Apri il menu principale
Jeanne de Laval

Jeanne de Laval (Auray, 10 novembre 1433Maine e Loira, 19 dicembre 1468) fu la seconda moglie e Regina consorte di Renato d'Angiò, Re di Napoli, Sicilia, pretendente al trono di Gerusalemme, d'Aragona, Maiorca, Duca d'Angiò, di Bar e Lorena, Conte di Provenza e Piemonte. Per matrimonio Jeanne fu la matrigna di Margherita d'Angiò, moglie di Enrico VI d'Inghilterra.

BiografiaModifica

Jeanne nacque in Bretagna, ad Array, il 10 novembre 1433 da Guy XIV de Laval e Isabella di Bretagna (1411-1444circa); per parte di madre era nipote di Giovanni VI di Bretagna e di Giovanna di Valois, una delle figlie di Carlo VI di Francia. Suo padre Guy combatté invece al fianco di Giovanna d'Arco; quando morì, gli successe il figlio François, che prese il nome di Guy XV de Laval. Jeanne aveva diversi fratelli e sorelle nati dal primo e dal secondo matrimonio del padre con Françoise de Dinan, ma molti di essi morirono durante l'infanzia.

Il 3 settembre 1454 suo padre redasse un contratto matrimoniale per legare la figlia a Renato d'Angiò, di oltre vent'anni più anziano di lei. Il matrimonio venne celebrato il 10 settembre ad Angers. Jeanne era la seconda moglie di Renato; la prima moglie, Isabella di Lorena, era morta nel febbraio precedente. Jeanne si ritrovò ad essere la matrigna di figliastri talvolta persino più anziani di lei, come Giovanni II di Lorena, Margherita d'Angiò e Iolanda d'Angiò. Il matrimonio fra Jeanne e Renato invece rimase senza figli.

I due vissero per alcuni anni fra Angers e Saumur, per poi trasferirsi, fra il 1457 e il 1462, in Provenza e poi ancora nell'Angiò fra il 1462 e il 1469.

Renato compose un poema intitolato Regnauld et Jeanneton, un dibattito sull'amore fra un pastore e una pastora arbitrato da un pellegrino.

Durante la loro permanenza in Provenza Renato donò alla moglie la baronia di Les Baux-de-Provence; Jeanne tornò a vivere nella regione dal 1469 al 1480.

Renato morì il 10 luglio 1480 lasciando a Jeanne una discreta eredità in termini di proprietà nell'Angiò, Provenza e Barrois; le rimase anche il contado di Montmorency-Beaufort e la Signoria di Mirebeau. Dopo essere rimasta vedova visse a Beaufort fino alla morte, avvenuta il 19 dicembre 1498 allo Chateau de Beaufort-en-Vallée nella regione del Maine e Loira. Venne sepolta senza pompa nella Cattedrale di Angers.

Jeanne de Laval nell'arteModifica

Jeanne e suo marito compaiono dipinti nel trittico del Roveto ardente nella Cattedrale del San Salvatore ad opera del pittore Nicolas Froment e in un dipinto conservato presso l'Hôtel de Cluny. Nel Musée des monnaies, médailles et antiques, presso la Bibliothèque nationale de France vi sono due medaglie raffiguranti Jeanne e Renato datate al 1462. A Jeanne sono stati dedicati due monumenti, uno a Beaufort del 1842 e l'altro a Rosiers-d'Égletons del 1875.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN3324835 · ISNI (EN0000 0000 4780 1965 · LCCN (ENn98103813 · GND (DE121328430 · BNF (FRcb13333535g (data) · CERL cnp00564364 · WorldCat Identities (ENn98-103813
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie