Italia Viva

partito politico italiano

Italia Viva (IV), formalmente Associazione Italia Viva[17], è un partito politico italiano di centro[18] fondato il 18 settembre 2019 e guidato da Matteo Renzi, presidente del Consiglio dal 22 febbraio 2014 al 12 dicembre 2016 ed ex segretario nazionale del Partito Democratico.

Italia Viva
PresidenteMatteo Renzi[1]
CoordinatoreRaffaella Paita[2]
StatoBandiera dell'Italia Italia
SedeVia della Colonna Antonina 52, Roma
AbbreviazioneIV
Fondazione18 settembre 2019
Derivato daPartito Democratico
IdeologiaLiberismo[3]
Riformismo[3]
Europeismo[3]
Liberalismo[4][5][6]
Atlantismo[senza fonte]
CollocazioneCentro[6][7][8][9][10]
CoalizioneAzione - Italia Viva (2022-2023)
Partito europeoPDE (dal 2021)[11]
Gruppo parl. europeoS&D (2019-2020)
Renew Europe (dal 2020)
[12][13]
Seggi Camera
9 / 400
Seggi Senato
7 / 200
Seggi Europarlamento
2 / 76
[14]
Seggi Consiglio regionale
16 / 896
[15]
Iscritti23 144[16] (2023)
Colori     Magenta
Slogan«Viva l'Italia Viva!»
Sito webwww.italiaviva.it/

Storia modifica

Preludio modifica

Le speculazioni che Matteo Renzi abbandonasse il Partito Democratico (PD) per fondare un nuovo partito risalgono al 2012, quando alle elezioni primarie di "Italia. Bene Comune" quest'ultimo venne sconfitto al ballottaggio da Pier Luigi Bersani, ma vennero accantonate quando Renzi divenne segretario del Partito Democratico e Presidente del Consiglio.[19][20]

Dopo la sconfitta del PD alle elezioni politiche del 2018[21], nelle quali toccarono il risultato più basso di sempre (18,81% alla Camera e 19,14% al Senato), che costrinsero Renzi alle dimissioni da segretario[22][23], le voci di una sua eventuale scissione si fecero più forti che mai[24], nonostante lo stesso interessato abbia smentito[25]. A marzo 2019 Nicola Zingaretti, esponente di spicco dell'ala socialdemocratica del PD, viene eletto segretario del partito vincendo le primarie con una netta maggioranza contro Maurizio Martina e Roberto Giachetti, entrambi sostenuti in ordine sparso dai renziani (sostenitori di Matteo Renzi)[26]; Zingaretti ha concentrato la sua campagna elettorale su un chiaro abbandono e contrasto ai modi di fare e le politiche liberali e centriste di Renzi (al contrario di Martina e sopratutto di Giachetti) e, secondo gli esperti, la sua vittoria ha aperto una strada ad un grande cambiamento nel carattere del PD.[27][28]

Nascita modifica

 
Matteo Renzi, già presidente del Consiglio dei ministri e fondatore del partito

Il 16 settembre 2019, pochi giorni dopo la formazione del governo Conte II, Matteo Renzi annuncia in un'intervista a Repubblica la sua uscita dal PD. Lo stesso giorno, intervistato da Bruno Vespa nel corso del programma Porta a Porta, annuncia che il suo nuovo partito si chiamerà Italia Viva[29][30]. Inoltre, Il Foglio ha rivelato che i siti internet italiaviva.eu e italiaviva.org sono stati creati il precedente 9 agosto, lasciando intendere che la scissione fosse stata preparata in anticipo.[31]

Nei giorni successivi vengono ufficializzati i gruppi parlamentari alla Camera dei deputati (composto da 26 membri)[32] e al Senato (gruppo congiunto insieme al Partito Socialista Italiano, composto da 14 membri di Italia Viva, oltre Riccardo Nencini del PSI).[33][34] Tra i parlamentari aderenti al nuovo partito, quasi tutti provenienti dal PD, figurano Roberto Giachetti, Maria Elena Boschi, Davide Faraone e Gennaro Migliore.[35] Renzi ha inoltre confermato il sostegno della neonata forza politica al governo Conte II[29] all'interno del quale Italia Viva è rappresentata dalle ministre Teresa Bellanova ed Elena Bonetti e dal sottosegretario agli esteri Ivan Scalfarotto.[36]

Il 18 settembre aderisce la senatrice di Forza Italia Donatella Conzatti dopo che il 10 settembre, in occasione del voto di fiducia al nuovo esecutivo, aveva votato in dissenso rispetto al suo gruppo parlamentare.[37][38][39] Il 25 settembre la senatrice Gelsomina Vono lascia il Movimento 5 Stelle e annuncia l'adesione a Italia Viva.[40] Poco più di una settimana dopo, il 5 ottobre, anche la senatrice Annamaria Parente esce dal PD e fa il suo ingresso in Italia Viva.[41] Il 17 ottobre il deputato Catello Vitiello, eletto col M5S ma espulso prima delle elezioni perché massone, aderisce a Italia Viva. Il 5 ottobre Massimo Bertoni, sindaco di Vezzano Ligure, è il primo sindaco ad aver aderito alla nuova formazione politica.[42] Il 20 ottobre l'europarlamentare del PD Nicola Danti, subentrato il 5 settembre a Roberto Gualtieri nominato ministro dell'economia e delle finanze nel governo Conte II, lascia il partito e aderisce a Italia Viva.[43]

Il 25 ottobre aderisce a Italia Viva la deputata Giuseppina Occhionero, eletta nelle file di Liberi e Uguali[44]. Mentre il 12 dicembre aderisce il deputato Davide Bendinelli, forzista ed ex coordinatore regionale di Forza Italia in Veneto.[45]

Italia Viva manifesta il suo sostegno al governo Conte II. Ma linea del partito circa l'alleanza con il Movimento 5 Stelle consiste nel ritenere che questa sia un’alleanza pro tempore, ovvero destinata solo a sostenere il suddetto esecutivo e non a diventare un'alleanza politico-elettorale sistemica.[46]

All'interno del governo, nei primi mesi di attività, hanno avanzato proposte sullo sblocco dei cantieri (Piano Italia Shock), la riforma dell'IRPEF, il mantenimento della prescrizione (comportando uno scontro nella maggioranza, in particolare con il ministro della giustizia Alfonso Bonafede) e il sostegno alle famiglie (pacchetto "Family Act" della ministra Bonetti).

Alle elezioni regionali in Umbria del 2019 il partito, pur sostenendo il candidato della coalizione tra centro-sinistra e i 5 Stelle, ha deciso di non presentarsi con una propria lista.

