Apri il menu principale

Janelle Monáe

cantautrice, attrice e modella statunitense
Janelle Monáe
Janelle Monae Paris Fashion Week Autumn Winter 2019.jpg
Janelle Monáe nel 2019
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereIndie pop
Funk
Contemporary R&B
Hip hop
Soul
Periodo di attività musicale2003 – in attività
EtichettaBad Boy Records, Atlantic Records
Album pubblicati7
Studio3
Sito ufficiale

Janelle Monáe, nome completo Janelle Monáe Robinson (Kansas City, 1º dicembre 1985), è una cantautrice, attrice, produttrice discografica e modella statunitense.

Durante la sua carriera ha ricevuto otto nominations ai Grammy Award, tra cui all'Album Dell'Anno per "Dirty Computer", ha vinto un MTV Video Music Awards e ricevuto l'ASCAP Vanguard Award, il "Rising Star Award" (2015) e il "Trailblazer of the Year" (2018) ai Billboard Women in Music. Ha inoltre collaborato con numerosi artisti tra cui Prince, Duran Duran, Solange Knowles, Pharrell Williams, Fun., B.o.B, Estelle e Kelly Clarkson.

Il suo primo EP "Metropolis: Suite I (The Chase)" viene rilasciato nel 2007, per essere successivamente incorporato nel suo primo album "The ArchAndroid" del 2009 sostenuto dal brano "Tightrope". Nel 2013 pubblica "The Electric Lady" che raggiunge la top5 statunitense ed australiana, trascinando i singoli "Q.U.E.E.N." e "Electric Lady". Raggiunge le classifiche internazionali con la collaborazione con la band Fun. "We Are Young" con 10milioni di copie vendute globalmente, mentre nel 2015 viene rilasciato l'album collaborativo "Wondaland Presents: The Eephus", da cui estrae il singolo "Yoga" sul tema del femminismo e libertà sessuale. Il terzo album "Dirty Computer" del 2018 viene ampiamente elogiato dalla critica e sostenuto dai singoli "Pynk", "Django Jane" e dalla hit "Make Me Feel".

Dal 2016 ha intrapreso la carriera cinematografica recitando nei film "Il Diritto di Contare" e "Moonlight", entrambi ampiamente elogiati dalla critica. "Moonlight" ha ottenuto tre Premi Oscar, tra cui Miglior film. Monáe ha inoltre recepito un Screen Actors Guild Award e un Satellite Award, oltre a numerosi altri premi e nomine. Ha preso parte al film "Benvenuti a Marwen" e dato voce ai personaggi di "Rio 2 - Missione Amazzonia" e "Lilli e il Vagabondo-Live Action".

È proprietaria della casa di discografica Wondaland Arts Society in collaborazione con Atlantic Records.

BiografiaModifica

2007-2011: Metropolis e The ArchAndroidModifica

Nata e cresciuta a Kansas City, si trasferisce a New York per studiare teatro alla American Musical and Dramatic Academy. Inizialmente era intenzionata a perseguire una carriera a Broadway, ma presto cambiò idea indirizzandosi verso la musica, una forma d'arte che, secondo lei, ha il potenziale per cambiare il mondo.[1]

 
Janelle Monáe nel 2009

Dopo essersi trasferita ad Atlanta, fonda la Wondaland Arts Society composta da giovani artisti. Sempre ad Atlanta conosce Big Boi degli OutKast, e partecipa all'album Idlewild nelle tracce Call The Law e In Your Dreams. Nel 2007 pubblica il suo primo lavoro solista, l'EP Metropolis. Inizialmente era stato concepito come un concept album in quattro parti, o suite, che dovevano essere distribuiti attraverso il suo sito web e siti di download MP3. Dopo l'uscita della prima parte, Metropolis: Suite I (The Chase) a metà del 2007, questi piani sono stati modificati a seguito della sua firma con l'etichetta di Sean "Diddy" Combs Bad Boy Records, avvenuta nel corso dell'anno.[2]

L'etichetta ha ufficialmente pubblicato la prima suite nell'agosto 2009 reintitolata Metropolis: The Suite Chase (Special Edition), in cui sono stati inseriti due nuovi brani. L'EP è stato ben accolto dalla critica, facendo ottenere alla Monáe una nomination ai Grammy Awards 2009 nella categoria Best Urban/Alternative Performance per il suo singolo Many Moons, e permettendole di partecipare a festival e aprire i concerti del gruppo indie pop Of Montreal.[3] Ha inoltre aperto alcune date del tour estivo del 2009 dei No Doubt.

