Apri il menu principale
Isabella d'Orléans[1]
Isabelle d'Orléans, duchesse de Guise.jpg
Isabella d'Orléans di Philip de László
Duchessa di Guisa
Duchessa d'Orléans
Stemma
Nome completo in francese: sabelle Marie Laure Mercédès Ferdinande
Nascita Eu, Francia, 7 maggio 1878
Morte Larache, Marocco, 21 aprile 1961
Dinastia Casato d'Orléans
Padre Principe Filippo, Conte di Parigi
Madre Principessa Maria Isabella d'Orléans
Coniuge Principe Giovanni, Duca di Guisa
Figli Isabella, Contessa di Harcourt
Francesca, Principessa Cristoforo di Grecia
Anna, Duchessa d'Aosta
Principe Enrico, Conte di Parigi

Isabella d'Orléans, duchessa di Guisa, in francese Isabelle Marie Laure Mercédès Ferdinande d'Orléans, princesse de France (Eu, 7 maggio 1878Larache, 21 aprile 1961), fu un membro della famiglia reale degli Orléans e, per matrimonio, considerata dagli Orleanisti "Regina di Francia" dal 1926 alla sua morte.

BiografiaModifica

InfanziaModifica

Suo padre era Luigi Filippo Alberto d'Orléans, conte di Parigi, figlio di Ferdinando Filippo d'Orléans e di Elena di Meclemburgo-Schwerin; sua madre era Maria Isabella d'Orléans, infanta di Spagna, figlia di Antonio d'Orléans e di Luisa Ferdinanda di Borbone-Spagna.

"Miou", come la chiama in famiglia, trascorse i primi anni della sua vita in Normandia, insieme ai suoi genitori. Ma nel 1886, quando aveva appena otto anni, una legge dell'esilio che riguardava i membri della famiglia fu istituita dal governo della Terza Repubblica. La giovane Isabella lasciò poi il castello d'Eu per andare con i suoi genitori e i suoi fratelli e sorelle a Stowe House, nel Regno Unito, e a Villamanrique de la Condesa, in Spagna. Successivamente, tuttavia, Isabella può occasionalmente tornò in Francia poiché la legge riguarda solo i capi delle famiglie che hanno governato in Francia e i loro eredi diretti, e che le donne erano escluse dalle funzioni di capofamiglia dalla legge del 26 ventose anno XI (17 marzo 1803), che resterà in vigore fino al 1970.

Da giovane, Isabella fu educata in un ambiente selezionato in cui la cultura, e in particolare la storia, svolgono un ruolo fondamentale. Eppure, come la maggior parte dei membri della sua famiglia, mostrò di avere una pessima ortografia, come mostra la sua corrispondenza oggi.

MatrimonioModifica

Crescendo, diventa una ragazza molto carina, che, sommata alla qualità del pretendente al trono rivendicato da suo padre, gli permette di avere moltissimi pretendenti. Tra questi, il più notevole è certamente il futuro Alberto I del Belgio, ma dovette purtroppo abbandonare l'idea per l'opposizione di suo zio il re Leopoldo II che temeva le reazioni di Parigi per un matrimonio con la figlia di un pretendente esiliato[2].

Isabelle sposò a Twickenham, il 30 ottobre 1899, suo cugino Giovanni di Guisa. Giovanni era figlio di Roberto d'Orléans e di Francesca Maria d'Orléans. A quel tempo, Isabella e suo marito ricevettero da suo fratello, "Filippo VIII, duca d'Orleans", i titoli di cortesia di duca e duchessa di Guisa.

Dal matrimonio tra Isabella e Giovanni di Guisa sono nati quattro figli:

Per diversi anni, la coppia visse tra Parigi e le loro terre di Nouvion-en-Thiérache. Dopo la nascita del loro ultimogenito, si trasferirono in Marocco.

Durante la prima guerra mondiale, il Duca di Guisa tornò in Francia per recitare nei panni del delegato della Croce Rossa vicino al fronte, ma sua moglie e i suoi figli restarono in Marocco.

Solo dopo la morte del fratello della duchessa di Guisa e la pretesa dal marito come capo della casa di Francia, nel 1926[3], che la coppia si stabilì nel Manoir d'Angiò, in Belgio. E mentre il nuovo pretendente parla di politica con i militanti francesi che vengono regolarmente a visitarlo[4], la Duchessa di Guisa si occupa di opere di beneficenza e diventa sponsor particolare dei campi estivi per i bambini poveri.

Allo scoppio della seconda guerra mondiale, il Duca e la Duchessa di Guisa tornarono in Marocco. Suo marito morì poco dopo l'inizio dell'occupazione tedesca della Francia. Circondata da suo figlio, il nuovo conte di Parigi, sua nuora e diversi nipoti, la duchessa di Guisa non perse coraggio, tuttavia. Mantiene le sue funzioni caritatevoli visitando regolarmente i diseredati e gestendo la "Casa del Niño", un'istituzione che ha fondato dedicata al soccorso dei bambini poveri.

Albero genealogicoModifica

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Archives départementales de la Seine-Maritime en ligne, acte de naissance 4E 05277, vue 55/145, acte 100
  2. ^ Voir Pierre Daye, Léopold II, Fayard, 1934, p. 462
  3. ^ Georges Poisson, Op. cit., p. 344-345.
  4. ^ Da parte sua, il duca d'Anjou e di Madrid diresse dopo il 1909 le corrente legittimista.
  5. ^ (espagnol) Hemeroteca Digital. Biblioteca Nacional de España, su hemerotecadigital.bne.es, p. 212. URL consultato il 22 aprile 2019. Lingua sconosciuta: espagnol (aiuto)
  6. ^ (anglais) Le duc et la duchesse de Guise, et leur fils le comte de Paris, reçus au Vatican dans les années 1930 (JPG), su static.princemichaelschronicles.com. Lingua sconosciuta: anglais (aiuto)

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN285581051 · ISNI (EN0000 0003 9168 1659 · BNF (FRcb148975528 (data) · WorldCat Identities (EN285581051