James Alan Ball

calciatore e allenatore di calcio britannico
Alan Ball
Alan Ball (cropped).jpg
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Altezza 168 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Termine carriera 1984 - giocatore
1999 - allenatore
Carriera
Giovanili
1960-1961Bolton
1961-1962Blackpool
Squadre di club1
1962-1966Blackpool116 (40)
1966-1971Everton208 (66)
1971-1976Arsenal177 (45)
1976Hellenic4 (0)
1976-1978Southampton132 (9)
1978-1979Philadelphia Fury33 (5)
1979-1980 Vancouver Whitecaps31 (10)
1980-1981Blackpool30 (5)
1981-1982Southampton63 (2)
1982Floreat Athena3 (2)
1982-1983Eastern12 (?)
1983-1984Bristol Rovers17 (2)
Nazionale
1964-1965Inghilterra Inghilterra U-238 (2)
1965-1975Inghilterra Inghilterra72 (8)
Carriera da allenatore
1978Philadelphia Fury
1980-1981Blackpool
1984-1989Portsmouth
1989-1991Stoke City
1991-1994Exeter City
1994-1995Southampton
1995-1996Manchester City
1998-1999Portsmouth
Palmarès
Julesrimet.gif Mondiali di calcio
Oro Inghilterra 1966
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Bronzo Italia 1968
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 agosto 2007

Alan James Ball jr. (Farnworth, 12 maggio 1946Warsash, 24 aprile 2007) è stato un calciatore e allenatore di calcio inglese, di ruolo centrocampista. Campione del mondo nel 1966.

Giocatore di Blackpool, Everton e Arsenal, vinse con l'Inghilterra il campionato del mondo 1966, della cui finale venne giudicato il miglior giocatore.

Con la nazionale ha giocato 72 gare segnando 8 gol: portava solitamente il numero 7. A livello di club vinse il campionato nel 1970 con l'Everton ma giocò anche per Blackpool, Arsenal, Southampton, Eastern AA e Bristol Rovers. Ebbe anche una breve esperienza nella NASL: vestì le maglie di Vancouver Whitecaps e Philadelphia Fury.

Dopo aver lasciato il calcio fu allenatore di Portsmouth, Stoke City, Exeter City, Southampton e Manchester City. Nel 2003 è stato incluso nella prestigiosa English Football Hall of Fame per i meriti ottenuti nella lunga carriera. Rientra inoltre nella ristretta cerchia dei calciatori con almeno 1000 presenze in carriera.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Dopo aver lasciato la scuola, i Wolves, con i quali aveva firmato un contratto, decisero di non farlo giocare, così Ball cominciò ad allenarsi con il Bolton Wanderers; anche loro però decisero di non dargli un contratto da professionista, in quanto il manager Bill Ridding asseriva che Ball era troppo piccolo.

Esordì nel Blackpool, in quanto suo padre intercedette a suo favore con l'allenatore della squadra, un vecchio amico che gli doveva un favore. Iniziò la sua carriera il 18 agosto 1962, in una partita di campionato contro il Liverpool, vinta 2-1. All'età di 17 anni e 98 giorni, Ball diventò il più giovane esordiente in Lega con la maglia del Blackpool. Il 21 novembre 1964 segnò la sua prima tripletta da professionista, in un pareggio 3-3 con il Fulham al Craven Cottage.

Dopo la sua prestazione nel Mondiale 1966, vinto dall'Inghilterra, Ball attirò l'attenzione di molti club più prestigiosi di quello in cui giocava e alla fine fu venduto all'Everton per 112.000 sterline. Qui Ball fece parte del miglior centrocampo della sua generazione (affettuosamente chiamato "La Santa Trinità") assieme a Colin Harvy e Howard Kendall. Ball è stato determinante nella squadra che, nonostante alcune prestazioni non positive in FA Cup, ha conquistato il Football League Championship 1969-1970.

Nella stagione successiva fu il primo giocatore britannico, a partire dal Charity Shield vinto per 2-1 contro il Chelsea, a calzare delle scarpe bullonate di colore bianco.

Nel 1971 l'Arsenal ha pagato la cifra record di 220.000£ per portare Ball a giocare nelle sue file. In quegli anni Ball era nel suo miglior periodo di forma, ma nonostante ciò, la sua squadra non riuscì a vincere neppure un trofeo. Ne seguì un brutto periodo sia per lui, che qualche stagione dopo si infortunò gravemente rompendosi la gamba, sia per i Gunners che chiusero quella stessa stagione in sedicesima posizione.

Dopo 217 presenze e 52 gol segnati con l'Arsenal, Ball fu trasferito al Southampton, dove riportò la squadra in Prima Divisione e vinse un trofeo.

Dopo una parentesi nell'America del Nord, Ball tornò al Blackpool, facendo sia il giocatore che l'allenatore. Tornò quindi a Southampton, dove concluse la sua carriera.

Fu determinante anche in Nazionale e fu uno degli artefici del Mondiale 1966 conquistato dall'Inghilterra. Dopo il pensionamento, iniziò per lui una carriera da allenatore che lo portò a girare tutto il Regno Unito.

NazionaleModifica

Debuttò in Nazionale mentre militava nel Blackpool, sotto la commissione tecnica di Alf Ramsey, che lo fece esordire il 9 maggio 1965 a Belgrado, in un'amichevole pareggiata 1-1. Ramsey si stava preparando per la Coppa del Mondo di un anno dopo, che era l'Inghilterra ad ospitare.

Ball era il più giovane dei 22 convocati, all'età di 21 anni. L'Inghilterra doveva esordire nel Mondiale contro la Germania Ovest. In quella partita, a cui assisteva una folla di 100.000 persone, Ball sfruttò un calcio d'angolo dalla destra e servì un assist ad Hurst che segnò il gol del definitivo 2-1.

Ball giocò anche i Mondiali 1970, in Messico, dove colpì una traversa contro il Brasile, ma il loro regno come campioni del mondo finì in una partita persa 3-2 contro la Germania Ovest.

In una partita di qualificazione per i Mondiali 1974, Ball fu il secondo giocatore inglese ad essere espulso; mancò quindi la partita di ritorno che si risolse con un pareggio che impedì all'Inghilterra di qualificarsi.

Poco dopo decise di ritirarsi dalla scena internazionale.

AllenatoreModifica

La carriera manageriale di Ball iniziò nel maggio 1984, con il Portsmouth, che portò in prima divisione due anni dopo. Nonostante questo successo, Ball fu esonerato in seguito ad una lite con l'allora presidente del club Jim Gregory.

Il mese seguente divenne l'assistente dell'allenatore del Colchester United per poi passare allo Stoke City ricoprendo lo stesso ruolo. In seguito al licenziamento dell'allenatore di questi ultimi, Ball venne promosso, con la squadra che retrocedette in terza divisione provocando l'esonero di Ball.

Venne quindi assunto dal Southampton, ottenendo la salvezza con un decimo posto.

Dopo il successo, Ball fu nominato allenatore del Manchester City. La stagione fu un susseguirsi di sconfitte e Ball fu esonerato. Tornò a Portsmouth, ritirandosi poi all'età di 54 anni.

ScomparsaModifica

Ball è morto il 24 aprile 2007 a seguito di un attacco cardiaco mentre tentava di spegnere un piccolo incendio nel cortile della sua abitazione. Aveva 61 anni. I funerali si sono tenuti nella Cattedrale di Winchester il 3 maggio. Ball è il secondo campione del mondo del 1966 a morire, dopo Bobby Moore, deceduto nel 1993. Verrà sepolto nel cimitero di Hollybrook, nel distretto di Shirley, a Southampton.

StatisticheModifica

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Inghilterra
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
9-5-1965 Belgrado Jugoslavia   1 – 1   Inghilterra Amichevole -
12-5-1965 Norimberga Germania Ovest   0 – 1   Inghilterra Amichevole -
16-5-1965 Göteborg Svezia   1 – 2   Inghilterra Amichevole 1
8-12-1965 Madrid Spagna   0 – 2   Inghilterra Amichevole -
5-1-1966 Liverpool Inghilterra   1 – 1   Polonia Amichevole -
23-2-1966 Londra Inghilterra   1 – 0   Germania Ovest Amichevole -
2-4-1966 Glasgow Scozia   3 – 4   Inghilterra Torneo Interbritannico 1965 -
26-6-1966 Helsinki Finlandia   0 – 3   Inghilterra Amichevole -
3-7-1966 Copenaghen Danimarca   0 – 2   Inghilterra Amichevole -
5-7-1966 Chorzów Polonia   0 – 1   Inghilterra Amichevole -
11-7-1966 Londra Inghilterra   0 – 0   Uruguay Mondiali 1966 - 1º turno -
23-7-1966 Londra Inghilterra   1 – 0   Argentina Mondiali 1966 - Quarti di finale -
26-7-1966 Londra Inghilterra   2 – 1   Portogallo Mondiali 1966 - Semifinale -
30-7-1966 Londra Inghilterra   4 – 2   Germania Ovest Mondiali 1966 - Finale -
22-10-1966 Belfast Irlanda del Nord   0 – 2   Inghilterra Qual. Euro 1968 -
2-11-1966 Londra Inghilterra   0 – 0   Cecoslovacchia Amichevole -
16-11-1966 Londra Inghilterra   5 – 1   Galles Qual. Euro 1968 -
15-4-1967 Londra Inghilterra   2 – 3   Scozia Qual. Euro 1968 -
24-5-1967 Londra Inghilterra   2 – 0   Spagna Amichevole -
27-5-1967 Vienna Austria   0 – 1   Inghilterra Amichevole 1
21-10-1967 Cardiff Galles   0 – 3   Inghilterra Torneo Interbritannico 1968 1
6-12-1967 Londra Inghilterra   2 – 2   Unione Sovietica Amichevole 1
24-2-1968 Glasgow Scozia   1 – 1   Inghilterra Torneo Interbritannico 1968 -
3-4-1968 Londra Inghilterra   1 – 0   Spagna Qual. Euro 1968 -
8-5-1968 Madrid Spagna   1 – 2   Inghilterra Qual. Euro 1968 -
1-6-1968 Hannover Germania Est   1 – 0   Inghilterra Amichevole -
5-6-1968 Firenze Inghilterra   0 – 1   Jugoslavia Euro 1968 - 1º turno -
6-11-1968 Bucarest Romania   0 – 0   Inghilterra Amichevole -
15-1-1969 Londra Inghilterra   1 – 1   Romania Amichevole -
3-5-1969 Belfast Irlanda del Nord   1 – 3   Inghilterra Torneo Interbritannico 1969 -
7-5-1969 Londra Inghilterra   2 – 1   Galles Torneo Interbritannico 1969 -
10-5-1969 Londra Inghilterra   4 – 1   Scozia Torneo Interbritannico 1969 -
1-6-1969 Città del Messico Messico   0 – 0   Inghilterra Amichevole -
8-6-1969 Montevideo Uruguay   1 – 2   Inghilterra Amichevole -
12-6-1969 Rio de Janeiro Brasile   2 – 1   Inghilterra Amichevole -
14-1-1970 Londra Inghilterra   0 – 0   Paesi Bassi Amichevole -
25-2-1970 Anderlecht Belgio   1 – 3   Inghilterra Amichevole 2
18-4-1970 Cardiff Galles   1 – 1   Inghilterra Torneo Interbritannico 1970 -
25-4-1970 Glasgow Scozia   0 – 0   Inghilterra Torneo Interbritannico 1970 -
