Istituto Weizmann

università israeliana
מכון ויצמן למדע
Weizmann Institute of Science
Istituto Weizmann
Weizmann accelerator.jpg
L'acceleratore di particelle presso l'istituto
Ubicazione
StatoIsraele Israele
CittàRehovot
Dati generali
Fondazione1934
FondatoreChaim Weizmann
Tipopubblica
Facoltà
  • Biochimica
  • Biologia
  • Chimica
  • Matematica e Informatica
  • Fisica
Studenti2 380 (2021)
Mappa di localizzazione
Sito web

L'Istituto Weizmann per le Scienze[1] (ebr. מכון ויצמן למדע, Machón Vaitsman Lamadá) è uno dei centri di ricerca più importanti del mondo e una delle più prestigiose università israeliane con sede a Rehovot, interamente dedicata alla ricerca scientifica. Diverse personalità legate a questo istituto hanno ricevuto alti riconoscimenti. Tra questi, si ricordano Ada Yonath e Michael Levitt, premi Nobel per la chimica rispettivamente nel 2009 e 2012, così come Amir Pnuel e Adi Shamir, vincitori del premio Turing nel 1996 e nel 2002.

StoriaModifica

 
La targa all'ingresso dell'istituto

Fondata nel 1934 da Chaim Weizmann col nome "Daniel Sieff Research Institute", nel 1949 venne rinominata Weizmann Institute of Science. Prima di diventare presidente dello Stato di Israele, lo stesso Weizmann condusse ricerche di chimica organica nei laboratori dell'istituto.

DescrizioneModifica

L'Istituto Weizmann offre corsi in matematica, informatica, fisica, chimica, biochimica e biologia, oltre a programmi di studio interdisciplinari. L'istituto ospita anche un importante centro di ricerca in fisica nucleare, inaugurato nel 1958 da Niels Bohr. La torre Koffler è una struttura dal disegno avveniristico, la più appariscente dell'intero complesso, che ospita un acceleratore di particelle ("Koffler accelerator").

L'università ogni anno assegna il Premio Dimitris N. Chorafas per lavori di ricerca pionieristici in medicina, ingegneria e scienze naturali, di eccezionale rilevanza e alto potenziale applicativo.

Conta attualmente (2021) circa 2380 studenti.

RettoriModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN143049955 · ISNI (EN0000 0004 0604 7563 · LCCN (ENn78095545 · BNF (FRcb118690572 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n78095545