Il 1º febbraio si insedia come europarlamentare per la Francia Sandro Gozi (già deputato italiano del PD, sottosegretario di Stato nei governi Renzi e Gentiloni, e in seguito aderente ad Italia Viva)[47], eletto all'interno della lista liberale ed europeista Renaissance, sostenuta da La République En Marche - partito politico guidato dal Presidente francese Emmanuel Macron - e MoDem. Gozi afferisce al gruppo Renew Europe e risulta l'unico europarlamentare di nazionalità diversa da quella del Paese in cui è stato eletto.[48][49][50]

Il 12 febbraio l'europarlamentare di Italia Viva Nicola Danti lascia l'Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici, gruppo cui afferiscono gli europarlamentari del PD, e passa al gruppo Renew Europe[12].

Il 18 febbraio la deputata Michela Rostan abbandona il gruppo Liberi e Uguali e aderisce a Italia Viva;[51] nella stessa data, al Senato, aderisce al gruppo il senatore Tommaso Cerno, proveniente dal Partito Democratico,[52] il quale però dopo pochi giorni cambia idea e si iscrive al gruppo misto.[53]

Elezioni suppletive e regionali del 2020 modifica

Alle elezioni regionali in Emilia-Romagna e in Calabria Italia Viva non ha presentato una propria lista in nessuna delle due regioni, ma in Emilia-Romagna ha sostenuto il candidato della coalizione di centro-sinistra Stefano Bonaccini all'interno della lista civica Bonaccini Presidente.[54][55]

Per quanto riguarda le elezioni politiche suppletive: nei collegi uninominali Lazio 1 - 01 della Camera e Campania - 07 del Senato Italia Viva ha sostenuto le liste del centro-sinistra, mentre in Umbria - 02 del Senato e Veneto - 09 del Senato non si è schierato e Sardegna - 03 del Senato ha sostenuto una lista indipendente contro quella unitaria del centro-sinistra.

Alle elezioni regionali in Campania, in Liguria, nelle Marche, in Puglia, in Toscana, in Valle d'Aosta e in Veneto Italia Viva ha presentato un proprio candidato autonomo in Liguria (Aristide Massardo, assieme a PSI e +Europa), in Puglia (Ivan Scalfarotto, in alleanza con Azione e +Europa[56][57][58]) e in Veneto (Daniela Sbrollini, con il sostegno di Civica per il Veneto, PSI e PRI). Viceversa, il partito ha deciso di sostenere con proprie liste i candidati presidenti del centro-sinistra in Campania (Vincenzo De Luca, assieme a PSI e DemoS), nelle Marche (Maurizio Mangialardi, con la lista Civici Marche) e in Toscana (Eugenio Giani, assieme a +Europa). In Valle d'Aosta, infine, ove non è prevista l'elezione diretta del presidente di regione, IV si presenta appaiata a Union Valdôtaine Progressiste e in lista con Stella Alpina.

Italia Viva ha ottenuto complessivamente circa il 3,1% (7,4% in Campania, 2,4% in Liguria, 3,1% nelle Marche, 1,1% in Puglia, 4,5% in Toscana, 8,9% in Valle d'Aosta, 0,6% in Veneto).[59][60]

Caduta del governo Conte II e partecipazione al governo Draghi modifica

Dopo settimane di tensioni nella maggioranza,[61] il 13 gennaio Matteo Renzi ha annunciato le dimissioni degli esponenti di Italia Viva dal governo Conte II, innescando così la crisi di governo. In occasione del voto di fiducia a Camera (19 gennaio) e Senato (20 gennaio), i parlamentari di IV si sono astenuti, con l'eccezione dei deputati Vito De Filippo e Michela Rostan, che hanno votato la fiducia al governo e sono passati rispettivamente al PD (18 gennaio) e al gruppo misto (2 febbraio).

Durante le consultazioni condotte dal Presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi, il partito manifesta la volontà di appoggiare il nascente esecutivo. Italia Viva è così entrata nel governo Draghi, in carica dal 13 febbraio, al cui interno Elena Bonetti ha nuovamente assunto la carica di ministra per le pari opportunità e la famiglia. Il 24 febbraio vengono nominati i sottosegretari del nuovo governo, in carica dal 1º marzo, tra cui Teresa Bellanova come viceministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili e Ivan Scalfarotto come sottosegretario all'interno.

Il 21 marzo 2021 il senatore Eugenio Comincini annuncia il suo ritorno nel Partito Democratico,[62][63] spiegando di non condividere l'allontanamento di Italia Viva dall'area di centro-sinistra, affermando: "Italia Viva oggi appare sospesa, non decisa su aspetti sui quali per me non può esserci confusione".[64][65]

A seguito della proposta lanciata da Matteo Renzi nell'assemblea nazionale di Italia Viva, dal 21 marzo al 21 giugno si tiene la Primavera delle Idee, un periodo di confronti ed eventi tematici.[66]

Il 19 aprile Patrizia Baffi, consigliera regionale della Lombardia, lascia Italia Viva e passa a Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni[67], mentre il 23 settembre il deputato Francesco Scoma lascia il partito per approdare nella Lega di Matteo Salvini.[68][69]

Alla fine di ottobre 2021 Italia Viva raggiunge un accordo politico con Sicilia Futura e Forza Italia per presentare liste comuni in vista delle elezioni amministrative di Palermo e delle regionali in Sicilia del 2022.[70][71]

Il 4 dicembre, dopo mesi di retroscena e smentite, il senatore Leonardo Grimani abbandona Italia Viva, con un messaggio inviato nelle chat territoriali del partito, perché, a suo dire, il partito avrebbe "perso la spinta riformista", e s'iscrive al gruppo Misto del Senato[72][73]. Il successivo 10 dicembre Italia Viva aderisce al Partito Democratico Europeo (a cui erano già iscritti, a titolo personale, gli europarlamentari del partito Nicola Danti e Sandro Gozi).[74]

Il 19 gennaio 2022 aderisce al partito la senatrice ex-M5S Elvira Evangelista. Due giorni dopo, alla vigilia dell'elezione del Presidente della Repubblica, la senatrice Silvia Vono abbandona Italia Viva e aderisce a Forza Italia, criticando l'atteggiamento del partito tenuto per le elezioni regionali in Calabria dell'ottobre precedente e per l'imminente elezione del Capo dello Stato.[75][76]

Alle elezioni amministrative del 2022 di Genova Italia Viva decide di appoggiare la ricandidatura del sindaco di centro-destra Marco Bucci all'interno di una lista civica, decisione che gran parte di eletti e militanti del partito non vede affatto di buon occhio,[77] tanto che Isabella Conti, sindaca di San Lazzaro di Savena e candidata alle primarie del centro-sinistra per la scelta del candidato sindaco di Bologna, lascia il partito.[78] A Rieti appoggia il coordinatore provinciale di Fratelli d'Italia Daniele Sinibaldi, nella lista "Rieti al centro" assieme a Cambiamo! di Giovanni Toti e Coraggio Italia di Luigi Brugnaro, nonostante le continue dichiarazioni in cui Matteo Renzi e i vertici del partito hanno preso le distanze dall’ipotesi di accordi con i partiti di centro-destra.[79]

Il 22 luglio aderiscono al partito l’ex-M5S Maria Soave Alemanno e l’ex-leghista Francesco Zicchieri.[80]

Il Terzo Polo con Calenda modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Azione - Italia Viva.

Elezioni politiche del 2022 modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni politiche in Italia del 2022.

In vista delle elezioni politiche anticipate del 2022 Italia Viva, dopo che ha rifiutato o si è visto rifiutare l'ingresso nella coalizione di centro-sinistra[81][82], si unisce alla Lista Civica Nazionale (promossa da Federico Pizzarotti di Italia in Comune e Piercamillo Falasca di L'Italia c'è) e dal Partito Repubblicano Italiano[83]. L'11 agosto viene ufficializzato l'accordo con Azione per la presentazione di una lista elettorale unica, che aveva precedentemente abbandonato la coalizione di centro-sinistra a seguito dell'inclusione di Alleanza Verdi e Sinistra e Impegno Civico[84][85]. Alla lista aderisce in un primo momento anche la Lista Civica Nazionale[86][87], che in seguito ritira il proprio appoggio.[88]

Alla tornata elettorale la lista Azione - Italia Viva ottiene un risultato a livello nazionale del 7,79% alla Camera dei deputati e del 7,73% al Senato della Repubblica, superando di molto la soglia di sbarramento (del 3%) ma al di sotto dell'obiettivo di superare la doppia cifra, eleggendo 21 deputati (12 di Azione e 9 di Italia Viva) e 9 senatori (5 di Italia Viva e 4 di Azione). Con l'inizio della nuova legislatura la lista costituisce gruppi parlamentari paritetici in entrambe le camere.

Federazione con Azione modifica

In seguito al risultato elettorale delle elezioni politiche, il partito conferma l'alleanza strutturale con Azione. Dopo il sostegno comune alla candidatura di Gaetano Armao (vicepresidente uscente della giunta di centro-destra) alle elezioni regionali in Sicilia (che ottiene il 2,08% e nessun eletto),[89] l'8 dicembre 2022 il leader di Italia Viva Matteo Renzi e il segretario di Azione Carlo Calenda firmano ufficialmente la nascita della federazione tra i due partiti, in vista della confluenza in un nuovo partito politico.[90]

Il 23 dicembre Renzi, dopo che l’assemblea del partito ha proposto alcune modifiche «statutarie», diventa presidente di Italia Viva al posto di Teresa Bellanova ed Ettore Rosato.[91]

Alle elezioni regionali del 2023 in Lombardia, nel Lazio e in Friuli Venezia Giulia la federazione Azione - Italia Viva appoggia rispettivamente Letizia Moratti, raccogliendo il 4,25% dei voti e tre eletti (di cui due, Lisa Noja e Giuseppe Licata, di Italia Viva), l'assessore uscente Alessio D'Amato del Partito Democratico e del centro-sinistra, ottenendo il 4,9% dei voti e due consiglieri (Marietta Tidei e Luciano Nobili di Italia Viva), e Alessandro Maran che, nonostante l'appoggio di +Europa, raccoglie il 2,7% non ottenendo nessun eletto.

Il 14 aprile 2023 Giuseppe Cucca e altri quattordici colleghi lasciano Italia Viva e aderiscono ad Azione[92][93]. Mentre il 26 dello stesso mese, in un’intervista a Repubblica, il senatore Enrico Borghi annuncia l'abbandono del PD, non condividendo la linea intrapresa dalla nuova segretaria Elly Schlein, e il relativo passaggio ad Italia Viva.[94][95]

Fine del progetto modifica

Ad aprile 2023, quattro mesi dopo la nascita della federazione tra Azione e Italia Viva e a seguito dei risultati molto deludenti alle elezioni regionali in Lombardia, Lazio e Friuli-Venezia Giulia, Calenda rinuncia all'idea del partito unico, lamentando l'impossibilità di giungere a un accordo per fondere i due soggetti[96][97]. A novembre i gruppi parlamentari alla Camera e al Senato tra Azione e Italia Viva si separano, ponendo definitivamente fine alla collaborazione tra i due partiti.[98][99]

Il primo congresso modifica

Il 10 giugno 2023, durante la nona assemblea nazionale del partito, viene annunciata la fase congressuale, che vedrà eletti democraticamente tutti i rappresentanti di partito, partendo dal livello comunale fino a quello nazionale. Viene nominata, fino al 15 ottobre, Raffaella Paita come coordinatrice nazionale, che avrà il compito (insieme a una commissione) di gestire la fase congressuale.[100]

Alle elezioni regionali in Molise del 2023 Italia Viva appoggia la lista "Unione di CentroDemocrazia CristianaNoi di Centro" a sostegno del candidato della coalizione di centro-destra Francesco Roberti.[101][102]

Tra settembre e ottobre 2023 abbandonano Italia Viva Elena Bonetti, ex ministro per le pari opportunità e la famiglia nei governi Conte II e Draghi[103][104], ed Ettore Rosato, entrambi membri del partito sin dalla fondazione[105]. Il 5 ottobre entra nel partito la senatrice Dafne Musolino, lasciando Sud chiama Nord di Cateno De Luca con il quale si apre un duro scontro verbale.[106][107][108]

Il 15 ottobre 2023 Matteo Renzi, unico candidato, viene confermato alla presidenza del partito in occasione del primo congresso. Contestualmente vengono eletti anche i presidenti dei coordinamenti territoriali regionali, provinciali, delle città metropolitane e dell'estero.

Elezioni europee del 2024 modifica

In vista delle elezioni europee del 2024 il presidente del partito Renzi lancia la lista elettorale "Il Centro", con l'obiettivo di riunire tutte le forze centriste, riformiste ed europeiste come alternativa al populismo e al sovranismo[109]. Inoltre stringe un accordo con il movimento noi Di Centro di Clemente Mastella.[110][111]

Alle elezioni regionali in Sardegna del 2024 Italia Viva sostiene la candidatura dell'ex presidente della Regione Renato Soru[112], che raccoglie l'8,65% dei voti non sufficienti a raggiungere la soglia di sbarramento (del 10%) per eleggere dei consiglieri regionali[113][114], mentre alle regionali in Abruzzo IV presenta assieme al PSI e +Europa la lista "D'Amico Presidente - Riformisti e civici" a sostegno del candidato del centro-sinistra Luciano D'Amico, ottenendo il 2,81% e non eleggendo alcun consigliere.[115][116]

Il 26 marzo 2024 il partito abbandona l'idea della lista "Il Centro" per favorirne un'altra denominata "Stati Uniti d'Europa", che comprenderà anche +Europa, i Radicali italiani, il PSI, Volt e i Liberali Democratici Europei, per riuscire a superare la soglia di sbarramento del 4%.[117][118]

Ideologia e posizioni modifica

I propri riferimenti ideali sono ravvisabili nei moderni concetti della Terza via, nel solco delle esperienze riformatrici di J.F. Kennedy, Bill Clinton, Tony Blair e Barack Obama,[119][120][121][122] e nelle tesi sul liberalismo.[123][124] In politica estera prevalgono significative posizioni europeiste e atlantiste.[123][125][126]

Renzi ha descritto il suo partito come una "casa giovane, innovativa e femminista, dove vengono lanciate nuove idee per l'Italia e l'Europa"[127]; partito che si dichiara anche riformista[128] e in forte opposizione al nazionalismo, al populismo e al sovranismo.[129][130][131][132]

Carta dei valori modifica

In occasione della Leopolda del 2019 è stata presentata la carta dei valori del partito.

Tra i punti principali inseriti nel documento guida troviamo:

Collocazione europea modifica

Italia Viva, tramite l'adesione a titolo personale dell'europarlamentare Nicola Danti al Partito Democratico Europeo (PDE), aderisce al gruppo parlamentare europeo Renew Europe[141], nato nel luglio 2019 per iniziativa dell'ALDE e del PDE con gli eletti del partito francese Renaissance di Emmanuel Macron. Il 10 dicembre 2021 Italia Viva diviene ufficialmente membro del Partito Democratico Europeo.[74]

Nelle istituzioni modifica

Camera dei deputati modifica

XVIII legislatura
31 deputati

Nel gruppo Italia Viva-L'Italia C'è: Maria Soave Alemanno, Lucia Annibali, Michele Anzaldi, Davide Bendinelli, Maria Elena Boschi, Matteo Colaninno, Camillo D'Alessandro, Mauro Del Barba, Federica Dieni, Marco Di Maio, Cosimo Ferri, Flora Frate, Silvia Fregolent, Maria Chiara Gadda, Roberto Giachetti, Luigi Marattin, Nardo Marino, Gennaro Migliore, Mattia Mor, Sara Moretto, Luciano Nobili, Lisa Noja, Giuseppina Occhionero, Raffaella Paita, Ettore Rosato, Ivan Scalfarotto, Gabriele Toccafondi, Francesca Troiano, Massimo Ungaro, Catello Vitiello, Francesco Zicchieri.

XIX legislatura
9 deputati

Nel gruppo Azione - Italia Viva - Renew Europe (fino al 20 novembre 2023), poi Italia Viva - Il Centro - Renew Europe: Maria Elena Boschi, Francesco Bonifazi, Mauro Del Barba, Isabella De Monte, Davide Faraone, Maria Chiara Gadda, Roberto Giachetti, Naike Gruppioni, Luigi Marattin

Senato della Repubblica modifica

XVIII legislatura
14 senatori

Nel gruppo Italia Viva-PSI: Teresa Bellanova, Francesco Bonifazi, Vincenzo Carbone, Donatella Conzatti, Giuseppe Cucca, Elvira Evangelista, Davide Faraone, Laura Garavini, Nadia Ginetti, Ernesto Magorno, Mauro Maria Marino, Annamaria Parente, Matteo Renzi, Daniela Sbrollini.

XIX legislatura
7 senatori

Nel gruppo Azione - Italia Viva - Renew Europe (fino all'8 novembre 2023), poi Italia Viva - Il Centro - Renew Europe: Enrico Borghi, Silvia Fregolent, Dafne Musolino, Raffaella Paita, Matteo Renzi, Daniela Sbrollini, Ivan Scalfarotto.

Parlamento europeo modifica

IX legislatura
2 eurodeputati

Nel gruppo Renew Europe: Nicola Danti, Sandro Gozi[142]

Ministri della Repubblica Italiana modifica

Struttura modifica

I vertici del partito sono elettivi tramite congresso, convocato in via ordinaria dal presidente nazionale ogni 5 anni. Possono votare solo gli iscritti al partito, che eleggono il presidente nazionale ed i presidenti dei coordinamenti territoriali a livello di regione, provincia, comune o zona (aggregazione di più comuni). Sono eletti anche i presidenti dei coordinamenti dei paesi esteri.[1]

Fino al dicembre 2022 lo statuto prevedeva due presidenti nazionali, nominati dal leader Matteo Renzi. Anche ai livelli territoriali erano nominati, direttamente dai presidenti nazionali, due coordinatori territoriali (coppia maschio-femmina per il principio di parità di genere).[2]

Il responsabile comunicazione è Alessio De Giorgi.

Organi nazionali[143] modifica

Leader del partito modifica

Leader Periodo
Matteo Renzi 18 settembre 2019 – 23 dicembre 2022

Presidente nazionale modifica

Presidente Periodo
Teresa Bellanova - Ettore Rosato 18 settembre 2019 – 23 dicembre 2022
Matteo Renzi 23 dicembre 2022 – in carica[1]

Coordinatore nazionale modifica

Coordinatore Periodo
Raffaella Paita 10 giugno 2023 - in carica[100]

Portavoce nazionale modifica

Portavoce Periodo
Alessia Cappello - Ciro Buonajuto 31 gennaio 2023 – 15 ottobre 2023[144]

Presidenti dei gruppi parlamentari modifica

Capogruppo/delegazione alla Camera modifica

Capogruppo al Senato modifica

Capodelegazione al Parlamento europeo modifica

Scissioni modifica

Congressi modifica

  • I Congresso - 15 ottobre 2023

Feste e convegni modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Leopolda (convegno).

A partire dal 2019 il convegno della Leopolda è diventata la convention ufficiale di Italia Viva[148], mentre da gennaio 2022 viene attivata la radio ufficiale del partito: "Radio Leopolda".[149]

Dal 14 al 17 settembre 2023 si svolge la prima festa nazionale del partito nel castello di Santa Severa a Santa Marinella (RM).[150][151]

Simbologia modifica

Il 12 ottobre 2019 viene aperta sul sito ufficiale del partito una votazione per scegliere il logo del partito. Il logo del partito è stato scelto attraverso una votazione sul sito del movimento politico e prevedeva la possibilità di scelta fra tre simboli[152]. Il 19 ottobre presso la Leopolda di Firenze viene presentato il logo ufficiale.[153]

Il logo del partito è il seguente:

  • una “V” stilizzata a forma di spunta in alto a sinistra.[154]
  • la scritta “Italia Viva” al centro

I colori utilizzati degradano dall'arancione al fucsia, fino ad arrivare al rosso fragola.

Simboli modifica

Risultati elettorali modifica

Elezione Voti % Seggi
Politiche 2022 Camera In Azione - Italia Viva
9 / 400
Senato In Azione - Italia Viva
5 / 200

Note modifica

  1. ^ a b https://www.stylo24.it/matteo-renzi-ritorna-alla-presidenza-di-italia-viva/
  2. ^ https://www.italiaviva.it/organi_di_italia_viva
  3. ^ a b c Italia Viva, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  4. ^ Wolfram Nordsieck, Parties and Elections in Europe: Parliamentary Elections and Governments since 1945, European Parliament Elections, Political Orientation and History of Parties, 2021, p. 307, ISBN 3754355848.
  5. ^ Italia viva come Scelta civica, i militanti dicono sì a una strategia centrista e no ai 5Stelle, la Repubblica, 30 ottobre 2019.
  6. ^ a b David Broder, Matteo Renzi's new centrist party Italia Viva faces a struggle for relevance, su New Statesman, 18 settembre 2019. URL consultato il 23 febbraio 2020.
  7. ^ Serenella Ronda, Renzi scommette sulla doppia cifra. E la base ci crede, AGI, 2 febbraio 2020.
  8. ^ Giulia Ricci, Comunali, ipotesi Fregolent: il nome che piace al centro, in Il Corriere della Sera, 17 febbraio 2020.
  9. ^ Corrado Icone, Così Renzi conferma la virata al centro (e la legislatura va). L’opinione di Ocone, 10 febbraio 2020.
  10. ^ Marco Bertoncini, Renzi e Calenda soci possibili ma litigiosi, in Italia Oggi, 3 marzo 2021.
  11. ^ https://www.italiaviva.it/italia_viva_aderisce_al_partito_democratico_europeo?__cf_chl_rt_tk=1Wi9wbFKkfYPA9IB0DUAPfeG_qb4VMeJTY80HZ.KCfE-1645241799-0-gaNycGzNCdE
  12. ^ a b Fabiana Luca, Parlamento Ue, Italia Viva lascia i Socialdemocratici e aderisce a Renew Europe, in EU News, 13 febbraio 2020.
  13. ^ Andrea Pegoraro, La formazione guidata da Renzi entra nel gruppo Renew Europe al Parlamento Europeo, nato a inizio luglio del 2019, Il Giornale, 13 febbraio 2020.
  14. ^ All'europarlamentare Nicola Danti si aggiunge il 1º febbraio 2020 Sandro Gozi, eletto nella lista Renaissance alle elezioni europee in Francia.
  15. ^ https://www.italiaviva.it/nelle_regioni.
  16. ^ https://www.italiaviva.it/suddivisione_territoriale_dei_tesserati_2023
  17. ^ Statuto Italia Viva (PDF), su Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, Serie Generale n. 92, 19 aprile 2023, p. 13. URL consultato il 26 aprile 2023 (archiviato il 26 aprile 2023).
  18. ^ Italia viva come Scelta civica, i militanti dicono sì a una strategia centrista e no ai 5Stelle, su la Repubblica, 30 ottobre 2019. URL consultato il 2 marzo 2021.
  19. ^ Wayback Machine (PDF), su web.archive.org (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2014).
  20. ^ (EN) 39 Year Old Matteo Renzi becomes Youngest Italian Prime Minister, su Biharprabha News | Connecting Bihar with the entire World. URL consultato il 14 aprile 2024.
  21. ^ Alessandro Sala, Elezioni 2018: M5S primo partito, nel centrodestra la Lega supera FI, su Corriere della Sera, 3 aprile 2018. URL consultato il 14 aprile 2024.
  22. ^ Elezioni politiche: vincono M5s e Lega. Crollo del Partito democratico. Centrodestra prima coalizione. Il Carroccio sorpassa Forza Italia, su la Repubblica, 4 marzo 2018. URL consultato il 14 aprile 2024.
  23. ^ Renzi: "Lascerò dopo nuovo governo. Pd all'opposizione". Ma è scontro nel partito: "Via subito". Orfini: "Percorso previsto dallo statuto", su la Repubblica, 5 marzo 2018. URL consultato il 15 aprile 2024.
  24. ^ Direzione Pd, Martina: "Governino Lega e M5s". Renzi assente: "Mi dimetto ma non mollo", su la Repubblica, 12 marzo 2018. URL consultato il 15 aprile 2024.
  25. ^ Renzi ha detto che non vuole fare un nuovo partito, su Il Post, 7 dicembre 2018. URL consultato il 14 aprile 2024.
  26. ^ (EN) Angela Giuffrida, Nicola Zingaretti elected as leader of Italy's Democratic party, in The Guardian, 3 marzo 2019. URL consultato il 14 aprile 2024.
  27. ^ Zingaretti segretario. Il renzismo archiviato: “Voltiamo pagina”, su Il Fatto Quotidiano. URL consultato il 14 aprile 2024.
  28. ^ Primarie PD – Zingaretti: “Ora voltiamo pagina, pronti al riscatto di chi soffre per ingiustizie” (video) | TG24.info, su tg24.info, 4 marzo 2019. URL consultato il 14 aprile 2024.
  29. ^ a b Renzi da Vespa lancia il suo partito: si chiamerà Italia Viva, in Il Tempo, 17 settembre 2019.
  30. ^ Redazione Politica, Renzi: «Il nome della nuova sfida che stiamo per lanciare sarà Italia viva», su Corriere della Sera, 17 settembre 2019. URL consultato il 16 aprile 2024.
  31. ^ Il sito di Italia Viva registrato già il 9 agosto, su www.ilfoglio.it. URL consultato il 16 aprile 2024.
  32. ^ Composizione del gruppo ITALIA VIVA, su camera.it. URL consultato il 20 settembre 2019.
  33. ^ Composizione del Gruppo Italia Viva - P.S.I., su senato.it. URL consultato il 25 settembre 2019.
  34. ^ Già 10mila iscritti, 50 parlamentari entro l'anno". "Prendere voti a destra e sinistra, no litigi col Pd", in La Repubblica, 22 ottobre 2020.
  35. ^ «Italia Viva»: la lista dei (primi) 41 parlamentari che seguono Renzi, 18 settembre 2019.
  36. ^ Niccolò Magnani, Nuovo partito Renzi: nomi e ruoli/ Chi lo segue, chi resta nel Pd e chi lo teme, in Il Sussidiario, 17 settembre 2019.
  37. ^ Luca Pianesi, Conzatti non vota contro il governo Conte, Perego e la Lega: Si dimetta da Forza Italia. Lei replica: Io liberale e europeista. Non sto con chi fa il saluto romano in piazza, su ildolomiti.it, 11 settembre 2019.
  38. ^ La Democrazia (Parlamentare) per gli elettori di Donatella Conzatti - Panorama
  39. ^ Conzatti, lascio Forza Italia e accetto invito di Renzi, ANSA, 18 settembre 2019.
  40. ^ M5s, la senatrice Vono lascia il Movimento e passa con Renzi, in La Repubblica, 25 settembre 2019.
  41. ^ Renzi a Conte: "Non siamo contro il governo ma contro l'aumento delle tasse". E annuncia un altro arrivo dal Pd, in La Repubblica, 5 ottobre 2019.
  42. ^ A Vezzano Ligure il primo sindaco di "Italia viva" della Liguria, in Il Secolo XIX, 5 ottobre 2019.
  43. ^ Italia Viva ha il primo eurodeputato: Nicola Danti va con Renzi, in Il Messaggero, 20 ottobre 2019.
  44. ^ Occhionero lascia Leu e approda a Italia Viva, ADN Kronos, 25 ottobre 2019.
  45. ^ Italia Viva, Renzi accoglie l'ex Forza Italia Bendinelli: i deputati salgono a 29, in Il Messaggero, 12 dicembre 2019.
  46. ^ Boschi: "Alleanza con M5s? Per Italia Viva non è strategica", Tgcom24, 26 ottobre 2019.
  47. ^ A seguito della Brexit, 23 dei 76 seggi già spettanti al Regno Unito sono stati riassegnati ad europarlamentari provenienti da 14 dei 27 Stati membri dell'Unione europea, in base ai risultati delle elezioni del 26 maggio 2019.
  48. ^ Un italiano eletto nelle liste di Macron: Sandro Gozi diventa eurodeputato [collegamento interrotto], in Kong News, 3 febbraio 2020. URL consultato il 2 marzo 2020.
  49. ^ Francesco Maselli, La ricetta transnazionale di Sandro Gozi per un’Europa più forte, in Linkiesta, 12 febbraio 2020.
  50. ^ Francesca Perla, Sandro Gozi: “Ho realizzato il sogno di Marco Pannella”, in Il Riformista, 20 febbraio 2020.
  51. ^ La deputata di Leu Michela Rostan e il senatore Pd Cerno aderiscono a Italia Viva, in La Repubblica, 18 febbraio 2020.
  52. ^ Cerno lascia il Pd e passa a Italia Viva - TGR Friuli Venezia Giulia, su TGR. URL consultato il 19 febbraio 2020.
  53. ^ Claudio Bozza, Senato, Tommaso Cerno fa retromarcia: non va con Renzi e si iscrive al gruppo misto, su corriere.it, 26 febbraio 2020. URL consultato il 10 marzo 2020 (archiviato il 27 febbraio 2020).
  54. ^ Silvia Bignami e Eleonora Capellli, Regionali, patto tra Bonaccini e Renzi, in La Repubblica, 29 ottobre 2019.
  55. ^ Renzi: "In Emilia ha vinto Bonaccini, i Cinque stelle sono finiti". E al governo dice: "La ricreazione è finita", in La Repubblica, 28 gennaio 2020.
  56. ^ Regionali Puglia, Matteo Renzi va da solo: “Emiliano non sarà il candidato di Italia Viva. Sceglieremo Teresa Bellanova? Non credo”, in Il Fatto Quotidiano, 14 gennaio 2020.
  57. ^ Regionali Puglia, da Italia Viva no a Emiliano. Bellanova: "Noi contro il trasformismo e la demagogia", in La Repubblica, 2 febbraio 2020.
  58. ^ Puglia, Bellanova e i renziani: no a Emiliano, con lui si perde. Accuse su rifiuti, agricoltura e sanità, in La Gazzetta del Mezzogiorno, 2 febbraio 2020.
  59. ^ 11 fact-checking sulle elezioni regionali e sul referendum, su pagellapolitica.it. URL consultato il 25 settembre 2020.
  60. ^ Eligendo: Regionali [Scrutini] Italia (Italia) - Ministero dell'Interno DAIT, su Eligendo. URL consultato il 30 settembre 2020 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2020).
  61. ^ Perché c'è la crisi di governo?, in Corriere della Sera, 12 gennaio 2021. URL consultato il 13 gennaio 2021.
  62. ^ Il senatore Comincini lascia Italia viva e torna nel Pd, su Agi. URL consultato il 20 aprile 2022.
  63. ^ Adnkronos, Italia Viva, il senatore Comincini torna nel Pd, su Adnkronos, 21 marzo 2021. URL consultato il 20 aprile 2022.
  64. ^ Il senatore Comincini abbandona Renzi: "Italia Viva non decide da che parte stare", su Il Fatto Quotidiano, 21 marzo 2021. URL consultato il 20 aprile 2022.
  65. ^ Ho deciso di tornare nel PD - Il Blog di Eugenio Comincini, su eugeniocomincini.it. URL consultato il 20 aprile 2022.
  66. ^ Italia viva, Renzi lancia la primavera delle idee: "Il progetto Sicilia sarà centrale", su Giornale di Sicilia. URL consultato il 25 giugno 2021.
  67. ^ Lombardia: Patrizia Baffi lascia Italia Viva e passa a FdI - Notizie - Ansa.it, su Agenzia ANSA, 19 aprile 2021. URL consultato il 14 aprile 2024.
  68. ^ Lega: Scoma lascia Iv e passa al partito di Salvini - Sicilia, su Agenzia ANSA, 23 settembre 2021. URL consultato il 20 aprile 2022.
  69. ^ Lega, Francesco Scoma passa al Carroccio da Italia Viva: "Non vedevo più il progetto politico per cui avevo aderito", su Il Fatto Quotidiano, 23 settembre 2021. URL consultato il 20 aprile 2022.
  70. ^ Sicilia: Miccichè, accordo politico Fi e Sicilia Futura-Iv - Sicilia, su Agenzia ANSA, 26 ottobre 2021. URL consultato il 28 ottobre 2021.
  71. ^ "Vogliamo Renzi nel centrodestra": il corteggiamento finale di Miccichè (Forza Italia), su Il Fatto Quotidiano, 28 ottobre 2021. URL consultato il 7 ottobre 2023.
  72. ^ Renzi perde pezzi, il senatore Grimani passa al gruppo Misto: "Italia Viva ha perso la spinta riformista", su TPI, 4 dicembre 2021. URL consultato il 20 aprile 2022.
  73. ^ Renzi perde un senatore, Grimani passa al gruppo misto: "Italia Viva non ha più spinta riformista", su la Repubblica, 4 dicembre 2021. URL consultato il 20 aprile 2022.
  74. ^ a b Italia Viva aderisce al Partito Democratico Europeo, su ansa.it, 10 dicembre 2021. URL consultato il 10 dicembre 2021.
  75. ^ Lametino7, La senatrice Silvia Vono lascia Italia Viva e passa in Forza Italia, su il Lametino.it - il giornale di Lamezia Terme e del lametino. URL consultato il 20 aprile 2022.
  76. ^ La senatrice Vono lascia Italia viva per entrare in Forza Italia, su ilfoglio.it. URL consultato il 20 aprile 2022.
  77. ^ Comunali, a Genova tutti sul carro di Bucci: Iv passa col centrodestra e sostiene il sindaco. E la Lega mette il suo nome al posto di "Salvini", su Il Fatto Quotidiano, 16 aprile 2022. URL consultato il 20 aprile 2022.
  78. ^ La sindaca bolognese che dice addio a Renzi: "Non si può stare un po' di qua e un po' di là", su Il Fatto Quotidiano, 21 aprile 2022. URL consultato il 12 maggio 2022.
  79. ^ Rieti, prove di asse Italia viva-centrodestra: i renziani sostengono il candidato sindaco di Fratelli d'Italia. "Via libera anche da Rosato", su Il Fatto Quotidiano, 15 febbraio 2022. URL consultato il 20 aprile 2022.
  80. ^ Crisi di governo, M5s a pezzi: Alemanno passa a Italia Viva, su Il Giornale. URL consultato il 22 luglio 2022.
  81. ^ Adnkronos, Elezioni 2022, scintille Renzi-Pd, su Adnkronos, 6 agosto 2022. URL consultato il 15 aprile 2024.
  82. ^ Claudio Bozza, Renzi: «Noi pronti a correre da soli. Il veto di Letta sarebbe astio», su Corriere della Sera, 25 luglio 2022. URL consultato il 15 aprile 2024.
  83. ^ Il documento della Direzione Nazionale del Pri dell'8 agosto", su La Voce Repubblicana, 8 agosto 2022.
  84. ^ Calenda è uscito dalla coalizione con il PD, su ilpost.it, 7 agosto 2022. URL consultato il 16 agosto 2022.
  85. ^ C'è l'accordo Azione-Italia Viva. Renzi: "Calenda guida la campagna elettorale", su ilfoglio.it, 11 agosto 2022. URL consultato il 16 agosto 2022.
  86. ^ Elezioni, Pizzarotti: "Lista civica nazionale corre con Italia viva", su tg24.sky.it, 7 agosto 2022. URL consultato il 16 agosto 2022.
  87. ^ Elezioni, nasce il Terzo polo. Pizzarotti: "Orgoglioso, farò la mia parte", su parma.repubblica.it, 11 agosto 2022. URL consultato il 13 agosto 2022.
  88. ^ Pizzarotti ritira la candidatura e rompe con la coalizione: "Non ci sono spazi seri al di fuori di Italia Viva e Azione", su parmatoday.it, 22 agosto 2022. URL consultato il 22 agosto 2022.
  89. ^ Sicilia: Azione e Iv, Gaetano Armao candidato governatore, su ansa.it, 13 agosto 2022. URL consultato il 14 agosto 2022.
  90. ^ Nasce la federazione Italia viva-Azione (in vista del partito unico), su ilfoglio.it, 8 dicembre 2022. URL consultato l'11 dicembre 2022.
  91. ^ Redazione, Matteo Renzi ritorna alla presidenza di Italia Viva, su Stylo24 - Ultime Notizie su Napoli e la Campania, 22 dicembre 2022. URL consultato il 16 aprile 2024.
  92. ^ Redazione Cagliaripad, Fuga da Italia Viva, Renzi attacca Cucca: “Con lui, risultati pessimi”, su Cagliaripad, 24 marzo 2023. URL consultato il 21 ottobre 2023.
  93. ^ Rottura Renzi-Calenda, a Napoli Ferrandino e Carpentieri passano con Azione, su Napoli Fanpage, 14 aprile 2023. URL consultato il 21 ottobre 2023.
  94. ^ Borghi lascia il Pd e passa a Italia viva: «Con Schlein partito massimalista», su www.editorialedomani.it. URL consultato il 26 aprile 2023.
  95. ^ Il senatore Borghi lascia il Pd per Renzi: "Con Schlein è la casa di una sinistra massimalista", su Il Fatto Quotidiano, 26 aprile 2023. URL consultato il 7 ottobre 2023.
  96. ^ Il Terzo Polo è già finito, su Il Post, 13 aprile 2023. URL consultato il 7 ottobre 2023.
  97. ^ Come si è arrivati alla rottura tra Renzi e Calenda, su Pagella Politica. URL consultato il 7 ottobre 2023.
  98. ^ Terzo polo: senatori Azione migrano nel Misto, Iv gruppo a sé. Calenda esulta: “Habemus Papam”. Ma si complica il “divorzio” alla Camera, su repubblica.it, 8 novembre 2023. URL consultato il 12 novembre 2023.
  99. ^ Divorzio Azione-Italia Viva, arriva la deroga anche alla Camera: finisce l’avventura del Terzo polo, su open.online, 15 novembre 2023. URL consultato il 24 novembre 2023.
  100. ^ a b Italia Viva, la nuova coordinatrice nazionale è Raffaella Paita, su Tgcom24, 10 giugno 2023. URL consultato il 13 giugno 2023.
  101. ^ Dario Tescarollo montaggio Eleonora Diodati, Campagna elettorale: Italia Viva a supporto di Roberti, 17 giugno 2023. URL consultato il 7 ottobre 2023.
  102. ^ Studio Weblab- https://studioweblab.com, Ettore Rosato: in Molise Italia Viva ha scelto il candidato presidente del centrodestra Roberti, su TermoliOnline.it. URL consultato il 7 ottobre 2023.
  103. ^ La Bonetti lascia Italia Viva e prepara un ticket con Calenda, su ilgiornale.it, 10 settembre 2023. URL consultato il 10 settembre 2023.
  104. ^ Renzi dopo l'addio di Bonetti: "In politica non esiste gratitudine". Poi annuncia la presenza di mezzo governo Meloni alla festa d'Italia viva, su Il Fatto Quotidiano, 11 settembre 2023. URL consultato il 7 ottobre 2023.
  105. ^ Adnkronos, Italia Viva, Ettore Rosato lascia partito di Renzi, su Adnkronos, 1º ottobre 2023. URL consultato il 1º ottobre 2023.
  106. ^ La campagna acquisti di Renzi non finisce mai: la senatrice Dafne Musolino molla il partito di Cateno De Luca e sbarca in Iv, su Il Fatto Quotidiano, 5 ottobre 2023. URL consultato il 7 ottobre 2023.
  107. ^ Ciro Cuozzo, La senatrice Dafne Musolino passa a Italia Viva, Renzi: "Lavoro duro su Sud, Sicilia e dossier Pnrr", su Il Riformista, 5 ottobre 2023. URL consultato il 7 ottobre 2023.
  108. ^ Adnkronos, Italia Viva, senatrice Dafne Musolino aderisce a partito Renzi, su Adnkronos, 5 ottobre 2023. URL consultato il 7 ottobre 2023.
  109. ^ Sandro Gozi, Il Centro, la nuova via nella politica europea: faro contro i miraggi radicali e illiberali, su Il Riformista, 13 ottobre 2023. URL consultato il 20 ottobre 2023.
  110. ^ Renzi ora abbraccia Mastella: incontro in vista delle Europee. "Lo schema è la Margherita", su Il Fatto Quotidiano, 15 novembre 2023. URL consultato il 18 gennaio 2024.
  111. ^ Voglia di centro, patto Renzi-Mastella per le Europee, su La Stampa, 15 novembre 2023. URL consultato il 18 gennaio 2024.
  112. ^ Italia Viva ha scelto, in Sardegna sostegno a Renato Soru - Notizie - Ansa.it, su Agenzia ANSA, 17 gennaio 2024. URL consultato il 9 aprile 2024.
  113. ^ Speciale Elezioni Regionali 2024: tutti i risultati Sardegna - La Repubblica, su elezioni.repubblica.it. URL consultato il 9 aprile 2024.
  114. ^ Stefania Carboni, Elezioni regionali Sardegna, la scelta sbagliata di Soru. Il discorso della sconfitta: «Non supereremo la soglia del 10%» - Il video, su Open, 26 febbraio 2024. URL consultato il 9 aprile 2024.
  115. ^ Speciale Elezioni Regionali 2024: tutti i risultati Abruzzo - La Repubblica, su elezioni.repubblica.it. URL consultato il 9 aprile 2024.
  116. ^ Luca Sebastiani, Elezioni Abruzzo, i risultati dei partiti moderati e di centro: Forza Italia cresce, Azione arriva al 4%, Italia Viva non va, su Il Riformista, 11 marzo 2024. URL consultato il 9 aprile 2024.
  117. ^ Redazione di Rainews, Elezioni europee, Italia Viva e + Europa uniti al centro, nascerà la lista "Stati Uniti d'Europa", su RaiNews, 27 marzo 2024. URL consultato il 16 aprile 2024.
  118. ^ Alessandra Arachi, Italia viva e +Europa, c’è il simbolo: Stati Uniti d’Europa. «Siamo una lista di scopo», su Corriere della Sera, 27 marzo 2024. URL consultato il 16 aprile 2024.
  119. ^ Tony Blair: "Renzi mio erede, con la sua corsa alle riforme cambierà l'Italia" - la Repubblica
  120. ^ Leopolda al via tra citazioni di proverbi cinesi e JFK - Corriere Nazionale
  121. ^ Matteo Renzi: «Italia Viva vuole aprirsi. Far vincere la destra è masochismo» ⋆ CorriereQuotidiano.it - Il giornale delle Buone Notizie
  122. ^ Renzi contro Corbyn
  123. ^ a b nuovi punti cardinali della bussola: M5s, Pd, sovranisti e il centro trasversale Augusto Minzolini, in Il Giornale, 6 febbraio 2020.
  124. ^ Copia archiviata, Live Sicilia, 6 febbraio 2020. URL consultato il 6 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2020).
  125. ^ Giacomo D'Annibale, Italia Viva è un contenitore riformista, europeista e liberale, TP24, 7 ottobre 2019.
  126. ^ https://www.linkiesta.it/it/article/2020/01/31/renzi-italia-viva-cinecitta/45255/
  127. ^ https://www.italiaviva.it/nuova_casa_innovativa_giovane_femminista
  128. ^ Osvaldo Sabato, Leopolda, Renzi apre ai moderati delusi: "Noi riformisti e liberali", Firenze, La Nazione, 20 ottobre 2019.
  129. ^ a b Renzi: "Dalla Leopolda nessun ultimatum al governo" | "Legislatura ha il dovere di eleggere il Capo dello Stato" - Tgcom24
  130. ^ a b https://www.globalist.it/culture/2019/12/05/renzi-chi-e-contro-bella-ciao-non-sta-bene-e-la-canzone-dell-antifascismo-2050017.html
  131. ^ a b https://www.corriere.it/politica/20_febbraio_01/renzi-italia-viva-rispetta-conte-ma-non-leader-no-un-partito-pd-m5s-leu-178d5e20-4506-11ea-9d28-c32ca6f6093f.shtml
  132. ^ a b https://www.italiaviva.it/renzi_la_politica_non_si_puo_piegare_al_populismo_giustizialista
  133. ^ Linkiesta, 18 ottobre 2019, https://www.linkiesta.it/it/article/2019/10/18/economia-della-conoscenza-redistribuzione-redditi-sinistra/43998/.
  134. ^ Emilia Patta, Europa, lavoro e umanesimo integrale: anche sui valori la sfida di Renzi a Conte, in Il Sole24ore, 19 ottobre 2019.
  135. ^ Italia Viva: «A Massa degrado insostenibile. Decoro non è priorità dell'amministrazione» - La Voce Apuana
  136. ^ https://www.italiaviva.it/carta_dei_valori_home#more
  137. ^ https://newsmondo.it/matteo-renzi-alla-leopolda-10/politica/
  138. ^ https://formiche.net/2020/02/tutte-le-condizioni-italia-viva-conte-parla-faraone/
  139. ^ Governo, Italia Viva provoca ancora: "O Conte si accorda con Renzi o deve dimettersi". Bettini: "Servono alternative ai renziani" - Il Fatto Quotidiano
  140. ^ Renzi: mettiamo in quarantena le polemiche, Italia viva unica alternativa al populismo - Rai News
  141. ^ https://www.reneweuropegroup.eu/parties/italia-viva
  142. ^ Eletto alle elezioni europee in Francia nella lista Renaissance.
  143. ^ Assemblea #010: ecco la composizione degli organi nazionali di Italia Viva, su Italia Viva. URL consultato il 5 gennaio 2024.
  144. ^ Ringrazio per la fiducia riposta in me. Accetto questo nuovo incarico con l'entusiasmo e la volontà di sempre., su www.instagram.com. URL consultato il 19 luglio 2023.
  145. ^ Vice-capogruppo di Azione - Italia Viva - Renew Europe
  146. ^ a b Nel nuovo gruppo parlamentare Italia Viva - Il Centro - Renew Europe
  147. ^ Capogruppo di Azione - Italia Viva - Renew Europe
  148. ^ Leopolda 10, la diretta della convention di Italia Viva: la prima di Renzi senza il Pd, in Il Fatto Quotidiano, 18 ottobre 2019.
  149. ^ Al via Radio Leopolda, l'emittente è stata inaugurata mercoledì 12 gennaio, su FM-World, 13 gennaio 2022. URL consultato il 14 gennaio 2022.
  150. ^ Festa nazionale Italia Viva, su Italia Viva. URL consultato il 7 ottobre 2023.
  151. ^ Redazione, Santa Severa, al via la Festa di Italia Viva. Tanti gli appuntamenti in programma, l'intervento di Matteo Renzi domenica mattina, su Il Riformista, 12 settembre 2023. URL consultato il 7 ottobre 2023.
  152. ^ Italia Viva, presentati i tre possibili simboli, in La Repubblica, 12 ottobre 2019.
  153. ^ Italia Viva, ecco il simbolo del partito, ADN Kronos, 19 ottobre 2019.
  154. ^ Renzi risolve il rebus: "Simbolo Italia Viva non è un gabbiano", ADN Kronos, 20 ottobre 2019.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica