Apri il menu principale

Jacopo di Cione

pittore italiano
Polittico di Jacopo di Cione oggi a Honolulu

Jacopo di Cione (Firenze, 13251399) è stato un pittore italiano, all'interno di un'importante famiglia di artisti tra i quali il più famoso fu suo fratello Andrea Orcagna. Furono pittori e/o architetti anche i fratelli, Nardo e Matteo di Cione.

Indice

BiografiaModifica

Nato nel popolo di Santa Maria Novella, si formò con i fratelli, con i quali collaborò spesso per tutta la vita. Tra il 1366 e il 1368 lo troviamo da solo come autore degli affreschi nel Palazzo dell'Arte dei Giudici e Notai, per il quale dipinse anche una pala d'altare con una Crocifissione oggi alla National Gallery di Londra.

Dopo la morte del fratello Andrea (1368) egli completò alcune sue commissioni, come i dipinti della Vergine e di san Matteo, entrambe per Orsanmichele. Si iscrisse all'Arte dei Medici e Speziali nel 1369 e fu consolo della corporazione nel 1384, 1387 e nel 1392.

Collaborò con regolarità anche con il pittore Niccolò di Pietro Gerini, come nel maestoso polittico risalente al 1370-71 per l'altare della chiesa di San Pier Maggiore, probabilmente commissionato dagli Albizi. Tra i più grandi dell'epoca, oggi i dodici pannelli principali si trovano sempre alla National Gallery londinese, mentre la predella è andata dispersa. Sempre frutto di questa collaborazione fu il grande pannello dipinto con l'Incoronazione della Vergine commissionato dalla zecca fiorentina (1372-73) e l'affresco dell'Annunciazione nel Palazzo dei Priori a Volterra.

Tra il 1378 e il 1380 Jacopo lavorò al cantiere di Santa Maria del Fiore con il fratello Matteo, sostituendolo dopo la sua morte nella scelta dei marmi destinati al corpo di fabbrica. Probabilmente lavorò anche alla decorazione del portale centrale, oggi distrutto.

Tra il 1382 e il 1385 è ricordato nel cantiere della Loggia della Signoria, accanto al fratello Nardo, e nel 1386 creò quattro pannelli lignei dipinti per la sede avignonese della compagnia del mercante pratese Francesco Datini. L'ultima menzione dell'artista in vita risale al 2 maggio 1398.

OpereModifica

BibliografiaModifica

  • Andrea G. De Marchi, s. v. Jacopo di Cione, in Enciclopedia dell'Arte Medievale, VII, Roma, Treccani, 1996, pp. 244-246.
  • Richard Offner, A critical and historical corpus of Florentine painting. IV: Tendencies of Gothic in Florence, 3: Jacopo di Cione, [New York], [New York University], 1965.
  • Miklós Boskovits, Pittura fiorentina alla vigilia del Rinascimento 1370-1400, Firenze, Edam, 1975.
  • L'eredità di Giotto. L'arte a Firenze 1340-1375, catalogo della mostra (Firenze, 2008) a cura di A. Tartuferi, Firenze, Giunti, 2008.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN95874533 · GND (DE121753271 · ULAN (EN500031302 · CERL cnp00566345