James Crichton

scienziato, poeta e matematico scozzese

James Crichton, conosciuto anche col nome di Admirable Crichton (tradotto in italiano come ammirabile Critonio) (Eliock in Dumfriesshire, 19 agosto 1560Mantova, 2 luglio 1582), è stato uno scienziato, poeta e matematico scozzese, famoso per la sua straordinaria conoscenza delle lingue, delle arti e delle scienze.

James Crichton
Stemma Crichton

Parlava correttamente almeno dieci lingue (ebraico, siriaco, arabo, greco, latino, spagnolo, francese, italiano, inglese, olandese e antico slavo ecclesiastico) e aveva una cultura sterminata che lo portava ad avere un grosso ascendente sulle donne e le gelosie gli furono fatali.

BiografiaModifica

James Crichton di Clunie nasce da Robert Crichton e Elizabeth Stewart. Educato all'università di St. Andrews già a quattordici anni consegue la laurea. Quando lascia la Scozia, visita Parigi dove migliora la sua formazione e dove trascorre due anni nell'esercito. Nel 1579, approda in Italia attraverso Genova, Venezia e Padova. Nel 1581 giunge alla corte dei Gonzaga, diventando consigliere del duca di Mantova Guglielmo Gonzaga e forse precettore del figlio, il principe Vincenzo.[1]

La notte fra il 2 e il 3 luglio 1582 ha luogo il giallo della sua tragica morte dopo uno scontro a spada e pugnale con Vincenzo Gonzaga. Altre fonti danno la sua morte dovuta a un gruppo di sgherri mascherati di Vincenzo.

Crichton è sepolto nella piccola chiesa di San Simone a Mantova, in via Domenico Fernelli. Entrando sulla destra si trova una lapide bilingue, deposta nel 1914 da un suo discendente, che ricorda James Crichton of Eliock and Cluny (1560-1582) diventato in Italia l'Ammirabile Critonio.

NoteModifica

  1. ^ DBI.

BibliografiaModifica

  • Giuseppe Amadei; Ercolano Marani (a cura di), I Gonzaga a Mantova, Milano, 1975. ISBN non esistente.
  • Maria Bellonci, Segreti dei Gonzaga, Verona, 1947, ISBN non esistente.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN38285983 · ISNI (EN0000 0000 2678 1790 · SBN CNCV003573 · LCCN (ENn83041497 · BNF (FRcb12478115t (data) · J9U (ENHE987007273942005171 · WorldCat Identities (ENlccn-n83041497