Il 18 maggio 2010 viene pubblicato il suo primo album The ArchAndroid, in cui sono state assorbite la seconda e terza suite del progetto Metropolis. The ArchAndroid è un concept album in cui Cindi Mayweather, l'alter ego androide della Monáe - protagonista anche in Metropolis: Suite I (The Chase) - si delinea come una figura messianica nel mondo di Metropolis popolato da androidi[4]. La Monáe ha ricevuto un Vanguard Award dall'ASCAP nel 2010.[5]

Il progetto della serie Metropolis trae ispirazione da un'ampia gamma di risorse musicali e cinematografiche, tra cui le opere di Hitchcock, Debussy e Philip K. Dick, oltre al film muto Metropolis di Fritz Lang[6][7] che la Monáe cita come "il padrino dei film di fantascienza". Oltre a riprenderne il nome, l'album condivide con l'originario Metropolis lo stile visivo (la copertina dell'album richiama il manifesto iconico del film del 1927), temi sociali e politici attraverso immagini di scenari futuri, smuovendo questioni attuali di pregiudizio e di classe. In tale contesto la protagonista è però introdotta con un effetto diverso. Mentre l'androide Maria di Metropolis rappresenta il male, una forza devastante verso la classe operaia fortemente segregata della città, la musa messianica Cindi immaginata dalla Monáe rappresenta un'interpretazione androide di quella minoranza segregata che la stessa Monae descrive come "... l'Altro. Pure io mi sento, come tutti noi ad un certo punto, nella maggioranza o nella minoranza, considerata come l'Altro". Nello sviluppo della storia alla base del concept album, ambientata nel 2719, Cindi è una androide che si innamora di un uomo che non può frequentare a causa delle restrizioni imposte dalla società, diventando la paladina di un movimento per sconfiggere il pregiudizio, guidando la gente alla ribellione e alla ricerca della libertà.[8][9]

Il primo singolo ufficiale estratto da The ArchAndroid è Tightrope, nominato ai Grammy Awards come Best Urban/Alternative Performance, e seguito da Cold War.[10] La Monae ha interpretato una cover di Smile di Charlie Chaplin su Billboard.com nel giugno dello stesso anno.

Nel 2011 ha collaborato con il gruppo musicale indie rock Fun. per il brano We Are Young, che ha raggiunto la vetta della classifica statunitense e ha ottenuto buoni risultati in altri paesi del mondo, con 10milioni di copie vendute.[11][12] Il brano riceve due nominations ai Grammy Awards nelle categorie Record of the Year e Best Pop Duo/Group Performance.[13]

2012-2015: The Electric Lady, The Eephus ed altri progettiModifica

 
Janelle Monae durante il "Treasure Island" nel 2014

Nel 2013 collabora al brano "Do My Thing" della cantante Estelle[14] ed è presente nell'album "Magic" di Sérgio Mendes nella traccia "Visions of You".

Il 10 settembre 2013 viene pubblicato il suo secondo album, intitolato The Electric Lady. L'album sperimenta vari generi tra cui folk, jazz, gospel e il pop punk e contiene anche una collaborazione con Prince, nella traccia "Givin em what they love", con Solange Knowles in "Eletric Lady" e Miguel in "PrimeTime".[15][16] Il singolo "Q.U.E.E.N." (Queer, Untouchables, Emigrants, Excommunicated, and Negroid) anticipa l'album, seguito poi "Dance Apocalyptic".[17] Nell'edizione del 2013 degli MTV Video Music Awards Q.U.E.E.N. vince nella categoria Best Art Director.

Nel 2014 da voce ad un personaggio del film "Rio 2 - Missione Amazzonia" e canta la colonna sonora What Is Love.[18]

Il 14 Aprile 2014 viene premiata con l'Harvard College Women's Center Award for Achievement in Arts and Media per i suoi contributi artistici e sostegno al femminismo. Riceve inoltre il titolo di Woman of the Year al Celebration of Black Women gala dell'Università di Harvard.[19][20]

Nel Febbraio del 2015 Monae annuncia la nascita dalla propria casa discografica Wondaland Arts Society (oggi denominata Wondaland Records) in partnership con la Epic Records.[21] Rilascia progetto discografico "The Eephus" che vede la partecipazione di Deep Cotton, Jidenna, St. Beauty e Roman GianArthur. Vengono estratti i singoli "Yoga" e "Classic Man".[22] L'EP verrà pubblicato successivamente il 14 Agosto 2015, debuttando alla posizione numero 22 della Billboard 200 e alla posizione numero 5 della top R&B/Hip-Hop Albums con una vendita di 47mila unità.[23]

Sempre nel 2015 partecipa al singolo "Pressure Off" che precede l'album "Paper Gods" dei Duran Duran.

2016-presente: Carriera di attrice e Dirty ComputerModifica

 
link=File:%22Hidden_Figures%22_Film_Celebration_(NHQ201612100023).jpg

Nel corso del 2016 Janelle debutta come attrice in due film Moonlight[24]e Il diritto di contare, per quest'ultimo partecipa inoltre in due canzoni "Isn't This the World" e "Jalapeño"[25]. I due film ricevono numerose nomination e premi tra cui ai Premi Oscar in cui Moonlight vince tre delle otto nomination, tra cui miglior film[26]. Vince inoltre numerosi premi sia come singola attrice che facente parte del cast dei due film, tra questi un Critics' Choice Awards, un Screen Actors Guild Award e un Satellite Award. Le viene conferito inoltre il Virtuosos Award ai Santa Barbara International Film Festival e il Breakthrough Award agli Essence Black Women in Hollywood Awards. Nello stesso anno compone la colonna sonora, Hum Along and Dance (Gotta Get Down), della serie The Get Down per Netflix[27].

Nel 2017 viene confermata la presenza dell'artista nella serie televisiva "Philip K. Dick's Electric Dreams" basato sui testi di Philip K. Dick e recita anche nel film "Benvenuti a Marwen".[28][29]

Il 23 febbraio 2018 vengono pubblicati i singoli Make Me Feel e Django Jane, mentre il 10 aprile successivo il singolo Pynk. I singoli hanno anticipato la pubblicazione del suo terzo album Dirty Computer, uscito il 27 aprile successivo accompagnato da un lungometraggio.[30] Nell'album, oltre alle collaborazioni con Pharrell Williams, Grimes e Brian Wilson, la cantante conferma in un'intervista che Prince la stava seguendo nel progetto musicale, dichiarando:

"Prince stava lavorando all'album con me prima di passare ad un'altra frequenza, e mi ha aiutato a creare dei suoni. E mi manca molto, sai, per me è difficile parlare di lui. Ma mi manca, e il suo spirito non mi lascerà mai."[31]

L'album debutta alla posizione numero 6 della Billboard 200 ed entra nella top ten di Canada, Regno Unito ed Irlanda. Annuncia il "Dirty Computer Tour" negli Stati Uniti e successivamente estende due date nel Regno Unito.[32][33] Riceve inoltre una nomination ai Grammy Awards del 2019 nella categoria Album of the Year mentre "Pynk" riceve una nomination nella categoria Video of the Year. Ai Billboard Women in Music riceve il premio Trailblazer of the Year per i suoi contributi artistici nel panorama discografico.[34] Riceve inoltre tre nomination agli MTV Video Music Awards del 2018, tre cui Best Video with a Message per Pynk.

 
Janelle Monae durante il "Dirty Computer Tour" a Minneapolis, nel 2018

Il 3 gennaio del 2019 il Coachella Valley Music and Arts Festival annuncia che la Monae si esibirà sul palco con Childish Gambino e il Glastonbury Festival conferma la presenza della cantante al festival.[35][36] Pochi giorni dopo l'annuncio della partecipazione al Coachella Festival, viene rilasciato il brano "Screwed", che vede la collaborazione di Zoë Kravitz e la presenza nel videoclip di Tessa Thompson.[37]

Il 3 maggio 2019 esce il film di animazione UglyDolls dove presta voce al personaggio Mandy e partecipa all'album tratto dal film insieme alle altre star coinvolte nei progetto, tra cui Kelly Clarkson, Pitbull, Anitta, Nick Jonas e Blake Shelton.[38] L'album debutta alla prima posizione della US Kid Albums e decima della US Soundtrack Albums.[39] È stata annunciata la partecipazione al cast del film biografico su Harriet Tubman in uscita a novembre 2019[40] e al Live Action del film di animazione Lilli e il vagabondo della Walt Disney, per il quale interpreterà tre canzoni, tra cui la "canzone dei gatti siamesi", riscritta dalla stessa cantante sia per le sue connotazioni razziste percepite ai giorni nostri, sia per adattarsi alle rappresentazioni dei personaggi nel film.[41] Viene annunciato inoltre che sarà la protagonista della seconda stagione della serie televisiva di Amazon Prime Homecoming diretto dal premio oscar Julia Roberts prevista per il 2020.[42]

Vita privataModifica

Nel 2018, con un'intervista rilasciata alla rivista Rolling Stone, ha fatto coming out come pansessuale.[43] Dal 2015 ha una relazione con l'attrice Tessa Thompson.[44]

Stile musicale e Cindi MayweatherModifica

 
Prince è stato uno degli artisti che ha maggiormente influenzato la cantante,con il quale era amica e con cui ha anche collaborato.

Monáe possiede una voce da mezzosoprano.[45] L'artista ha dichiarato di avere un alter-ego di nome Cindi Mayweather che è dell'anno 2719.[46] Nel suo primo EP "Metropolis: Suite I (The Chase)" ha dato al suo alter-ego una storia affermando che era in fuga dopo aver infranto la legge nella sua città natale di Metropolis innamorandosi di un essere umano di nome Anthony Greendown: "L'Archandroid, Cindi, è il mediatore, tra la mente e la mano. Lei è la mediatrice tra chi ha e chi non ha, l'oppresso e l'oppressore. È come l'Arcangelo nella Bibbia e ciò che Neo rappresenta in Matrix".[47] Nel suo secondo album, Cindi Mayweather è tornata sulla Terra per liberare i metropolitani dal Gran Divide, un'oligarchia oppressiva che usava il viaggio nel tempo per "sopprimere la libertà e l'amore".[48]

Il The Daily Telegraph ha pubblicato un'intervista di Monáe, parlando del suo primo album, in cui la giornalista Bernadette McNulty ha detto: "Comincio a preoccuparmi per un momento che Monáe non sia solo una nerd fantascientifica senza umorismo, ma anche un androide, creato in laboratorio come un incrocio super-musicale tra James Brown, Judy Garland, André 3000, inventato per testare la disperata incredulità dei giornalisti musicali". Ha anche paragonato Monáe ad artisti come Annie Lennox, Lauryn Hill e Corinne Bailey Rae.[49] The Guardian ha notato alcune delle sue influenze: Michael Jackson, Janet Jackson, Prince, OutKast, Erykah Badu, Grace Jones, Stevie Wonder, David Bowie, Jimi Hendrix, Bernard Herrmann, Funkadelic e String Band.Matthew Valnes paragona il suo stile di danza nel video musicale per "Tightrope" a quello di James Brown.[50]

Le radici di Monáe a Kansas City, dove è nata e cresciuta, sono evidenti nei testi secondo Pitchfork e i suoi stili musicali sono stati descritti come "un viaggio orchestrale impetuoso animato da voci da blockbuster, immagini misteriose e note pop e jazz degli anni Sessanta".[51][52] Matthew Valnes descrive Monáe come un'innovazione del Neo-Afrofuturismo contemporaneo, dove il suo ruolo androide è usato come strumento per criticare la rappresentazione delle musiciste nere nel genere funk. La musica funk degli anni '60 e '80 è uno stile musicale prevalente che influenza prevalentemente la cantante. Sul sito web della Wondaland Arts Society Collective di proprietà della Monáe, affermano: "Crediamo che ci siano solo tre forme di musica: buona musica, cattiva musica e funk".[53]

La cantante cita David Bowie, Stevie Wonder e Prince come confidenti e ispiratori per la sua artisticità. In un'intervista a The Guardian avvenuta dopo la morte di Prince, Janelle Monàe racconta:

"Prince era una delle persone con cui parlavo di faccende personali, lui e Stevie Wonder... Non sarei così a mio agio con chi sono se non fosse stato per Prince. Voglio dire, la mia etichetta Wondaland non esisterebbe senza Paisley Park Records davanti a noi" e continua citando anche David Bowie "Sento il loro spirito, sento la loro energia. Sono stati in grado di evolversi. Ho sentito che la libertà è in loro". Prosegue affermando "Dedico molta della mia musica a Prince, per tutto quello che ha fatto per la musica e per i neri, donne e uomini, per coloro che hanno qualcosa da dire e allo stesso tempo non permetteranno alla società di togliere loro la sporcizia che gli getta addosso per come sono." Entrando nel personale afferma che "Tenersi in piedi per coloro che sono spesso lasciati indietro e non hanno voce - fare questo era una cosa al cinema, ma farlo in musica è diverso perché sei tu... Sono terrorizzata in questo momento. Non so come reagirà la mia famiglia, non so cosa dirà la gente del mio Dirty Computer".[54]

DiscografiaModifica

Album in studioModifica

Altri albumModifica

EPModifica

SingoliModifica

  • 2005 – Peachtree Blues
  • 2006 – Lettin' Go
  • 2007 – Violet Stars Happy Hunting!
  • 2008 – Sincerely, Jane
  • 2008 – Many Moons
  • 2009 – Come Alive (The War of the Roses)
  • 2010 – Tightrope
  • 2010 – Cold War
  • 2011 – We Are Young (Fun. feat. Janelle Monáe)
  • 2013 – Q.U.E.E.N. (feat. Erykah Badu)
  • 2013 – Dance Apocalyptic
  • 2015 - Yoga (feat. Jidenna)
  • 2018 – Make Me Feel
  • 2018 – Django Jane
  • 2018 – Pynk

TourModifica

 
Janelle Monáe durante il Dirty Computer World Tour (2019)
  • Metropolis Tour (2008)
  • The ArchAndroid Tour (2010)
  • Hooligans in Wondaland (con Bruno Mars) (2011)
  • Campus Consciousness Tour (con Fun.) (2011)
  • Summer Soul Festival (con Amy Winehouse e Mayer Hawthorne) (2011)
  • The Electric Lady Tour (2013)
  • The Golden Electric Tour (con Kimbra) (2014)
  • Dirty Computer Tour (2018)

Come artista di supportoModifica

  • No Doubt Summer Tour (2009)
  • Out My Mind, Just in Time World Tour (2010)
  • California Dreams Tour (2011)
  • I'm with You World Tour (2012)

FilmografiaModifica

 
Il cast di Il Diritto di Contare insieme al produttore Pharrell Williams in visita al Kennedy Space Center.

AttriceModifica

DoppiatriceModifica

ModellaModifica

  • volto per Sonos HiFi (2012)
  • volto per Cover Girl, cosmesi (dal 2013)
  • volto per Google Play (2014)
  • volto per Pepsi-Cola (2014, 2016)
  • volto per la campagna "There's Only One" per Tiffany & Co. (2017)

Riconoscimenti e nominationModifica

CantanteModifica

Anno Premiazione Nomina Categoria Esito
2009 Grammy Awards "Many Moons" Miglior interpretazione Urban/Alternative Candidato/a
2010 ASCAP Awards Janelle Monáe Premio Vanguard Vincitore/trice
Mobo Awards Best International Act[55] Candidato/a
MTV Video Music Awards "Tightrope " Miglior coreografia Candidato/a
Soul Train Music Awards Janelle Monáe Centric Award Vincitore/trice
"Tightrope " Best Dance Performance Candidato/a
2011 Grammy Awards The ArchAndroid Best Contemporary R&B Album Candidato/a
"Tightrope" Best Urban/Alternative Performance Candidato/a
NME Awards[56] Best Track Vincitore/trice
Essence Awards Janelle Monáe Black Women in Music Award Vincitore/trice
International Dance Music Awards Best Breakthrough Artist[57] Candidato/a
2012 MTV Europe Music Awards "We Are Young" Best Song Candidato/a
MTV Video Music Awards Best Pop Video Candidato/a
Teen Choice Awards Choice Rock Song Candidato/a
Choice Single by a Group Vincitore/trice
2013 Billboard Music Awards[58] Top Streaming Song (Audio) Candidato/a
Top Streaming Song (Video) Candidato/a
Top Digital Song Candidato/a
Top Rock Song Candidato/a
People's Choice Awards Favorite Song of the Year Candidato/a
MTV Video Music Awards "Q.U.E.E.N." Best Art Direction Vincitore/trice
Grammy Awards Some Nights (come artista collaborativo) Album of the Year Candidato/a
"We Are Young" Grammy Award for Record of the Year Candidato/a
Best Pop Duo/Group Performance Candidato/a
Soul Train Music Awards Janelle Monáe Best R&B/Soul Artist Candidato/a
"Q.U.E.E.N." The Ashford and Simpson Songwriter's Award Candidato/a
Best Dance Performance Candidato/a
Video of the Year[59] Vincitore/trice
Best Collaboration (con Erykah Badu) Candidato/a
2014 NAACP Image Awards Janelle Monáe Outstanding Female Artist Candidato/a
"Q.U.E.E.N." Outstanding Music Video Vincitore/trice
Outstanding Song Candidato/a
The Electric Lady Outstanding Album Candidato/a
Soul Train Music Awards Janelle Monáe Best R&B/Soul Female Artist Candidato/a
The Electric Lady Album of the Year Candidato/a
"Electric Lady " feat Solange Knowles Best Dance Performance Candidato/a
"PrimeTime " Best Collaboration (con Miguel) Candidato/a
Hollywood Film Awards[60] "What is Love" (da "Rio 2") Hollywood Song Award Vincitore/trice
Satellite Awards[61] Best Original Song Candidato/a
BET Awards Janelle Monáe Best Female R&B/Pop Artist Candidato/a
Brit Awards International Female Solo Artist Candidato/a
2015 Soul Train Music Awards Best R&B/Soul Female Artist Candidato/a
"Yoga" Best Dance Performance Candidato/a
Billboard's Women in Music Janelle Monáe Rising Star Award[62] Vincitore/trice
BET Awards Best Female R&B/Pop Artist Candidato/a
2017 iHeartRadio Much Music Video Awards "Venus Fly" (ft. Grimes) Best EDM/Dance Video Vincitore/trice
Best Director Candidato/a
Best Pop Video Candidato/a
Fan Fave Video Candidato/a
2018 BET Awards "Django Jane" Bet Her Award Candidato/a
Billboard Women in Music Janelle Monáe Trailblazer of the Year[63] Vincitore/trice
MTV Video Music Awards "Pynk" Best Video with a Message Candidato/a
"Make Me Feel" Best Art Direction Candidato/a
Best Editing Candidato/a
2019 ASCAP Rhythm & Soul Music Awards "I Like That" Top R&B/Hip-hop Songs Vincitore/trice
BET Awards "PYNK" Bet Her Award Candidato/a
Brit Awards Janelle Monáe International Female Solo Artist Candidato/a
Edison Jazz-World Awards Dirty Computer Soul, Funk, R&B Award Vincitore/trice
GLAAD Media Award Janelle Monáe Outstanding Music Artist Vincitore/trice
Grammy Awards Dirty Computer Album of the Year Candidato/a
"Pynk" Best Music Video Candidato/a
NAACP Image Awards Janelle Monáe Outstanding Female Artist Candidato/a
"Dirty Computer" Outstanding Album Candidato/a

AttriceModifica

anno Premiazione Nomina Categoria Esito
2016 Awards Circuit Community Awards[64] Janelle Monáe Best Actress in a Supporting Role (Hidden Figures)[65] Candidato/a
Hidden Figures Best Cast Ensemble Candidato/a
Moonlight Vincitore/trice
Critics' Choice Awards Janelle Monáe Best Supporting Actress (Hidden Figures)[65] Candidato/a
Hidden Figures Best Acting Ensemble Candidato/a
Moonlight Vincitore/trice
Hollywood Film Awards Janelle Monáe (per Hidden Figures) Hollywood Spotlight Award[66] Vincitore/trice
Chicago Film Critics Awards Best Supporting Actress[67] Candidato/a
Most Promising Performer[67] Candidato/a
Janelle Monáe (perMoonlight) Candidato/a
Santa Barbara International Film Festival Janelle Monáe Virtuosos Award (per Moonlight e Hidden Figures)[68] Vincitore/trice
Boston Society of Film Critics Hidden Figures Best Cast Vincitore/trice
Gotham Awards Moonlight Special Jury Award – Ensemble Performance Vincitore/trice
New York Film Critics Online Best Ensemble Cast Vincitore/trice
New York Film Critics Online Best Ensemble Candidato/a
2017 Gold Derby Awards[69] Janelle Monáe Best Supporting Actress (per Hidden Figures) Candidato/a
Best Breakthrough Performer Vincitore/trice
"Hidden Figures" Best Ensemble Cast Candidato/a
"Moonlight" Vincitore/trice
Teen Choice Awards Janelle Monáe (in Hidden Figures) Choice Breakout Movie Star Candidato/a
African-American Film Critics Association Awards Hidden Figures Best Ensemble[70] Vincitore/trice
Janelle Monáe Breakout Performance (in Hidden Figures e Moonlight)[70] Vincitore/trice
BET Awards Janelle Monáe Best Actress Candidato/a
Essence Black Women in Hollywood Awards Breakthrough Award[71] Vincitore/trice
Black Reel Awards[72] Janelle Monáe (per Hidden Figures) Outstanding Breakthrough Performance, Female Vincitore/trice
Outstanding Supporting Actress Candidato/a
Janelle Monáe(per Moonlight) Candidato/a
Hidden Figures Outstanding Ensemble Candidato/a
Moonlight Vincitore/trice
Satellite Awards Hidden Figures Best Cast – Motion Picture[73] Vincitore/trice
Screen Actors Guild Awards Outstanding Performance by a Cast in a Motion Picture Vincitore/trice
Moonlight Candidato/a
Seattle Film Critics Society Best Ensemble Cast Vincitore/trice
Palm Springs International Film Festival Ensemble Performance Award[74] Vincitore/trice
National Board of Review Hidden Figures Best Cast[75] Vincitore/trice
2019 Black Reel Awards Janelle Monáe Outstanding Actress, TV Movie or Limited Serie Tv ("Philip K. Dick's Electric Dreams") Candidato/a
Hugo Awards Dirty Computer (as writer) Best Dramatic Presentation (Short Form) In attesa

Doppiatrici italianeModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Janelle Monáe, è stata doppiata da:

NoteModifica

  1. ^ (EN) Brittany Spanos, Brittany Spanos, Janelle Monáe Frees Herself, su Rolling Stone, 26 aprile 2018. URL consultato il 5 agosto 2019.
  2. ^ (EN) Archive-Chris-Harris, Jonas Brothers Top Miley Cyrus For First #1 Album Of Their Career; Score Three Spots In Top 10, su MTV News. URL consultato il 5 agosto 2019.
  3. ^ (EN) Complete List of Nominees for the 51st Annual Grammy Awards, su E! News, Wed Dec 03 19:08:00 PST 2008. URL consultato il 5 agosto 2019.
  4. ^ (EN) Janelle Monae on new album, The Arch Android, YouTube, 11 novembre 2009. URL consultato il 16 maggio 2010.
  5. ^ (EN) Janelle Monae - Monae To Receive Ascap Award, contactmusic.com. URL consultato il 7 agosto 2010.
  6. ^ (EN) Pop Goes the Art House, newsweek.com. URL consultato il 7 agosto 2010.
  7. ^ (EN) Janelle Monae bringing diverse pop platter to the Tower, philly.com. URL consultato il 7 agosto 2010.
  8. ^ È nata un’androide, ilpost.it. URL consultato il 7 agosto 2010.
  9. ^ Janelle Monae on new album, The ArchAndroid. URL consultato il 5 agosto 2019.
  10. ^ Janelle Monae, Bruno Mars & B.O.B. Grammy Awards 2011 Set, su archive.is, 13 settembre 2012. URL consultato il 5 agosto 2019.
  11. ^ We Are Young su italiancharts.com, su italiancharts.com. URL consultato il 9 marzo 2012.
  12. ^ (EN) We Are Young su billboard.com, su billboard.com. URL consultato il 9 marzo 2012.
  13. ^ Grammy Awards 2013: Major Nominees List, su Billboard. URL consultato il 5 agosto 2019.
  14. ^ All Of Me by Estelle: Amazon.co.uk: Music, su www.amazon.co.uk. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  15. ^ Janelle Monae: Visionary Express, su www.bluesandsoul.com. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  16. ^ Prince: telegramma per Janelle Monáe - Vogue.it
  17. ^ Exclusive Interview, Janelle Monae Says "Q.U.E.E.N." Is for the "Ostracized & Marginalized", su Fuse. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  18. ^ HitFix, su uproxx.com. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  19. ^ Janelle Monae honored at Harvard College, su V100.7. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2016).
  20. ^ (EN) Janelle Monáe Cindi, Headed to #Harvard to meet the beautiful ladies in the Women's Center. Can't believe I'm the honoree today. Just So thankful., su @JanelleMonae, 14 aprile 2014. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  21. ^ JANELLE MONÁE’S WONDALAND RECORDS AND EPIC RECORDS LAUNCH LANDMARK JOINT VENTURE PARTNERSHIP! | The Official Epic Records Site, su web.archive.org, 21 aprile 2015. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2015).
  22. ^ (EN) Janelle Monáe Shares "Yoga" Featuring Jidenna, su Pitchfork. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  23. ^ Chart III. 1 Various cases of return migration, su doi.org. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  24. ^ Janelle Monáe Lands First Big Screen Role, in Vibe, 23 ottobre 2015. URL consultato il 10 agosto 2017.
  25. ^ (EN) Dave Itzkoff, Pharrell Williams, Making Noise for ‘Hidden Figures’ Everywhere, in The New York Times, 3 gennaio 2017. URL consultato il 10 agosto 2017.
  26. ^ (EN) The 89th Academy Awards | 2017, in Oscars.org | Academy of Motion Picture Arts and Sciences. URL consultato il 10 agosto 2017.
  27. ^ (EN) Janelle Monáe Channels The ’70s With New Song ‘Hum Along And Dance’, in MTV News. URL consultato il 10 agosto 2017.
  28. ^ (EN) Janelle Monae Lands Role In Robert Zemeckis Film, su Vibe, 21 maggio 2017. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  29. ^ News, Android Queen Janelle Monáe Lands the Perfect Sci-Fi Role, su Fuse. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  30. ^ (EN) Janelle Monae releases sci-fi film companion to new album Dirty Computer, su The Independent, 27 aprile 2018. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  31. ^ (EN) Legendary: Prince helped Janelle Monaé with her new album, su MSN. URL consultato il 5 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2018).
  32. ^ Post Malone's 'Beerbongs & Bentleys' Breaks Streaming Record, Debuts at No. 1 on Billboard 200 Albums Chart, su Billboard. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  33. ^ (EN) Janelle Monáe announces Dirty Computer tour dates, plus video for “I Like That”: Watch, su Consequence of Sound, 23 aprile 2018. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  34. ^ Janelle Monáe and Cyndi Lauper to Be Honored at Billboard's Women in Music Event, su Billboard. URL consultato il 5 febbraio 2019.
  35. ^ (EN) Coachella 2019 – Line Up, Dates, Headliner And More… Ariana Grande, Childish Gambino Confirmed, su Capital. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  36. ^ (EN) The third Glastonbury headliner has just been revealed, su Evening Standard, 7 gennaio 2019. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  37. ^ (EN) Brian Gallagher For Dailymail com 07:19 08 Jan 2019, updated 16:08 08 Jan 2019, Janelle Monae's music video features Zoe Kravitz and Tessa Thompson, su Mail Online, 8 gennaio 2019. URL consultato il 6 febbraio 2019.
  38. ^ (EN) Patrick Hipes, Patrick Hipes, Kelly Clarkson To Lead Voice Cast Of STX’s ‘Uglydolls’ Movie, su Deadline, 10 luglio 2018. URL consultato il 3 luglio 2019.
  39. ^ Soundtrack Chart History, su Billboard. URL consultato il 3 luglio 2019.
  40. ^ (EN) Janelle Monae Joins Cynthia Erivo in Harriet Tubman Biopic, su The Hollywood Reporter. URL consultato il 3 luglio 2019.
  41. ^ (EN) Matt Donnelly,Chris Willman, Matt Donnelly, Chris Willman, ‘Lady and the Tramp’ Will Reinvent Problematic Siamese Cat Song, Feature New Music From Janelle Monae (EXCLUSIVE), su Variety, 6 maggio 2019. URL consultato il 3 luglio 2019.
  42. ^ (EN) Claire Shaffer, Claire Shaffer, Janelle Monae Will Star in Amazon’s ‘Homecoming’ Season Two, su Rolling Stone, 23 luglio 2019. URL consultato il 23 luglio 2019.
  43. ^ Janelle Monáe fa coming out: "Sono pansessuale", in Radio105.net, 30 aprile 2018. URL consultato il 9 luglio 2018.
  44. ^ Tessa Thompson fa coming out: "Sono bisessuale". E parla della sua storia con la cantante Janelle Monáe, in Il Fatto Quotidiano, 30 giugno 2018. URL consultato il 9 luglio 2018.
  45. ^ Janelle Monae’s ‘The Electric Lady’ Strives to Match Her Sci-Fi Ambitions and Pop Smarts, su Spin, 9 settembre 2013. URL consultato il 6 agosto 2019.
  46. ^ (EN) Janelle Monae's Funky Otherworldly Sounds, su NPR.org. URL consultato il 6 agosto 2019.
  47. ^ (EN) Gillian 'Gus' Andrews, Janelle Monae turns rhythm and blues into science fiction, su io9. URL consultato il 6 agosto 2019.
  48. ^ Janelle Monae and Cindi: second studio album [collegamento interrotto], su 0-eds.a.ebscohost.com.ignacio.usfca.edu.
  49. ^ (EN) Bernadette McNulty, Janelle Monáe interview: the android has landed, 25 giugno 2010. URL consultato il 6 agosto 2019.
  50. ^ (EN) Dorian Lynskey, Janelle Monáe: sister from another planet, in The Guardian, 26 agosto 2010. URL consultato il 6 agosto 2019.
  51. ^ Janelle Monae: Funky Sensation, su www.bluesandsoul.com. URL consultato il 6 agosto 2019.
  52. ^ Cover Story: Janelle Monáe, su Pitchfork. URL consultato il 6 agosto 2019.
  53. ^ Janelle Monae - Funk [collegamento interrotto], su 0-eds.a.ebscohost.com.ignacio.usfca.edu.
  54. ^ (EN) Rebecca Bengal, 'You don't own or control me': Janelle Monáe on her music, politics and undefinable sexuality, in The Guardian, 22 febbraio 2018. URL consultato il 6 agosto 2019.
  55. ^ JANELLE'S UP FOR A MOBO AWARD!!!, Jmonae.com. URL consultato il 19 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2014).
  56. ^ Shockwaves NME Awards 2011 Nominations, Stereogum. URL consultato il 26 gennaio 2011.
  57. ^ 2011 International Dance Music Awards, su dancemusic.about.com. URL consultato il 19 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2013).
  58. ^ Taylor Swift, fun., Maroon 5 Lead 2013 Billboard Music Awards Finalists, su billboard.com.
  59. ^ Janelle Monae, T.I. snag Soul Train Awards | The Music Scene, www.accessatlanta.com. URL consultato l'11 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2014).
  60. ^ Hollywood Film Awards 2014 winners, 14 novembre 2014.
  61. ^ Satellite Awards (2014), in International Press Academy, International Press Academy, 2 dicembre 2014.
  62. ^ Janelle Monáe Named Billboard's Rising Star, su Billboard. URL consultato il 24 ottobre 2013.
  63. ^ Rania Aniftos, Janelle Monáe and Cyndi Lauper to Be Honored at Billboard's Women in Music Event, su Billboard. URL consultato il 22 novembre 2018.
  64. ^ Awards Circuit Community Awards 2016 Winners, in awardscircuit.com. URL consultato il 9 gennaio 2019.
  65. ^ a b ‘La La Land,’ ‘Arrival,’ ‘Moonlight’ Lead Critics’ Choice Movie Nominations, su variety.com. URL consultato il 1º dicembre 2016.
  66. ^ Natalie Portman, Janelle Monae, ‘Gold’ Cast to be Honored at Hollywood Film Awards, su variety.com. URL consultato il 26 ottobre 2016.
  67. ^ a b The 2016 Chicago Film Critics Association Award Nominees, Chicago Film Critics Association, 11 dicembre 2016. URL consultato il 12 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).
  68. ^ Santa Barbara International Film Festival 2017 Virtuosos Award, Santa Barbara International Film Festival. URL consultato il 29 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2016).
  69. ^ Daniel Montgomery, 2017 Gold Derby TV Awards nominations: ‘This is Us,’ ‘Veep,’ ‘The Leftovers,’ ‘Stranger Things’ among top contenders, Gold Derby Awards, 26 luglio 2017. URL consultato il 28 luglio 2017.
  70. ^ a b Kimberly Nordyke, 'Moonlight' Named Best Picture by the African American Film Critics Association, The Hollywood Reporter, 12 dicembre 2016. URL consultato il 12 dicembre 2016.
  71. ^ Madeline Raynor, Janelle Monáe, Issa Rae to be honored at ESSENCE's Black Women in Hollywood Awards, su Entertainment Weekly. URL consultato il 26 gennaio 2017.
  72. ^ Clayton Davis, Black Reel Award Nominees – 'Moonlight' Leads with 13 Nominations, AwardsCircuit.com, 14 dicembre 2016. URL consultato il 15 dicembre 2016.
  73. ^ Satellite Award Nominees Revealed, su hollywoodreporter.com. URL consultato il 29 novembre 2016.
  74. ^ Palm Springs International Film Festival Film Awards Gala 2017, Palm Springs International Film Festival. URL consultato il 29 novembre 2016.
  75. ^ National Board of Review Announces 2016 Award Winners, in National Board of Review, 29 novembre 2016. URL consultato il 29 novembre 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN31757465 · ISNI (EN0000 0001 2023 3360 · LCCN (ENno2006100538 · GND (DE142127256 · BNF (FRcb16639576f (data) · WorldCat Identities (ENno2006-100538