Apri il menu principale

Istituto Europeo di Oncologia

Istituto Europeo di Oncologia (IEO)
IEO logo.png
StatoItalia Italia
LocalitàMilano (Lombardia)
IndirizzoVia Ripamonti, 435
Fondazione1994
Sito web
Mappa di localizzazione

Coordinate: 45°24′52″N 9°12′28″E / 45.414444°N 9.207778°E45.414444; 9.207778

L'Istituto Europeo di Oncologia (spesso abbreviato IEO), è un ospedale e casa di cura a carattere scientifico di Milano che si occupa, oltre che della cura dei tumori, della ricerca scientifica atta a migliorare le metodiche di diagnosi e di cura di ogni forma di cancro, possedendo al suo interno diversi laboratori.

Fondato nel 1994 ha lo status di IRCCS (istituto di ricovero e cura a carattere scientifico). Annovera tra i suoi fondatori Enrico Cuccia e Umberto Veronesi.[1]

Indice

StoriaModifica

Nasce da un'idea di Umberto Veronesi: creare un modello innovativo di ospedale in cui i principi della gestione privata sono applicati alla sanità pubblica.[2] Opera in anticipo sui tempi creando un comitato etico e un comitato scientifico di cui fanno parte due Nobel: Renato Dulbecco (Nobel per la medicina nel 1975) e John Michael Bishop (Nobel per la medicina nel 1989).

Nel 1995 avvia la Divisione di medicina nucleare, la prima in Italia, iniziando gli studi di radioimmunoterapia.[2], nel 1996 è riconosciuto come Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico, nel 1997 acquista il più avanzato acceleratore lineare sul mercato.

Nel 2000 acquisisce il Centro Cardiologico Monzino di Milano, altro punto di eccellenza.[2]

Nel 2016 l'Umanitas di Gianfelice Rocca e il Gruppo ospedaliero San Donato (comprende il San Raffaele) della famiglia Rotelli presentano una proposta congiunta di acquisizione: la famiglia Veronesi si mostra favorevole, i vertici dello Ieo si dicono invece contrari per il timore di uno smembramento.[2][3]

Nel luglio 2018 Leonardo Del Vecchio, patron di LuxotticaEssilor ed entrato sei mesi prima nell'azionariato dell'ospedale con il 18,5% acquisito da Unicredit,[4] mette a disposizione attraverso la sua Fondazione 500 milioni di euro e un maxi piano di sviluppo per creare il polo della salute con Ieo e Monzino.[5] Il piano prevede l'ampliamento della struttura, la realizzazione di un centro ricerca per competere a livello internazionale, un campus universitario e una zona dedicata alle famiglie. Il progetto di Del Vecchio, che ha già acquisito nell'area sud di Milano terreni che una volta appartenevano alle società fallite della famiglia Ligresti ed erano poi finite in una società controllata da Unicredit, ha diviso i soci dello Ieo in due blocchi. Da un lato Del Vecchio sostenuto da Unicredit, dall'altro Mediobanca (il singolo maggiore azionista con il 25,37%), UnipolSai (14,3%), Intesa Sanpaolo (7%), Pirelli (6%), Banco Bpm (5%), Mediolanum (4%).[6]

TrasportiModifica

Trasporto pubblicoModifica

L'ospedale è collegato alla fermata Abbiategrasso della linea 2 della metropolitana tramite un servizio navetta gratuito, attivo dal lunedì al venerdì, che impiega circa 10 minuti per coprire la distanza, con una sola fermata intermedia nei pressi del Quark Hotel (via Lampedusa).[7]

AutomobileModifica

NoteModifica

  1. ^ Chi Siamo, Sito web IEO. URL consultato il 04-05-2015.
  2. ^ a b c d Come è nato lo Ieo di Veronesi che ha rivoluzionato la cura dei tumori, su askanews.it, 17 febbraio 2017. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  3. ^ L'assemblea Ieo respinge la proposta Humanitas e Gruppo San Donato, su ilsole24ore.com, 6 marzo 2017. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  4. ^ Leonardo Del Vecchio entra nel cda Ieo con il 18,5%, su ilsole24ore.com, 18 dicembre 2017. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  5. ^ Ieo, un maxi piano da 500 milioni per il polo della salute, su corriere.it, 13 luglio 2018. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  6. ^ Ieo, Del Vecchio tenta la mediazione con gli altri soci, su ilsole24ore.com, 14 settembre 2018. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  7. ^ Servizio Navetta, Sito web IEO. URL consultato il 04-05-2015.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 1757 0843