Jan Stachniuk

pubblicista e filosofo polacco
Jan Stachniuk

Jan Stachniuk, pseudonimo Stoignew (Kovel', 13 gennaio 1905Varsavia, 14 agosto 1963), è stato un pubblicista, filosofo e attivista neopagano polacco.

Nel 1930 terminò gli studi di economia a Poznań. Ideologo e animatore del gruppo nazionalista neopagano Zadruga e dell'omonimo bollettino. Durante la seconda guerra mondiale fu membro di un gruppo della resistenza polacca, il "Partito dello Slancio Nazionale" (Stronnictwa Zrywu Narodowego) e combatté durante l'insurrezione di Varsavia.

Nel 1949 fu arrestato dalle autorità comuniste e internato a Barczewo. Inizialmente condannato a morte, la pena fu commutata in 15 anni di prigione, ma poi fu rilasciato nel 1955.

Morì nel 1963 e fu sepolto in segreto nel Cimitero Powązki, a Varsavia.

Le sue idee ebbero una notevole influenza sul movimento neopagano polacco del dopoguerra, perfino su gruppi ispirati a quel nazismo che Stachniuk aveva combattuto durante la guerra.

OpereModifica

  • Zagadnienie totalizmu ("La questione del Totalismo")
  • Człowieczeństwo i kultura ("Umanità e cultura")
  • Chrześcijaństwo a ludzkość ("Il cristianesimo senza l'umanità")
  • Mit słowiański ("Il mito slavo")
  • Droga rewolucji kulturowej w Polsce ("La difficile rivoluzione culturale in Polonia")
  • Kolektywizm a naród ("Il collettivismo senza la nazione")
  • Dzieje bez dziejów ("Storia senza storia")
  • Wspakultura
  • Heroiczna wspólnota narodu ("Comunità nazionale eroica")
  • Państwo a gospodarstwo ("Lo stato senza fattoria")

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN5732672 · ISNI (EN0000 0001 0865 9457 · LCCN (ENn93088293 · WorldCat Identities (ENlccn-n93088293
  Portale Religioni: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di religioni