20-5-1970 Bogotà Colombia   0 – 4   Inghilterra Amichevole 1
24-5-1970 Quito Ecuador   0 – 2   Inghilterra Amichevole -
2-6-1970 Guadalajara Inghilterra   1 – 0   Romania Mondiali 1970 - 1º turno -
7-6-1970 Guadalajara Brasile   1 – 0   Inghilterra Mondiali 1970 - 1º turno -
11-6-1970 Guadalajara Rep. Ceca   0 – 1   Inghilterra Mondiali 1970 - 1º turno -   66’
14-6-1970 Leon Germania Est   3 – 2   Inghilterra Mondiali 1970 - Quarti di finale -
25-11-1970 Londra Inghilterra   3 – 1   Germania Est Amichevole -
3-2-1971 Gżira Malta   0 – 1   Inghilterra Qual. Euro 1972 -
21-4-1971 Londra Inghilterra   3 – 0   Grecia Qual. Euro 1972 -   78’
12-5-1971 Londra Inghilterra   5 – 0   Malta Qual. Euro 1972 -   62’
15-5-1971 Belfast Irlanda del Nord   0 – 1   Inghilterra Torneo Interbritannico 1971 -
19-5-1971 Londra Inghilterra   0 – 0   Galles Torneo Interbritannico 1971 -
22-5-1971 Londra Inghilterra   3 – 1   Scozia Torneo Interbritannico 1971 -
13-10-1971 Basilea Svizzera   2 – 3   Inghilterra Qual. Euro 1972 -
1-12-1971 Il Pireo Grecia   0 – 2   Inghilterra Qual. Euro 1972 -
29-4-1972 Londra Inghilterra   1 – 3   Germania Est Qual. Euro 1972 -
13-5-1972 Berlino Germania Est   0 – 0   Inghilterra Qual. Euro 1972 -
27-5-1972 Glasgow Scozia   0 – 1   Inghilterra Torneo Interbritannico 1972 1
11-10-1972 Londra Inghilterra   1 – 1   Jugoslavia Amichevole -
15-11-1972 Cardiff Galles   0 – 1   Inghilterra Qual. Mondiali 1974 -
24-1-1973 Londra Inghilterra   1 – 1   Galles Qual. Mondiali 1974 -
14-2-1973 Glasgow Scozia   0 – 5   Inghilterra Amichevole -
12-5-1973 Liverpool Irlanda del Nord   1 – 2   Inghilterra Torneo Interbritannico 1973 -
15-5-1973 Londra Inghilterra   3 – 0   Galles Torneo Interbritannico 1973 -
19-5-1973 Londra Inghilterra   1 – 0   Scozia Torneo Interbritannico 1973 -
27-5-1973 Praga Rep. Ceca   1 – 1   Inghilterra Amichevole -
6-6-1973 Chorzów Polonia   2 – 0   Inghilterra Qual. Mondiali 1974 -
3-4-1974 Lisbona Portogallo   0 – 0   Inghilterra Amichevole -   75’
12-3-1975 Londra Inghilterra   2 – 0   Germania Est Amichevole - cap.
16-4-1975 Londra Inghilterra   5 – 0   Cipro Qual. Euro 1976 - cap.
11-5-1975 Limassol Cipro   0 – 1   Inghilterra Qual. Euro 1976 - cap.
17-5-1975 Belfast Irlanda del Nord   0 – 0   Inghilterra Torneo Interbritannico 1975 - cap.
21-5-1975 Londra Inghilterra   2 – 2   Galles Torneo Interbritannico 1975 - cap.
24-5-1975 Londra Inghilterra   5 – 1   Scozia Torneo Interbritannico 1975 - cap.
Totale Presenze 72 Reti 8

PalmarèsModifica

ClubModifica

Everton: 1969-1970
Everton: 1970
Whitecaps: 1979

NazionaleModifica

1966

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN116996706 · ISNI (EN0000 0000 8479 2623 · LCCN (ENnb90065026 · WorldCat Identities (ENlccn-nb90065026