Istituto Pasteur

organizzazione sanitaria

L'Istituto Pasteur è una fondazione francese non profit dedicata allo studio della biologia, dei microorganismi, delle malattie e dei vaccini.

Prima sede dell'Istituto Pasteur a Parigi, attualmente sede del Musée Pasteur

StoriaModifica

Prende il nome da Louis Pasteur, fondatore e primo direttore, che mise a punto il primo vaccino contro la rabbia nel 1885. L'istituto è stato fondato il 4 giugno 1887, grazie ad una sottoscrizione internazionale, ed è stato inaugurato il 14 novembre 1888. La sede principale è a Parigi. L'attuale direttore generale è Christian Bréchot. È stato a lungo il più importante istituto per lo studio delle malattie infettive, conservando un'elevata attività nella ricerca e nella formazione, ed è ancora il maggior istituto francese di produzione di sieri e vaccini.[senza fonte]

L'Istituto Pasteur-Fondazione Cenci Bolognetti è la sede italiana della Rete Internazionale dei 32 Istituti Pasteur nel mondo[1], diretta dal Professor John Hiscott, biologo molecolare e virologo di fama internazionale.

Nel 1940, in un momento drammatico per tutta l’Europa, l’ultima erede di un'antica famiglia romana, la principessa Beatrice Fiorenza Cenci Bolognetti, sottoscrive un testamento che devolve gran parte dei suoi beni e proprietà per dar vita a un istituto specializzato nella ricerca biomedica, “in armonia con i fini perseguiti dall’Istituto Pasteur di Parigi e d’oltremare…” .

Nel 1970 viene stipulata una convenzione con l’Istituto Pasteur di Parigi e nel 1976 il riconoscimento giuridico formalizza l’inizio delle attività dell'istituto italiano.

I successiModifica

L'elenco delle ricerche svolte con successo all'Istituto Pasteur è molto lunga. Ricordiamo:

NoteModifica

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN158811055 · ISNI (EN0000 0001 2353 6535 · LCCN (ENn50055329 · GND (DE36271-2 · BNF (FRcb119872253 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n50055329