Apri il menu principale
James Brooke
Sir James Brooke (1847) by Francis Grant.jpg
Rajah di Sarawak
Stemma
In carica 18 agosto 1842 - 11 giugno 1868
Incoronazione 18 agosto 1842
Predecessore nessuno
Successore Charles Brooke di Sarawak
Altri titoli Sir
Nascita Secrore, Raj Britannico, 29 aprile 1803
Morte Burrator, Regno Unito, 11 giugno 1868
Casa reale Rajah Bianchi di Sarawak

Sir James Brooke (Secrore, 29 aprile 1803Burrator, 11 giugno 1868) è stato un avventuriero e politico britannico, Rajah di Sarawak dal 1842 fino alla morte.

Indice

BiografiaModifica

Figlio di un giudice britannico, nacque a Secrore, sobborgo di Benares, in India. Dopo essersi dimesso dalla Compagnia delle Indie, si stabilì nel Borneo, dove iniziò a praticare il commercio non più come emissario governativo ma in via privata. Giunto a Kuching nell'agosto del 1838, offrì il suo aiuto al sultano del Brunei per sedare una rivolta dei Dayachi e il grande successo riportato nel processo di pacificazione gli valse il titolo di Rajah di Sarawak.

Da allora Brooke iniziò a rafforzare il suo potere, riformando l'amministrazione, emanando leggi e combattendo la pirateria, che costituiva allora una minaccia continua. Al momento del suo temporaneo ritorno nel Regno Unito (1847) gli furono concesse numerose onorificenze e fu nominato governatore dell'isola di Labuan (ceduta dal Sultano del Brunei all'impero britannico nel 1846, grazie anche all'intercessione dello stesso Brooke), nonché console generale nel Borneo.

Il suo successo creò non poche controversie in patria, che lo portarono a essere accusato di malversazione dalla commissione reale di Singapore (1851); nonostante le imputazioni si fossero rivelate alla fine inconsistenti, polemiche e recriminazioni continuarono a perseguitarlo per tutta la vita. Governò Sarawak fino alla morte, avvenuta nel 1868. A succedergli fu il nipote, Charles Brooke di Sarawak.

OnorificenzeModifica

Influenza culturaleModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN67259581 · ISNI (EN0000 0000 8390 7126 · LCCN (ENn81100535 · GND (DE118674331 · BNF (FRcb124197144 (data) · CERL cnp00397875