James Patrick Green

arcivescovo cattolico statunitense
James Patrick Green
arcivescovo della Chiesa cattolica
Monseñor James Green.jpg
Mons. James Patrick Green nel 2012
Template-Archbishop.svg
 
TitoloAltino
Titolo personale di arcivescovo
Incarichi attualiNunzio apostolico in Svezia, Norvegia, Islanda, Danimarca e Finlandia
Incarichi ricopertiIncaricato d'affari in Cina
Nunzio apostolico in Sudafrica e Namibia
Delegato apostolico in Botswana
Nunzio apostolico in Lesotho e Swaziland
Nunzio apostolico in Botswana
Nunzio apostolico in Perù
 
Nato30 maggio 1950 (71 anni) a Filadelfia
Ordinato presbitero15 maggio 1976 dal cardinale John Joseph Krol
Nominato arcivescovo17 agosto 2006 da papa Benedetto XVI
Consacrato arcivescovo6 settembre 2006 dal cardinale Angelo Sodano
 

James Patrick Green (Filadelfia, 30 maggio 1950) è un arcivescovo cattolico statunitense.

BiografiaModifica

Fu ordinato sacerdote del clero di Filadelfia dal cardinale John Joseph Krol, arcivescovo della medesima diocesi, il 15 maggio 1976.[1]

Nei suoi primi anni al servizio diplomatico della Santa Sede, prestò servizio in Papua Nuova Guinea e Corea del Sud, prima di diventare consigliere del nunzio nei Paesi Bassi e poi in Spagna e Andorra. Nel 1999, fu trasferito in Danimarca come consigliere del nunzio nella nunziatura per i paesi nordici.[2]

Fu Incaricato d'affari a Taiwan dal 2002 al 2003.[3]

Il 17 agosto 2006 fu nominato arcivescovo titolare di Altino e nunzio apostolico in Sudafrica e Namibia e delegato apostolico in Botswana.

Ricevette la consacrazione episcopale il 6 settembre 2006, per le mani del cardinale Angelo Sodano, co-consacranti i cardinali Ivan Dias e Justin Francis Rigali. Contestualmente fu anche nominato nunzio apostolico per lo stato del Lesotho.[4]

Il 23 settembre dello stesso anno fu nominato anche nunzio apostolico nello Swaziland.[5]

Stabilitosi a Pretoria, a causa delle numerose sedi vacanti e di quelle che avrebbero richiesto la successione in breve, fu coinvolto nella nomina di diciassette vescovi della regione dell'Africa meridionale, lasciando come eredità un episcopato giovane e stabile.[6]

Nel novembre 2008, la Santa Sede e il Botswana decisero di comune accordo di stabilire tra di loro relazioni diplomatiche e mons. Green, da delegato apostolico, divenne il primo nunzio nel febbraio 2009.[7]

Il 15 ottobre 2011 fu nominato nunzio apostolico in Perù.[8][9]

Il 6 aprile 2017 è stato nominato nunzio apostolico in Svezia e Islanda[10], il 13 giugno nunzio apostolico in Danimarca[11], il 12 ottobre nunzio apostolico in Finlandia[12], e il 18 ottobre nunzio apostolico in Norvegia[13].

Genealogia episcopale e successione apostolicaModifica

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

NoteModifica

  1. ^ Rinunce e Nomine, in Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede, 17 agosto 2006.
  2. ^ GREEN James Patrick, su katolsk.no. URL consultato il 22 luglio 2020.
  3. ^ For Scandinavia, a nuncio used to great distances, su incaelo.wordpress.com. URL consultato il 21 luglio 2020.
  4. ^ Rinunce e Nomine, in Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede, 6 settembre 2006.
  5. ^ Rinunce e Nomine, in Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede, 23 settembre 2006.
  6. ^ Farewell to the nuncio, su scross.co.za. URL consultato il 21 luglio 2020.
  7. ^ The Vatican and Botswana establish diplomatic relations, su ethiopianreview.com. URL consultato il 22 luglio 2020.
  8. ^ Norvegia: mons. James Patrick Green nominato nunzio apostolico, su it.zenit.org. URL consultato il 21 luglio 2020.
  9. ^ Rinunce e Nomine, in Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede, 15 ottobre 2011.
  10. ^ Rinunce e Nomine, in Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede, 6 aprile 2017.
  11. ^ Rinunce e Nomine, in Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede, 13 giugno 2017.
  12. ^ Rinunce e Nomine, in Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede, 12 ottobre 2017.
  13. ^ Rinunce e Nomine, in Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede, 18 ottobre 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN779159474065127660684