Isola di Capri

isola nel golfo di Napoli, situata di fronte alla penisola sorrentina
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'isola della Dalmazia, vedi Capri (Croazia).
Capri
Capri Centre Belvedere.jpg
Geografia fisica
LocalizzazioneMar Tirreno
Coordinate40°33′03.2″N 14°14′33.36″E / 40.550889°N 14.2426°E40.550889; 14.2426Coordinate: 40°33′03.2″N 14°14′33.36″E / 40.550889°N 14.2426°E40.550889; 14.2426
ArcipelagoArcipelago Campano
Superficie10.5 km²
Geografia politica
StatoItalia Italia
RegioneCampania Campania
Città metropolitanaNapoli Napoli
ComuneCapri e Anacapri
Demografia
Abitanti14 164 (30-6-2019)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Capri
Capri
voci di isole d'Italia presenti su Wikipedia

Capri è un'isola nel golfo di Napoli, appartenente all'arcipelago campano e parte della città metropolitana di Napoli, situata di fronte alla penisola sorrentina.

Ragguagli di varii scavi e scoverte di antichità fatte nell'isola di Capri, 1793. Da BEIC, biblioteca digitale

EtimologiaModifica

Nome latino Capreae, greco Καπρέαι. Probabilmente trasposizione di un originario toponimo italico (osco).

GeografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Grotta Azzurra e Faraglioni di Capri.

L'isola è, a differenza delle vicine Ischia e Procida, di origine carsica. Inizialmente era unita alla penisola sorrentina, salvo essere successivamente sommersa in parte dal mare e separata quindi dalla terraferma, dove oggi si trova lo stretto di Bocca Piccola. Capri presenta una struttura morfologica complessa, con cime di media altezza (Monte Solaro 589 m e Monte Tiberio 334 m) e vasti altopiani interni, tra cui il principale è quello detto di "Anacapri". È al ventunesimo posto tra le isole italiane in ordine di grandezza.

La costa è frastagliata con numerose grotte e cale che si alternano a ripide scogliere. Le grotte, nascoste sotto le scogliere, furono utilizzate in epoca romana come ninfei delle sontuose ville che vennero costruite qui durante l'Impero. La più famosa è senza dubbio la Grotta Azzurra, in cui effetti luminosi furono descritti da moltissimi scrittori e poeti.

Caratteristici di Capri sono i celebri Faraglioni, tre piccoli isolotti rocciosi a poca distanza dalla riva che creano un effetto scenografico e paesaggistico; ad essi sono stati attribuiti anche dei nomi per distinguerli: Faraglione di terra (o Saetta) per quello attaccato alla terraferma, Faraglione di Mezzo (o Stella) per quello frapposto agli altri due e Faraglione di Fuori (o Scopolo) per quello più lontano dall'isola.

L'isola conserva numerose specie animali e vegetali, alcune endemiche e rarissime, come la lucertola azzurra, che vive su uno dei tre Faraglioni. La vegetazione è tipicamente mediterranea, con prevalenza di agavi, fichi d'India e ginestre. A Capri non sono più presenti sorgenti d'acqua potabile ed il rifornimento idrico è garantito da condotte sottomarine provenienti dalla penisola sorrentina. L'energia elettrica viene fornita da una società privata in loco.

I comuni in cui è suddivisa l'isola sono Capri e Anacapri. Gli altri centri abitati più importanti sono le frazioni di Capri Marina Grande e Marina Piccola.

ClimaModifica

Nell'isola, che gode del clima mediterraneo Csa per eccellenza, si trovano la Stazione meteorologica di Capri e la Stazione meteorologica di Anacapri Damecuta.

TrasportiModifica

Collegamenti marittimiModifica

Per arrivare a Capri bisogna passare prima per i porti di Napoli o Sorrento e, da Pasqua a ottobre, anche da Castellammare di Stabia, Amalfi, Positano, Seiano o Salerno. I traghetti, adibiti anche al trasporto dei veicoli, partono solo dal porto di Napoli. Da Napoli il tempo medio di navigazione è di 80 minuti con nave traghetto e di 50 minuti con aliscafo o nave veloce. Da Sorrento, invece, è di 20-25 minuti con aliscafo o nave veloce. Per disciplinare il traffico dei veicoli durante i mesi estivi e il periodo natalizio è in vigore una specifica ordinanza del prefetto che vieta l’afflusso e la circolazione sull’isola degli autoveicoli, motoveicoli e ciclomotori appartenenti a persone non facenti parte della popolazione stabilmente residente nei comuni di Capri e Anacapri.

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Storia di Capri.

Suddivisione amministrativaModifica

Il territorio dell'isola di Capri è suddiviso in due comuni:[1]

Comune Popolazione
  Anacapri 7 022
  Capri 7 142

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2019.

BibliografiaModifica

  • Romana De Angelis Bertolotti, Capri: dal Regno d'Italia agli anni del fascismo, Napoli, Editoriale scientifica, 2001
  • Norbert Hadrava, Ragguagli di varii scavi e scoverte di antichità fatte nell'isola di Capri, Napoli, 1793.
  • Raffaele Vacca, Note su Capri, Napoli, Guida, 2004.
  • Andrea Nastri, CapriGuida. Itinerari di architettura sull’isola azzurra. 1800-1970, Napoli, CLEAN, 2011-2013.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN254877721 · LCCN (ENn82029594 · GND (DE4009452-2 · BNE (ESXX4819815 (data) · NDL (ENJA01155361 · WorldCat Identities (ENlccn-n82029594