepers in Syria, su irishtimes.com, 30 agosto 2014. URL consultato il 20 giugno 2015.
  51. ^ Conor Lally, Irish troops prove their mettle on hostile Syrian front line, su irishtimes.com, 15 giugno 2015. URL consultato il 20 giugno 2015.
  52. ^ Jim Cusack and John Drennan, Foreign Affairs Minister: 'I don't want Irish troops sucked into Syrian civil war', su independent.ie. URL consultato il 20 giugno 2015.
  53. ^ Conor Lally, Irish troops complete move back to Syrian side of Golan Heights, su The Irish Times.
  54. ^ History Ireland, su historyireland.com, History Ireland. URL consultato il 20 giugno 2015.
  55. ^ Ireland: Being and Belonging, pag. 131
  56. ^ Get army ready to protect banks: Central Bank’s warning to Taoiseach during crisis, su independent.ie, Irish Independent, 28 novembre 2014.
  57. ^ a b Defence Forces Deployment (Dáil Éireann Debate - Written Answers Nos. 515) - 9 June 2015 - Minister for Defence (Deputy Simon Coveney), su kildarestreet.com, Dáil Éireann, 9 giugno 2015. URL consultato l'11 giugno 2015.
  58. ^ a b Dáil Éireann - 17/Dec/2015 Written Answers Nos. 297-309, su oireachtasdebates.oireachtas.ie.
  59. ^ Training | Recruits | Army | Careers | Defence Forces, su military.ie. URL consultato il 10 ottobre 2016.
  60. ^ Paul O'Brien, Move to 'save' Western Brigade, in Irish Examiner, 12 luglio 2012. URL consultato il 13 dicembre 2012.
  61. ^ Re-Organisation of Defence Forces - Department of Defence press release, su defence.ie, 17 luglio 2012.
  62. ^ Ordnance | Army Corps | Organisation | Army | Defence Forces, su military.ie. URL consultato il 20 giugno 2015.
  63. ^ a b Medical | Army Corps | Organisation | Army | Defence Forces, su military.ie. URL consultato il 20 giugno 2015.
  64. ^ Il più alto grado dell'Army Reserve
  65. ^ Platoon Weapons - Defense Forces, su military.ie. URL consultato il 25 marzo 2019.
  66. ^ Army Weapons - Steyr, su military.ie. URL consultato il 25 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2010).
  67. ^ a b Jones, Richard D. Jane's Infantry Weapons 2009/2010. Jane's Information Group; 35 edition (January 27, 2009). ISBN 978-0-7106-2869-5.
  68. ^ Army Weapons - M203 Grenade Launcher, su military.ie. URL consultato il 25 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2010).
  69. ^ Army Weapons - Heavy Machine Gun (HMG), su military.ie. URL consultato il 25 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2010).
  70. ^ Company Weapons - Defense Forces, su military.ie. URL consultato il 25 marzo 2019.
  71. ^ Army Weapons - AI96 Sniper Rifle, su military.ie. URL consultato il 25 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2010).
  72. ^ Army Weapons - AT4 Short Range Anti-Armour weapon (SRAAW), su military.ie. URL consultato il 25 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2010).
  73. ^ Army Weapons - Javelin, su military.ie. URL consultato il 25 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2010).
  74. ^ Army Weapons - 105mm Howitzer, su military.ie. URL consultato il 25 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2010).
  75. ^ Irish Army Conducts Successful Live Firings of RBS 70 and RBS 70 NG, su saabgroup.com, Saab Group, 25 settembre 2017. URL consultato il 25 marzo 2019.
  76. ^ Army Weapons - RBS 70, su military.ie. URL consultato il 25 marzo 2019 (archiviato dall'url originale il 26 novembre 2010).
  77. ^ Don Lavery, Veteran armoured car fleet retired, su independent.ie, 1º maggio 2013. URL consultato l'8 maggio 2013.
  1. ^ Battaglione (Cathlán), Reggimento (Reisimint)
  2. ^ Battaglione (Cathlán), Reggimento (Reisimint)
  1. ^ Batteria (Ceallraí) nell'Artiglieria. Squadrone (Scuadrún) nella cavalleria.
  2. ^ Batteria (Ceallraí) nell'Artiglieria. Squadrone (Scuadrún) nella cavalleria.

Collegamenti esterniModifica