Apri il menu principale

Jean Emile Humbert

militare e archeologo olandese
Jean Emile Humbert

Jean Emile Humbert (L'Aia, 28 luglio 1771Livorno, 20 febbraio 1839) è stato un militare e archeologo olandese.

BiografiaModifica

Era figlio di Jean Humbert, pittore olandese di ascendenza svizzero-francese, ed era fratello del pittore e scrittore David Pièrre Giottino Humbert de Superville. A Jean Emile Humbert va il merito di aver riscoperto le rovine di Cartagine, città distrutta dai Romani e poi dimenticata.

Alla vigilia della sua seconda spedizione in Tunisia si fermò a Livorno, in attesa del clima più fresco dell'autunno ma vi si trattenne più a lungo, interessandosi all'acquisto di numerose antichità etrusche ed egiziane.

Ebbe un ruolo fondamentale nell'acquisto delle collezioni Corazzi, Cimba e d'Anastasy. Parte dei reperti archeologici del Rijksmuseum van Oudheden di Leida sono stati da lui acquisiti, nelle vesti di agente del governo olandese. Fu accolto come membro nella Koninklijke Nederlandse Akademie van Wetenschappen (Reale Accademia olandese delle scienze).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN39430568 · ISNI (EN0000 0001 1759 0033 · LCCN (ENn84179515 · GND (DE120647745 · BNF (FRcb12233991r (data) · CERL cnp01333675 · WorldCat Identities (ENn84-179515