Apri il menu principale

Irma Gramatica

attrice italiana
Irma Gramatica

Irma Gramatica, all'anagrafe Maria Francesca Gramatica (Fiume, 25 novembre 1869[1]Tavarnuzze, 14 ottobre 1962), è stata un'attrice italiana. Ebbe due sorelle, Emma e Anna, anche loro famose attrici.

BiografiaModifica

Nata Maria Francesca ma chiamata Irma sin dall'infanzia, come in uso nella Carnia dove si trasformava in Irma tutte le bambine battezzate Maria Francesca[2].

Figlia di Domenico Gramatica e dell'istriana Cristina Bradil, rispettivamente suggeritore e sarta della compagnia di Luigi Monti, debuttò sulle scene a cinque anni nel dramma Cause ed effetti di Paolo Ferrari e subito dimostrò enormi possibilità. Ragazzina, recitò accanto ai grandi attori del momento come Cesare Rossi, Giacinta Pezzana, Flavio Andò ed Eleonora Duse affiancandoli nella Fedora di Victorien Sardou; con essi prese parte a una importante tournée in Sudamerica, dove iniziano a manifestarsi i primi sintomi di squilibrio: Irma tenta infatti il suicidio mangiando frutta esotica contaminata da febbre gialla. Il motivo è sconosciuto ma legato a difficoltà legate a un grande dolore interiore, di origini non sentimentali[3].

A diciassette anni sposa l'attore Arnaldo Cottin da cui ha un figlio l'anno successivo. Con Cottin torna, due anni dopo, in Argentina; durante la tournée, il bambino che avevano lasciato in Italia, muore. L'episodio porta a sancire la separazione tra la Gramatica e il marito. Rimasta in Argentina, contrasse una meningite[4] da cui si salvò rimanendo però anemica e debilitata da un intenso esaurimento nervoso che la portarono a una profonda depressione, iniziando a percepire la sua esistenza come un peso insopportabile[5].

 
Irma Gramatica

Tornata in Italia, nel 1892 diviene Prima attrice giovane nella Compagnia di Italia Vitaliani e Vittorio Salsilli e nel 1895 è primattrice, nella formazione di Napoleone Mozzidolfi e diretta da Alessandro Marchetti.
Sotto la guida di V. Valli perfezionò il proprio eccezionale temperamento, adatto a un repertorio assai vasto.

Si dimostrò sensibile sia al nuovo teatro che agli autori romantici dell'Ottocento.

Dopo essere uscita dalla compagnia della Duse entrò in quella di Ermete Zacconi, attore che come affermò la stessa Gramatica "ebbe assoluta influenza sullo svolgimento delle mie facoltà artistiche"[6]. Da qui iniziarono i grandi successi che portarono alla nascita della celeberrima Compagnia Talli-Gramatica-Calabresi.

Fu la prima Nennele in Come le foglie di Giuseppe Giacosa, Lisa in Dal tuo al mio di Giovanni Verga, Paolina in Sperduti nel buio di Roberto Bracco e soprattutto Mila di Codro nella Figlia di Jorio, che Gabriele D'Annunzio aveva scritto apposta per la Duse e che questa, ammalata, non poté portare sui palcoscenici.

Di carattere scontroso e irritabile, e come ella stessa si autodefinì di indole severa[4], cercò sempre di essere avvicinata il meno possibile[6], ammettendo di detestare le interviste; ne provava una vera fobia e quasi sempre le rifiutò[7].

Muore nella villa Giuseppina a Tavarnuzze il 14 ottobre 1962[6].

FilmografiaModifica

Prosa radiofonicaModifica

ScrittiModifica

  • Nascita di Mila di Codra, in "Scenario", a. VII n. 4, aprile 1938, pp. 185–186
  • Lui come i suoi lavori. Ci si scambiava le idee, in "La Fiera Letteraria", 26 giugno 1955
  • Quando fui Mila, in "Il Dramma", a. XXXI, nuova serie, n. 225, giugno 1955, pp. 44–46
  • Carteggio di Sabatino Lopez e Irma Gramatica, a cura di Guido Lopez, in "L'Osservatore Politico Letterario", a. IV n. 2, febbraio 1958
  • Tutta qui la mia vita, in "Il Dramma", a. XXXVIII n. 309, giugno 1962, pp. 46–54

NoteModifica

  1. ^ Irma Gramatica, Archivio Multimediale Attori Italiani, p. 1
  2. ^ Irma Gramatica, Tutta qui la mia vita, "Il Dramma", n. 309, giugno 1962, p. 47
  3. ^ Irma Gramatica, Archivio Multimediale Attori Italiani, p. 2
  4. ^ a b Irma Gramatica è morta ieri a Firenze, di Carola Prosperi, Stampa Sera, 15 ottobre 1962
  5. ^ Irma Gramatica, Archivio Multimediale Attori Italiani, p.3
  6. ^ a b c La scomparsa di Irma Gramatica, di Lucio Ridenti, Radiocorriere TV n. 43, 1962, p. 12
  7. ^ Colloquio con Irma Gramatica, di Vittorio Campi, Radiocorriere TV, n. 47, 1931, p. 19

BibliografiaModifica

  • Lucio Ridenti, La scomparsa di Irma Gramatica, Radiocorriere TV, n. 43, 1962, p. 12
  • Enrico Lancia, Roberto Poppi, Dizionario del cinema italiano. Le attrici, Gremese, Roma, 2003, p. 172
  • Radiocorriere TV

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN285052795 · ISNI (EN0000 0004 4036 0094 · SBN IT\ICCU\LO1V\255546 · LCCN (ENn88032634 · GND (DE118965085 · WorldCat Identities (ENn88-032634