Apri il menu principale
Jeri Katou
Jeri Katou.png
Jeri Katou
UniversoDigimon
Nome orig.樹莉 加藤 (Juri Katou)
Lingua orig.Giapponese
1ª app. in"Il ritorno dei Digimon" (Digimon Tamers, episodio 1)
Ultima app. inRunaway Digimon Express
Voce orig.Yoko Asada
Voce italianaDaniela Calò
SessoFemmina
EtniaGiapponese
ProfessioneStudentessa di scuola elementare
AffiliazioneDomatori

Jeri Katou (加藤 樹莉 Katou Juri?) è un personaggio immaginario della terza stagione dell'anime dedicato all'universo di Digimon, Digimon Tamers.

Il suo Digimon partner è Leomon.

Inizialmente, nella serie, Jeri appare quasi sempre con un calzino dalle sembianze di un pupazzo simile ad un cane sulla mano. È una ragazza molto allegra e dolce che è sempre presente per incoraggiare i suoi amici, anche se la sua successiva caduta in uno stato di disperazione ha portato alcuni fan a considerarla un personaggio "debole", mentre altri punti di vista la vedono come una figura "tragica", sul modello di Wizardmon nell'universo di Digimon Adventure/Adventure 02. È stato messo in evidenza più volte che Takato ha una cotta per lei e, alla fine della serie, sembra che il sentimento sia ricambiato.[1]

La famiglia di Jeri possiede una piccola taverna a Shibuya, in cui la ragazza a volte lavora facendo la cameriera ed aiutando anche suo padre ad avere a che fare con i clienti ubriachi, come lei stessa dice quando viene rapita da Orochimon a Digiworld. Suo padre è una persona dal cuore buono, ma è molto severo. Quando sua moglie morì, si ritrovò a non sapere come trattare Jeri per farla crescere nel modo corretto; inizialmente viene dipinto come un uomo estremamente freddo, ma questa facciata va in pezzi quando prova a liberare Jeri con le sue sole forze quando quest'ultima viene rapita dal D-Reaper.

Jeri è doppiata da Yoko Asada nell'originale giapponese e da Bridget Hoffman nel doppiaggio inglese, ad esclusione del film Runaway Digimon Express in cui la sua voce è di Philece Sampler. In Italia è doppiata da Daniela Calò.

Digimon TamersModifica

Concezione e creazioneModifica

I primi appunti di pre-produzione elaborati da Chiaki J. Konaka suggerivano un personaggio femminile, che successivamente si sarebbe evoluto in Jeri, che si chiamava Mishio e che si prendeva cura della sua sorellina minore più spesso dei suoi genitori, i quali lavoravano nel quartiere a luci rosse della città.[2]

Successivamente, nella produzione della serie, fu sviluppato il nome di Jeri ed il suo pupazzo, che iniziò ad apparire negli schizzi del disegnatore dei personaggi Katsuyoshi Nakaratsu. Dietro suggerimento del direttore capo Yukio Kaizawa, il pupazzo sarebbe stato usato per divertire il piccolo fratellastro di Jeri, cosa che portò anche alla concezione dell'idea che Jeri avesse una matrigna.

Saga pre-DigiworldModifica

Inizialmente, Jeri non è molto importante nella serie. È inizialmente una compagna di classe di Takato per cui il ragazzo ha una cotta, che non diventerà una Domatrice di Digimon prima del susseguirsi di alcuni eventi. Si potrebbe dire che Jeri rappresenti il prototipo della bambina perfetta, grazie alla sua personalità allegra e vivace. Tuttavia, c'è una scena in cui lei dice di non essere interessata ai Digimon, ma nello stesso momento le cadono dalla tasca numerose carte del gioco di Digimon. Il suo calzino simile ad un pupazzo a forma di cane è spesso presente sulla sua mano e la ragazza lo usa per cominciare una conversazione.

Mentre Kazu e Kenta corrono via quando l'esistenza di Guilmon, il Digimon partner di Takato, viene comprovata, Jeri diventa molto velocemente amica della strana forma di vita digitale, diventando così il primo a farlo non essendo un Domatore.

Jeri non è totalmente estranea al gioco di carte di Digimon e possiede alcune carte molto rare. Quando lei e Rika diventano amiche, la ragazza le dà alcuni preziosi consigli su quali carte usare: è proprio questo il punto di partenza della loro amicizia. Successivamente, Jeri diventa una Domatrice ed il suo Digimon partner è Leomon, anche se il loro rapporto inizia in modo alquanto strano. Jeri infatti non si comporta come una Domatrice, rincorrendo il Digimon all'impazzata, chiamandolo "Principe Leomon", ed apparendo quasi vittima di un colpo di fulmine nei suoi confronti. Alla fine la ragazza diventa ufficialmente la partner di Leomon quando quest'ultimo viene ferito da un attacco di Makuramon. Improvvisamente, un Digivice giallo cade dolcemente tra le mani di Jeri e la ragazza lo usa per guarire Leomon, provando di essere la sua vera Domatrice. Successivamente a questi eventi, lei, Kazu, Kenta e gli altri Domatori si recheranno a Digiworld per cercare il loro amico Calumon, rapito dallo stesso Makuramon.

Saga di Digiworld e post-DigiworldModifica

Jeri dimostra di essere una Domatrice molto capace con del potenziale per diventare la migliore. In un'occasione, utilizza infatti la carta estremamente potente e rara di LadyDevimon, grazie alla quale digimodifica Leomon e riesce a distruggere il malvagio Orochimon che l'aveva rapita. Sfortunatamente, la sua carriera come Domatrice è molto breve, poiché, nello scontro con Beelzemon, quest'ultimo distrugge Leomon ed assorbe i suoi dati, impedendogli di rinascere.

Dopo questo evento, Jeri si estrania da tutti, credendo che il suo destino sia di rimanere sola. Qualche tempo dopo il ritorno dei Domatori nel mondo reale, la sua facciata di allegria viene strappata da alcuni flashback e da una breve spiegazione del suo passato che la ragazza fornisce a Takato, svelando il suo passato molto poco felice. La sua madre biologica, infatti, era morta qualche tempo prima e, quando Jeri aveva incontrato la sua matrigna, non le aveva dato nessuna possibilità di rapportarsi a lei, perché ancora profondamente traumatizzata dalla morte della sua vera madre. Dopo questi eventi, Jeri aveva iniziato a pensare di essere una persona cattiva, perché nel suo inconscio sapeva che la sua matrigna era una brava donna, ma lei non si sentiva in grado di accettarla e di relazionarsi con lei. La ragazza, inoltre, non poteva fare a meno di pensare continuamente alle parole che suo padre aveva detto dopo la morte di sua madre, e che Leomon aveva ripetuto prima di morire: che tutto sia legato al destino, senza possibilità di modificare gli eventi.

Jeri non mostra alcun segnale di attenzione riguardo a quello che accade intorno a lei, continuando semplicemente a guardare nel suo Digivice D-Arc, ora inattivo. L'unica reazione degna di nota si verifica quando Takato e Guilmon, fusi in Gallantmon, sono sul punto di uccidere Beelzemon dopo averlo sconfitto; la ragazza grida ai due di risparmiarlo e, quando Beelzemon gliene chiede i motivi, Jeri tra le lacrime dice che non vuole che un altro essere muoia per colpa sua, anche perché Leomon non tornerà indietro. Quando la ragazza scompare per un momento, torna poco dopo con i suoi occhi che sembrano completamente diversi, come se fosse posseduta da qualcosa, e con un sorriso malvagio dipinto sul volto anche dopo il ritorno dei ragazzi a Tokyo.

Successivamente si scopre che la Jeri tornata a Tokyo non è altri che l'Agente 01 del D-Reaper, come viene mostrato dalle sue "ali", che aveva assunto la forma di Jeri per imparare tutto ciò che poteva sui Domatori. La vera Jeri era stata portata via e tenuta prigioniera nella Sfera Kernel all'interno del D-Reaper. L'Agente 01 dice che Jeri era l'essere perfetto per il D-Reaper, il quale aveva usato la sua tristezza per rafforzarsi. Durante questo lasso di tempo, Calumon in qualche modo sente la sua presenza e fa un tentativo di liberarla insieme ad Impmon, il quale, dopo essere piombato nei sensi di colpa per ciò che aveva fatto a Jeri, diventa determinato nel salvarla. Impmon digievolve in Beelzemon Blast Mode per sconfiggere un gran numero di Agenti Bubble e riesce ad aprire un varco abbastanza grande nella Sfera Kernel per permettere a Calumon di entrarci, ma poi viene catturato. Alla fine viene liberato e buttato fuori dal D-Reaper, ma, grazie a Gallantmon e Grani, che riescono a sconfiggere l'Agente a guardia della Sfera, riesce ad avvicinarsi nuovamente e fa un nuovo tentativo di liberare Jeri dalla sua prigione. Il Digimon riesce infine ad aprirsi un varco quando in qualche modo riesce ad evocare i dati di Leomon da lui assorbiti e a richiamare il suo attacco Pugno Regale. Sfortunatamente, ciò ha un effetto avverso su Jeri, ricordandole che Leomon era morto e che colui che l'aveva eliminato era proprio lì di fronte a lei. Terrorizzata, la ragazza si allontana da quello che sarebbe stato il suo salvatore. Vista la gravità della situazione e le parole d'incoraggiamento di Takato, Jeri accetta infine le buone intenzioni di Beelzemon ma è ormai troppo tardi: la Sfera si richiude nuovamente, intrappolando lei e Calumon ancora una volta.

Nel frattempo, il pupazzo di Jeri viene controllato dal D-Reaper ed usato per cercare di convincere Jeri che gli umani non meritano di vivere. Il D-Reaper riesce a nutrire le emozioni negative della ragazza, ma, gradualmente, grazie a Calumon Jeri decide di controbattere e rigettare l'idea della vera morte. La ragazza ricorda le parole di Leomon mentre lui stava per morire, ossia che lei aveva ancora molto da vivere e così tutti gli altri, e viene liberata da Takato dopo la sconfitta del D-Reaper. Durante la battaglia, Gallantmon e Gallantmon Crimson Mode avevano provato a raggiungere la Sfera Kernel e a liberarla. Gallantmon Crimson Mode era riuscito a sconfiggere e distruggere molti Agenti nei suoi tentativi di liberarla, compreso l'immensamente potente Agente 01. Mentre Gallantmon Crimson Mode era impegnato a lottare, Jeri era riuscita a rompere la Sfera Kernel grazie al suo D-Arc, ma questa aveva cominciato a riempirsi con la Massa di Caos. Calumon in qualche modo era riuscito a proteggere Jeri e sé stesso con un campo di forza e a trasportarlo al di fuori della Sfera Kernel. Gallantmon Crimson Mode aveva quindi raggiunto la Sfera, non trovandovi più la ragazza che si trovava lì vicino, ma prima che potesse ricongiungersi con lei era regredito in Guilmon e Takato. Quindi quest'ultimo era finalmente riuscito a salvare Jeri grazie a Guilmon, che l'aveva lanciato da lei con la sua coda.

Alla fine della serie, Jeri riesce ad uscire dalla sua depressione grazie a Takato e Calumon, capendo che gli esseri umani possono plasmare il proprio destino e che lei non sarebbe mai stata sola. Infine, Jeri decide di perdonare Impmon, con grande sollievo del Digimon.

Durante la Saga del D-Reaper, Calumon sembra una sorta di secondo partner per la ragazza, andando a liberarla con Beelzemon, tirandola su e proteggendola in qualche modo con il campo di forza durante la battaglia finale prima che Takato riesca a liberarla. Inoltre, quando tutti dicono addio ai propri partner alla fine, Jeri dice addio a Calumon, ringraziandolo per averla aiutata fino alla fine.

Nel Drama-CD Message in the Packet, che avviene più o meno un anno dopo la fine della serie, Jeri invia un messaggio sia a Calumon che a Impmon.

Runaway Digimon ExpressModifica

In Runaway Digimon Express, Jeri non solo partecipa alla festa di compleanno di Rika, ma, insieme a Calumon (che sembra che stia vivendo con lei e con tutta probabilità è divenuto il suo nuovo Digimon Parthner), aiuta anche la nonna di Rika, Seiko Hata, a preparare tutte le decorazioni. Takato ammette che la festa di compleanno a sorpresa è stata un'idea di Jeri.

Character songModifica

Jeri dispone di due image song personali: "Itsuka no Iro" ("Il colore di un giorno qualunque") e "Sayonara Dake Ga Shitteta" ("Solo l'addio lo sapeva") dall'album "Best Tamers 4". Sempre in "Best Tamers 4", Jeri duetta con Leomon in "Owaranai Monogatari" ("Storia senza fine").

NoteModifica

  1. ^ Chiaki J. Konaka, Jeri Katou, su konaka.com. URL consultato l'8 luglio 2010.
  2. ^ Concetto e Note Progettuali di Digimon Tamers Versione 4.0, su konaka.com. URL consultato l'8 dicembre 2009.
  Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga