Isola di Giannina

Isola di Giannina
Νήσος Ιωαννίνων
Nisi Ioannina 5990.jpg
Geografia fisica
LocalizzazioneLago Pamvotida
Coordinate39°40′39″N 20°52′30.5″E / 39.6775°N 20.875139°E39.6775; 20.875139Coordinate: 39°40′39″N 20°52′30.5″E / 39.6775°N 20.875139°E39.6775; 20.875139
Geografia politica
StatoGrecia Grecia
PeriferiaEpiro
ComuneGiannina
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Isola di Giannina
Isola di Giannina
voci di isole della Grecia presenti su Wikipedia

L'isola di Giannina (in greco Νήσος Ιωαννίνων) è situata nel lago Pamvotida, nella periferia dell'Epiro, in Grecia. Fa parte del comune di Giannina.

Fino al 2001, anno in cui entrò in vigore la riforma amministrativa detta Programma Callicrate[1], era una comunità autonoma, secondo i dati del censimento 2001[2] gli abitanti erano 347.

StoriaModifica

L'isola fu sede del monastero di Agios Pantelaemon fino al 17 gennaio 1882. Nel monastero, Ali Pascià fu ucciso dai sicari inviati dal sultano ottomano[3].

I riferimenti storici per l'isola risalgono a partire dal XIII secolo, quando furono fondati i primi monasteri ortodossi. Il primo monastero sull'isola era il Monastero di San Nicola Fjlancrwpjnw'n fondato nel XIII secolo e la chiesa fu costruita nel 1292, come indicato in una iscrizione all'ingresso del tempio. Nello stesso periodo è il Monastero di San Nicola Ntj'ljoy (o Stratigopoulos) fondata dalla famiglia bizantina Stratigopoulos. Nel XVI secolo, la comunità monastica sull'isola prosperò come risulta dall'istituzione di due altri monasteri. Il Monastero di San Metodio Nicola che più tardi divenne Santo Misericordioso e il Monastero di San Giovanni Battista, mentre il secolo successivo, furono fondatitre altri monasteri: monastero di San Panteleimon, il Monastero della Trasfigurazione e il monastero del Profeta Elia costruito in cima dell'isola.

L'insediamento è stato creato nel XVII secolo e nel dato tradizionale non confermato oggi, i primi abitanti provenivano da Mani. Al tempo di Ali Pascià, l'isola è diminuita d'importanza a causa della tassazione elevata imposta. Nel 1820, Ali entrò in conflitto con il sultano Mahmud II. Gli fu mandato contro Mehmet Pasha Hursit che assediò Giannina. Ali pose sull'isola, migliaia di soldati della guardia albanese in modo da poter bombardare Hursit e l'isola soffrì gravi danni. Nel gennaio del 1822, Alì fu sconfitto, e fuggì nel monastero di San Panteleimon, dove però fu ucciso. Durante questo periodo i monasteri furono praticamente abbandonati.

NoteModifica

  1. ^ Programma Callicrate (PDF), su ypes.gr. URL consultato il 2 maggio 2011.
  2. ^ Censimento 2001 (XLS), su ypes.gr. URL consultato il 2 maggio 2011.
  3. ^ ioannina

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • (ENEL) sito ufficiale, su nisos-ioanninon.gr. URL consultato il 19 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2009).
Controllo di autoritàVIAF (EN315126797 · WorldCat Identities (ENviaf-315126797