Apri il menu principale
Isola di Capo Passero
CapoPassero - Sicily - Italy.jpg
Vista aerea dell'isola di Capo Passero
Geografia fisica
LocalizzazioneMar Ionio
Coordinate36°41′13″N 15°08′56″E / 36.686944°N 15.148889°E36.686944; 15.148889Coordinate: 36°41′13″N 15°08′56″E / 36.686944°N 15.148889°E36.686944; 15.148889
Superficie0,37 km²
Altitudine massima21 m s.l.m.
Geografia politica
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
ProvinciaSiracusa Siracusa
ComunePortopalo di Capo Passero-Stemma.png Portopalo di Capo Passero
Demografia
Abitanti0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Sicilia isola
Isola di Capo Passero
Isola di Capo Passero
voci di isole d'Italia presenti su Wikipedia

L'isola di Capo Passero è un'isola sita nel mar Ionio. Amministrativamente appartiene a Portopalo di Capo Passero, comune italiano della provincia di Siracusa (Italia).

Prende il nome dal Capo Passero, l'estrema punta sud-orientale dell'isola di Sicilia.

CaratteristicheModifica

 
Capo Passero, ancora penisola in una mappa francese.

Un tempo era una penisola, unita alla terraferma da un istmo sabbioso. Lunga appena 1300 metri e larga 500, si estende per 0,37 km².

Nella zona occidentale vi è una rinomata spiaggia sabbiosa. A nord si trova una tonnara, risalente al XIII secolo, ormai abbandonata. Ad est, la costa è frastagliata e vi sono alcune grotte marine, tra cui quella detta "del Polipo". Vi sono anche vari scogli che affiorano sotto il pelo dell'acqua.

Il forteModifica

Il cosiddetto Forte di Capo Passero, voluto dal viceré di Sicilia Marcantonio Colonna nel 1583 e terminato sotto il regno di Filippo III, re di Spagna tra il 1599 e il 1635, è l'edificio storico più importante. Nel 1959, fu inaugurata una statua bronzea raffigurante Maria di Nazaret, realizzata dallo scultore italiano Mario Ferretti.

FloraModifica

Al centro, l'isola è popolata dalla palma nana. Il botanico italiano Augusto Beguinot nel 1922 esaltava la bellezza di questo palmeto, mentre Giacomo Albo, tra il 1957 e il 1960, ne evidenziava l'impoverimento.[1]. Sulla costa occidentale, la vegetazione è molto sviluppata (tra le specie presenti si ricordano l'Euforbia pepilis, il giglio di mare e la rughetta marina).

FaunaModifica

La fauna dell'isola conta su conigli e lucertole, oltre a molti uccelli: fanelli, verdoni, cardellini, beccamoschini, saltimpali, gabbiani.

Una volta la zona era ricca anche di fauna marina, ma oggi molte specie, a cominciare dalla tartarughe marine (Caretta caretta), non frequentano più questa zona. Si trovano ancora, in piccoli banchi, cefali, spigole, saraghi, sogliole e aragoste.

NoteModifica

  1. ^ Archivio botanico e biogeografico italiano, volumi 51-53, su books.google.it. URL consultato il 30 gennaio 2014.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica