Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'Esposizione Internazionale del Lavoro di Torino del 1961, vedi Expo 1961.
Italia '61
Paolo Monti - Servizio fotografico (Torino, 1961) - BEIC 6337387.jpg
Panoramica di Italia '61 in una foto di Paolo Monti
StatoItalia Italia
RegionePiemonte Piemonte
ProvinciaTorino Torino
CittàTurin coat of arms.svg Torino
CircoscrizioneCircoscrizione 8
QuartiereItalia '61

Italia '61 (così anche in lingua piemontese) è il quartiere, situato nella Circoscrizione 8 (Circoscrizione 9 fino al 2016), che ospitò l'Expo 1961 (ufficialmente Esposizione Internazionale del Lavoro - Torino 1961, (FR) Exposition International du Travail – Turin 1961, (EN) International Labour Exhibition), anche conosciuta appunto come Italia '61, svoltasi a Torino per celebrare il primo centenario dell'Unità d'Italia.

Indice

StoriaModifica

 
Il Palazzo a Vela (Palavela) e la monorotaia in attività nel 1961 in una foto di Paolo Monti
 
Il people mover di Italia '61
 
Autobus bipiano restaurato di Italia '61
 
Il giardino di Flor 61

Tra i protagonisti e promotori dell'iniziativa (Expo 1961) vi furono Giuseppe Pella, presidente del comitato Italia 61, l'allora sindaco di Torino Amedeo Peyron e Achille Mario Dogliotti, Presidente del Consiglio Direttivo.

L'esposizione richiamò più di quattro milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo. Le attrazioni principali furono la Monorotaia di Torino, il Circarama, sistema di proiezione cinematografica a 360° della Walt Disney, la cabinovia che collegava in modo spettacolare, passando sopra il Po, il Parco del Valentino con il Parco Europa posto sulla collina di Torino a Cavoretto.

Fu notevolmente migliorata l'illuminazione pubblica della città - e in particolare dell'area espositiva (corso Unità d'Italia) - grazie ai moderni impianti progettati da Guido Chiarelli: suscitò grande ammirazione l'illuminazione notturna del giardino roccioso al Parco del Valentino, realizzato nell'ambito della grande rassegna internazionale FLOR 61. Importantissimi i palazzi costruiti per l'occasione tra cui spiccano il Palazzo del Lavoro e il Palazzo a Vela.

Dopo l'ExpoModifica

 
L'ex "Stazione Nord" della monorotaia dopo i lavori di ristrutturazione e riconversione. Nel 2006 è stata ribattezzata Stazione Regina ed ospita i bambini malati dell'ospedale infantile Regina Margherit OIRM insieme ai loro familiari
 
Resti della Stazione Sud della Monorotaia
 
Palazzo del Lavoro nel 2015

Successivamente all'Expo svoltosi nel 1961, gli impianti espositivi furono utilizzati per ulteriori eventi e alcuni di essi sono stati riconvertiti, seppur con molte difficoltà.

I XX Giochi olimpici invernali di "Torino 2006" hanno permesso la riconversione ad edificio sportivo del Palavela.

La stazione Nord della monorotaia, dopo un lungo periodo di abbandono, è stata recuperata come edificio di accoglienza per le famiglie dei bambini ricoverati alla Città della Salute.

Il Palazzo del Lavoro, progettato dal celeberrimo Ingegnere Pier Luigi Nervi, è stato sede della Facoltà di Economia e Commercio e sede di archivio del capoluogo e si continua a discutere sul suo futuro utilizzo come sede commerciale, pur in presenza di un manufatto ormai estremamente degradato dal tempo e dagli agenti atmosferici.

TrasportiModifica

Il quartiere di Italia '61 è stato certamente un laboratorio di esperimenti nel settore dei trasporti durante tutto il periodo dell'esposizione. Infatti durante l'Expo 1961 diverse linee di autobus bipiano confluivano nel quartiere Italia '61 e una ovovia conduceva al colle di Cavoretto, sormontando il fiume Po.

Inoltre una linea futuristica di monorotaia ALWEG permetteva ai visitatori di spostarsi agevolmente da una zona espositiva all'altra dell'Expo: alla fine delle manifestazioni, essa continuò a funzionare saltuariamente e venne definitivamente dismessa nel novembre 1963.

Nel XXI secoloModifica

Nell'area occupata dalla Mostra delle Regioni durante l'Expo 1961 è di stanza un campus delle Nazioni Unite, sede dello staff college dell'ONU, del centro di formazione dell'OIL e - dal 2000 - del quartier generale dell'UNICRI. Nel 2019 è in costruzione la stazione sotterranea della metropolitana di Torino, del prolungamento Lingotto-Bengasi, in corrispondenza del futuro grattacielo della Regione Piemonte.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Torino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Torino