Apri il menu principale

Jacques Tréfouël

chimico e farmacologo francese

Jacques Tréfouël (Le Raincy, 9 novembre 1897Parigi, 11 luglio 1977) è stato un chimico e farmacologo francese.

BiografiaModifica

Dopo la laurea all'Università di Parigi e la partecipazione alla Prima guerra mondiale, per la quale ottenne una decorazione, nel 1920 entrò all'Istituto Pasteur dove venne nominato assistente del Laboratoire de Chimie thérapeutique (Laboratorio di Chimica terapeutica, LCT) diretto da Ernest Fourneau. Iniziò la sua carriera di ricercatore con lo studio del composto 205 Bayer, un farmaco attivo contro la Tripanosomiasi. Dopo la nomina a chef de service del LCT nel 1928, si dedicò allo studio di numerose sostanze fra le quali i composti arsenicali, attivi contro la sifilide, o i composti chinolinici, attivi contro la malaria. La sua fama è legata agli studi, effettuati in collaborazione con Daniel Bovet e Federico Nitti, che hanno portato al chiarimento del meccanismo d'azione dei sulfamidici.

Dal 1940 al 31 dicembre 1964 è stato direttore dell'Istituto Pasteur. Durante la guerra aiutò Federico Nitti a mettere in atto un deposito di farmaci destinati alla Resistenza. In pensione dal 1965, fu nominato direttore onorario del Pasteur, carica che mantenne fino alla morte, avvenuta nel 1977.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN19828239 · ISNI (EN0000 0001 1042 5385 · LCCN (ENn2017185458 · BNF (FRcb13476973v (data)
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie