Apri il menu principale

Jednotný katolícky spevník (abbreviato JKS, "Canzonale cattolico unico") è l'unica raccolta di canti liturgici per il rito romano della Chiesa cattolica in Slovacchia.

Pubblicato per la prima volta nel 1937 è in uso fino ad oggi, cosa che non ha eguali nell'Europa centrale.[1] Concepito fra il 1921 e il 1936 per iniziativa di mons. Ján Pöstényi, amministratore della Società di Sant'Adalberto, fu compilato dal compositore e maestro del coro Mikuláš Schneider-Trnavský, che compose ben 226 canti degli oltre 500 raccolti nel libro.

Indice

I canzonali precedentiModifica

Nel 1655 era stato stampato a Levoča il libro Cantus catholici, che contiene 290 canti, di cui 227 sono in slovacco occidentale.[2][3] Altro libro liturgico che rivela dati interessanti sulla liturgia e sulla pastorale, anche perché destinato alle chiese di borghi e villaggi, è il Cantionale Rituale; fu stampato nel 1681: oltre a canti in latino, ne raccoglie altri in slovacco.[4]

Il più recente predecessore dello Jednotný katolícky spevník appare nel 1909 con il titolo Duchovný Spevník Katolícky s rituálom ("Canzonale cattolico spirituale con rituale"), curato da A. Matzenauer. Sebbene la maggior parte dei canti sia in latino, le rubriche sono in slovacco.[5]

RedattoriModifica

I redattori formarono tre distinte commissioni: musicale, liturgica e prosodica.

Commissione musicaleModifica

  • Dr. Dobroslav Orel, professore universitario a Bratislava;
  • Jozef Drugopolský, professore a Banská Bystrica;
  • Mons. Rudolf Formánek, vicerettore del seminario di Nitra;
  • Alojz Pavčo, maestro del coro a Ružomberok;
  • Vojtech Holdoš, insegnante a Ružomberok;
  • Viliam Páldy, insegnante a Šaľa;
  • Ján Fischer, insegnante a Sereď;
  • Štefan Pyšný, insegnante a Vrbové.

Commissione liturgicaModifica

  • Mons. Dr. Vojtech Wick, professore di teologia a Košice;
  • Ján Jalovecký, professore di teologia a Rožňava;
  • Dr. Štefan Dubravec, professore e prefetto del seminario di Trnava;
  • Karol Jenkei, decano di Jakubov.

Commissione prosodicaModifica

  • Pavel Gašparovič-Hlbina, viceparroco a Rosina;
  • Viliam Ries-Ivan Javor, parroco a Teplá;
  • Ladislav Hohoš, insegnante a Trnava.

La revisione linguistica dei testi fu portata a termine da Anton Augustín Baník, membro del dipartimento linguistico della Matica slovenská.[6] I testi senza indicazione furono composti da Mikuláš Schneider-Trnavský.

Il canzonale in cifreModifica

NoteModifica

  1. ^ (SK) Storia della parrocchia di Ivanka
  2. ^ Per la codificazione della lingua slovacca moderna bisognerà aspettare altri due secoli.
  3. ^ Ján Dubina, I riti peculiari del Triduo Pasquale in Slovacchia, Romae, 2012, p. 39 e nota 66, pp. 39-40
  4. ^ Ján Dubina, I riti peculiari del Triduo Pasquale in Slovacchia, Romae, 2012, pp. 46-47
  5. ^ Ján Dubina, I riti peculiari del Triduo Pasquale in Slovacchia, Romae, 2012, p. 49
  6. ^ Jednotný katolícky spevník, 4. vyd., Trnava, Spolok svätého Vojtecha, 1986, p. 1-4

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica