Apri il menu principale

BiografiaModifica

Considerato uno dei più importanti maestri di recitazione di Hollywood[1], Jeff Corey iniziò la carriera di attore negli anni trenta sui palcoscenici di Broadway e in tournée teatrali[1].

Trasferitosi in California nel 1937, con il suo aspetto segaligno, il volto caratterizzato da marcate sopracciglia scure e uno sguardo accigliato, Corey si costruì una solida carriera cinematografica assumendo numerosi ruoli di secondo piano[1]. La profonda passione per l'arte della recitazione lo portò a fondare a Hollywood l'Actors Laboratory, un laboratorio formativo al mestiere di attore[1].

Indagato dalla Commissione per le attività antiamericane (HUAC) e messo al bando dall'industria cinematografica, tra il 1951 e il 1963 Corey non riuscì più a ottenere scritture a Hollywood e non apparve più sugli schermi cinematografici, dedicandosi quindi a tempo pieno all'insegnamento dell'arte drammatica[1]. Tornò a recitare sul grande schermo alla metà degli anni sessanta e apparve in numerosi ruoli di caratterista, tra i quali quello dello sceriffo in Butch Cassidy (1969) e quello di Wild Bill Hickok in Il piccolo grande uomo (1970)[1], continuando nel frattempo l'attività di insegnante di recitazione e di direttore del Jeff Corey Acting Studio[1].

Nel 1938 sposò Hope N. Victorson con cui rimase sposato per 64 anni, fino alla sua morte; dal loro matrimonio nacquero tre figlie: Eve, Jane e Emily.

È morto nel 2002, ad 88 anni, in seguito alle complicazioni di una caduta.[senza fonte]

Filmografia parzialeModifica

Doppiatori italianiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Il chi è del cinema, Vol. I, De Agostini, 1984, pag. 112

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN32207071 · ISNI (EN0000 0000 5936 1442 · LCCN (ENno92022704 · GND (DE17267607X · BNF (FRcb14166496j (data) · WorldCat Identities (ENno92-022704