Apri il menu principale

Jean Meyer (attore)

BiografiaModifica

Jean Meyer nacque l'11 giugno 1914 in una famiglia di fornai, nei sobborghi di Parigi, studiò al Conservatoire national supérieur d'art dramatique sotto la guida di Jouvet,[1] fu membro della Comédie-Française dal 1937 al 1959 e,[2][3] dopo essersi distinto come attore per la sua fantasia e dinamismo (Figaro, Scapino, ecc.),[1] si dedicò con successo alla regia[4] delle opere di Molière (Il borghese gentiluomo, 1951, da lui trasposto anche nel cinema nel 1958), oltre a quelle di Beaumarchais, e alle opere comiche di Labiche (Les trente millions de Gladiator, ecc.) e di Feydeau (Le dindon).[5][2]

Meyer durante la sua carriera incontò e lavorò con i principali autori francesi (André Gide, Jean Cocteau, François Mauriac, Jules Romains, ecc), e con i più grandi attori e attrici del XX secolo.[1]

Distaccatosi dalla Comédie, si dedicò al teatro boulevardier, anche come autore,[5] assumendo nel 1960 la direzione artistica del Théâtre du Palais-Royal e dal 1964 al 1971 la direzione del Theatre Michel.[2]

Nel cinema interpretò parti da caratterista e ha soprattutto organizzato e diretto documentazioni cinematografiche di spettacoli classici rappresentati alla Comédie.[1]

OpereModifica

DrammaturgoModifica

  • Mic Mac (commedia, 1962);
  • L'Âge idiot (commedia, 1963);
  • Le Vice dans la peau (commedia, 1965);
  • La courte paille (commedia, 1967);
  • Le Jour le plus court (commedia tratta da Euripide, 1972);
  • L'Héritage (commedia tratta da Maupassant, 1982);
  • Le Bourgeois Gentilhomme (commedia tratta da Molière, 1996).

PubblicazioniModifica

  • Molière, (saggio, 1963), Éditions Perrin;
  • Gilles Shakespeare ou les Aventures de Jean Perrin, (saggio, 1964), Éditions Perrin;
  • Molière, (saggio, 1968-1972), Maurice Gonon/Les Heures Claires;
  • Place au théâtre, (saggio, 1991), Éditions de Fallois.

TeatroModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d le muse, VII, Novara, De Agostini, 1966, p. 439.
  2. ^ a b c TEATRO: E' MORTO MEYER, GRANDE ATTORE DELLA COMMEDIA FRANCESE, su www1.adnkronos.com. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  3. ^ (EN) L'Ottocento: Volume primo, su books.google.it. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  4. ^ Emmanuelle Riva (Paulette Germaine Riva), su cinematografo.it. URL consultato l'8 febbraio 2019.
  5. ^ a b Meyer, Jean, su sapere.it. URL consultato l'8 febbraio 2019.

BibliografiaModifica

  • (FR) Christophe Barbier, Dictionnaire amoureux du théâtre, Plon, 2015.
  • (FR) André G. Bourassa e Frédéric Kantorowski, Bibliographie générale d'études théâtrales, Montréal, Université du Québec, 2006.
  • (FR) Michel Corvin, Dictionnaire encyclopédique du théâtre, Parigi, Bordas, 1995.
  • (FR) André Degaine, Histoire du théâtre dessinée, De la préhistoire à nos jours tous les temps et tous les pays, Parigi, Nizet, 1992.
  • (EN) Edward Forman, Historical Dictionary of French Theatre, Lanham, Scarecrow Press, 2010.
  • (FR) Pascale Goetchel e Jean-Claude Yon, La sortie au théâtre, Parigi, Publications de la Sorbonne, 2014.
  • (FR) Jacqueline de Jomaron, Le théâtre en France, Parigi, Armand Colin, 1992.
  • (FR) Dany Porché, Ego-dictionnaire des mots du théâtre, Pietraserena, Dumane, 2017.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN7414172 · ISNI (EN0000 0001 0866 6745 · LCCN (ENn91032496 · GND (DE1020466006 · BNF (FRcb120751200 (data) · WorldCat Identities (ENn91-032496