Apri il menu principale
Variarum observationum liber, 1685

Isaac Vossius (Leida, 1618Windsor, 21 febbraio 1689) è stato un accademico e collezionista di manoscritti olandese.

Indice

BiografiaModifica

Era figlio di Gerhard Johann Vossius e mise insieme quella che è considerata la migliore biblioteca personale del mondo (Massil 2003). Era noto per la sua eccentricità ed era cresciuto in una famiglia erudita, immerso fin dalla tenera età in greco antico, geografia antica e arabo. Dal 1641 viaggiò per l'Europa, visitando l'Inghilterra, la Francia e l'Italia (in particolare Firenze), conoscendo studiosi come James Ussher e Hugo Grotius e cominciando la propria collezione di manoscritti, finché nel 1644 tornò nella città natia per diventare bibliotecario della città. Lo stesso anno divenne Fellow of the Royal Society di Londra.[1]

Nel 1648 diventò bibliotecario di corte di Cristina di Svezia, accompagnato dall'amanuense Cornelius Tollius, ma ostacolato da Claudius Salmasius. Alla morte del padre nel 1650, spedì la sua biblioteca personale in Svezia, che poi però abbandonò all'abdicazione della regina; Cristina, da lui raggiunta a Brussels, liquidò il suo compenso in libri, fra cui il Codex Argenteus.[2]

OpereModifica

NoteModifica

  1. ^ Library Catalogue, Royal Society. URL consultato il 4 agosto 2012.
  2. ^ http://www.ifla.org/IV/ifla64/050-132e.htm

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN54197108 · ISNI (EN0000 0001 1763 792X · LCCN (ENn82066647 · GND (DE119288842 · BNF (FRcb12212376j (data) · NLA (EN35791650 · BAV ADV10196580 · CERL cnp00405211 · WorldCat Identities (ENn82-066647
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie