Ivo Coccia

avvocato e politico italiano
Ivo Coccia
Ivo Coccia.jpg

Presidente della Provincia di Rieti
Durata mandato 24 agosto 1946 - 21 febbraio 1948
Predecessore Luigi Colarieti
Successore Giovanni Fiori

Durata mandato 8 ottobre 1955 - 31 marzo 1958
Predecessore Fernando Ricca
Successore Alberto Maria Cirese

Deputato dell'Assemblea Costituente
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Collegio Perugia
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature I
Gruppo
parlamentare
Democratico Cristiano
Collegio Perugia
Incarichi parlamentari
  • Componente della III Commissione (Giustizia)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione avvocato

Ivo Coccia (Roma, 23 dicembre 1891Roma, 31 luglio 1979[1]) è stato un avvocato e politico italiano. È stato membro dell'Assemblea Costituente, deputato e infine presidente della provincia di Rieti.

BiografiaModifica

Nato a Roma ma originario di Perugia,[2] si laureò in giurisprudenza e intraprese la carriera di avvocato.[1] Nel 1916 fondò il suo studio legale a Roma.[3]

Si interessò molto presto alla politica e fu tra i fondatori del Partito Popolare Italiano.[1] Fu un tenace antifascista: collaborò con Giuseppe Donati nella denuncia contro Emilio De Bono per il delitto Matteotti e fu avvocato di parte civile nel processo contro gli assassini di Don Giovanni Minzoni;[1] nell'udienza, che si svolse in un clima di esplicita intimidazione dei testimoni, Coccia fu ricattato e costretto ad agire da accusatore pro forma.[4] Nel 1926 aiutò Alcide De Gasperi a sfuggire alla persecuzione fascista, ospitandolo nella propria abitazione romana.[1][5] Partecipò alla resistenza partigiana.[1]

Nel 1946 fu eletto deputato all'Assemblea Costituente della neonata repubblica. Alle elezioni del 1948 fu eletto alla Camera dei deputati nelle liste della Democrazia Cristiana, mantenendo l'incarico di deputato per tutta la I legislatura (dal 1948 al 1953).

Fu inoltre presidente della provincia di Rieti per due mandati: il primo dal 1946 al 1948 e il secondo dal 1955 al 1958.[6]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f Beatrice Ortu, Coccia Ivo, su Sistema informativo unificato per le soprintendenze archivistiche, 18 gennaio 2016. URL consultato il 23 novembre 2017.
  2. ^ Giovanni Di Capua, Tommaso Zerbi e i federalismi, Rubbettino Editore, 2004, p. 66.
  3. ^ (EN) Rome, Italy: Coccia De Angelis & Associati Studio Legale e Tributario, su martindale.com. URL consultato il 26 novembre 2017.
  4. ^ CADE NEL VUOTO IL TENTATIVO MISSINO DI RIABILITARE I KILLER DI DON MINZONI, in la Repubblica, 12 febbraio 1992. URL consultato il 26 novembre 2017.
  5. ^ Giulio Andreotti, Tanti eventi di rilievo, in 30 giorni n. 9, settembre 2004. URL consultato il 26 novembre 2017.
  6. ^ Elenco dei presidenti della provincia, su Rieti in Vetrina. URL consultato il 5 aprile 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89627083 · ISNI (EN0000 0000 6176 1074 · SBN IT\ICCU\RAVV\083217 · BAV (EN495/286978 · WorldCat Identities (ENviaf-89627083