Jerry Orbach

attore statunitense

Jerome Bernard Orbach (New York, 20 ottobre 1935New York, 28 dicembre 2004) è stato un attore e cantante statunitense.

Jerry Orbach nel 1965

La sua carriera iniziò sui palcoscenici di New York, sia Broadway che off-Broadway, dove interpretò ruoli come El Gallo in The Fantasticks (1960), Billy Flynn in Chicago (1975-1977) e Julian Marsh in 42nd Street (1980-1985). Nominato per tre Tony Award, lo vinse nel 1969 per la sua interpretazione di Chuck Baxter in Promises, Promises (1968-1972).

Successivamente interpretò ruoli secondari in film come Il principe della città (1981), Dirty Dancing - Balli proibiti (1987), Crimini e misfatti (1989) e nel 1991 prestò la sua voce al personaggio Lumière nel classico Disney La bella e la bestia. Partecipò in qualità di guest star a svariate serie televisive come La signora in giallo (tra il 1985 ed il 1991), dove interpretava il detective privato Harry McGraw. Il personaggio ottenne una propria serie intitolata Provaci ancora, Harry, andata in onda per una stagione tra il 1987 e il 1988. Divenne famoso in tutto il mondo interpretando il ruolo del detective della polizia di New York Lennie Briscoe nella serie televisiva Law & Order - I due volti della giustizia, che ha interpretato per dodici stagioni, dal 1992 al 2004.

BiografiaModifica

 
Jerry Orbach (a destra) insieme a Michael O'Haughey interpretano Chicago a Broadway (1976)

Figlio unico di Leon Orbach, ebreo originario della Germania, e Emily Oxley, originaria della Pennsylvania, dopo aver studiato presso l'Actor's Studio debuttò con alcuni spettacoli a Broadway, per passare negli anni ottanta al cinema: dopo una partecipazione a Il principe della città di Sidney Lumet, nel 1987 interpretò il padre di Baby in Dirty Dancing - Balli proibiti. Nel 1989 ottenne una parte secondaria ma di grande spessore in Crimini e misfatti di Woody Allen.

Affiancò Angela Lansbury nella serie televisiva La signora in giallo nei panni dell'investigatore privato Harry McGraw, dalla quale nacque uno spin-off, sempre con Orbach protagonista, dal titolo Provaci ancora, Harry e sempre assieme alla Lansbury, doppiò il film Disney La bella e la bestia (1991), nel ruolo del candelabro antropomorfo Lumière. Per le sue doti canore, prese parte a numerosi musical: nel 1976 interpretò Chicago, e fu più volte candidato come migliore attore ai Tony Award, vincendolo nel 1969.

Il ruolo che lo rese celebre è quello del detective Lennie Briscoe, nella popolare serie Law & Order - I due volti della giustizia, che interpretò per undici stagioni, tra il 1992 al 2004, ruolo che riprese nel film televisivo Omicidio a Manhattan (1998) e successivamente in qualità di guest-star, negli spin-off Law & Order - Unità vittime speciali e Law & Order: Criminal Intent. Dopo aver lasciato I due volti della giustizia nel 2004, accettò di riprendere il ruolo in Law & Order - Il verdetto, ma dopo soli due episodi girati, fu costretto a lasciare la serie a causa dell'aggravarsi della sua malattia. Il detective Briscoe è il personaggio più amato tra i polizieschi di sempre ed uno tra i più longevi e nella classifica redatta da TV Guide, Briscoe, si trova al quindicesimo posto nella classifica dei venticinque migliori detective della storia della televisione[1]. Il personaggio è anche amato per il suo sarcasmo e la sua ironia: ogni puntata si apre con un'intro durante la quale, grazie al suo humour nero, sdrammatizza anche le situazioni più crude.

Vita privataModifica

Si sposò due volte: la prima dal 1958 al 1975 con Marta Curro, da cui ebbe due figli, Anthony e Chris (1968; attore). Nel 1979 sposò in seconde nozze l'attrice e ballerina Elaine Cancilla. Chris ha interpretato Ken Briscoe, il nipote di Lennie in diversi episodi di Law & Order - Unità vittime speciali.

Orbach scrisse svariate poesie d'amore per la seconda moglie moglie Elaine, che furono pubblicate nel libro Remember How I Love You: Love Letters from an Extraordinary Marriage (Touchstone, 2009). Una biografia basata sulle sue memorie e di Elaine, intitolata Jerry Orbach, Prince of the City: His Way from the Fantasticks to Law & Order scritta da John Anthony Gilvey, venne pubblicata postuma, il 1º maggio 2011.

Malattia e morteModifica

Nel gennaio 1994 gli fu diagnosticato un tumore alla prostata, ma non venne reso pubblico fino a poche settimane prima della sua morte. Inizialmente si sottopose a radioterapia, ma nel dicembre 1994, il cancro era tornato e metastatizzato. A quel punto, passò alla terapia ormonale, a cui si sottopose per il decennio successivo. Dopo il suo addio a Law & Order, al termine della stagione 2003-2004, fu sottoposto a chemioterapia. Al termine del trattamento, firmò per tornare nei panni del detective Lennie Briscoe, nello spin-off, Law & Order - Il verdetto, serie in cui avrebbe avuto un carico di lavoro minore, ma dopo aver girato i primi due episodi, le sue condizioni si aggravarono e dovette lasciare il set. Orbach morì il 28 dicembre 2004, al Memorial Sloan-Kettering Cancer Center di New York all'età di 69 anni e fu sepolto nel Trinity Church Cemetery di Manhattan[2]. Il giorno successivo, tutti i teatri di Broadway, spensero le luci per un minuto, in sua memoria[3].

Per sua espressa volontà le sue cornee furono donate a due persone che necessitavano di trapianto[4]. Successivamente, la sua immagine fu utilizzata per una campagna per la donazione degli occhi.

Dediche e omaggiModifica

 
La "Jerry Orbach Way", a New York

Il 18 settembre 2007, una parte della cinquantatreesima strada di New York, nei pressi della Ottava Avenue, fu ribattezzata "Jerry Orbach Way" in suo onore[5]. Nello stesso anno, gli fu dedicato uno dei teatri del Snapple Theatre Centre presente sulla cinquantesima strada a Broadway.

Il creatore e produttore esecutivo di tutte le serie di Law & Order Dick Wolf all'annuncio della sua morte dichiarò:

«Sono profondamente rattristato dalla scomparsa non solo di un amico e collega, ma di una figura leggendaria dello spettacolo del ventesimo secolo. Era uno degli artisti più premiati della sua generazione. La sua perdita è incolmabile»

(Dick Wolf)

.

Nel 2010, dopo la chiusura di Law & Order - I due volti della giustizia, il produttore esecutivo René Balcer ha dichiarato al Wall Street Journal:

(EN)

«I always think about the show as before Jerry and after Jerry... You saw the weariness of 25 years of crime-fighting in New York written on his face[6]

(IT)

«Penso sempre alla serie come prima di Jerry e dopo Jerry... Sulla sua faccia, vedi la stanchezza di 25 anni di lotta al crimine a New York York.»

(René Balcer)

Ben Brantley e Richard Servero, giornalisti del New York Times, hanno analizzato la carriera di Orbach e hanno scritto:

(EN)

«Whether singing "Try to Remember" as the dashing narrator of "The Fantasticks" in 1960 or trading barbs with fellow detectives and reluctant witnesses on television in recent years, Mr. Orbach exuded a wry, ragged masculinity that was all his own. As a star of musicals, he created a new kind of hero who was leagues away from suave, swaggering Adonises like John Raitt, Howard Keel, and Alfred Drake... And he flourished at a time when the Broadway musical hero was fast becoming an endangered species... His rough-edged individuality may account for his endurance on the Broadway stage in an era when other promising musical actors - including Larry Kert, Robert Goulet, and Robert Morse - proved unable to follow through on their breakthrough successes. Mr. Orbach may have been the last of a breed: no male star since has matched the breadth and continuity of his career in musicals... It wasn't until the 1990s, when he started appearing as Lennie Briscoe in "Law & Order," that Mr. Orbach became a familiar name throughout the country. The rough edge that distinguished him on Broadway eased his transition to character roles like Briscoe, the recovered alcoholic who seemed to greet the discovery of each episode's crime with a world-weary shrug[2]»

(IT)

«Sia mentre cantava Try to Remember tratto dallo spettacolo teatrale The Fantasticks del 1960 o scambiando frecciate con detective e testimoni riluttanti in televisione negli ultimi anni, il signor Orbach emanava una mascolinità ironica e sfaccettata che era tutta sua. Come star dei musical, ha creato un nuovo tipo di eroe che era lontano dall'essere dolce e spavaldo come John Raitt, Howard Keel e Alfred Drake. Ha prosperato in un momento in cui l'eroe musicale di Broadway stava rapidamente diventando un specie in estinzione. La sua spigolosità può spiegare la sua longevità sul palco di Broadway in un'epoca in cui altri promettenti attori musicali - tra cui Larry Kert, Robert Goulet e Robert Morse - si sono dimostrati incapaci di seguire i loro successi rivoluzionari. Il signor Orbach potrebbe essere stato l'ultimo di una razza: nessuna star maschile da allora ha eguagliato l'ampiezza e la continuità della sua carriera nel musical. E' stato solo negli anni novanta, quando ha iniziato as interpretare Lennie Briscoe in Law & Order che il sig. Orbach è diventato un nome familiare in tutto il paese. Fu il suo essere ruvido che lo contraddistingue a Broadway e ne ha facilitato la transizione verso ruoli come Briscoe, l'ex alcolizzato che in ogni episodio, sembrava salutare la scoperta del crimine con una scrollata di spalle stanco del mondo.»

(Ben Brantley e Richard Servero)

Lo scrittore Kurt Vonnegut, grande fan di Orbach, durante un'intervista radiofonica australiana nel 2005, disse:

(EN)

«People have asked me, you know, 'Who would you rather be, than yourself?'," and he replied "Jerry Orbach, without a question... I talked to him one time, and he's adorable»

(IT)

«La gente mi ha chiesto, sai, 'Chi preferiresti essere, piuttosto che te stesso?'", E ha risposto "Jerry Orbach, senza pensarci... gli ho parlato una volta ed era adorabile»

(Kurt Vonnegut)

.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

DoppiatoreModifica

TeatroModifica

Premi e nominationModifica

  • Drama Desk Award
    • 1969 - miglior attore in un musical per Promises, Promises
    • 1976 - Nomination al miglior attore in un musical per Chicago
  • Viewers for Quality Television Awards
    • 1998 - Nomination per il miglior attore non protagonista per Law & Order - I due volti della giustizia
    • 1999 - Nomination per il miglior attore non protagonista per Law & Order - I due volti della giustizia
    • 2000 - Nomination per il miglior attore non protagonista per Law & Order - I due volti della giustizia
  • TV Land Award
    • 2005 - Nomination per Favorite "Casual Friday" Cop per Law & Order - I due volti della giustizia
    • 2006 - Nomination per Coolest Crime Fighting Team per Law & Order - I due volti della giustizia (con Chris Noth)
  • Annie Award
    • 1998 - Nomination per la miglior performance vocale per La bella e la bestia - Un magico Natale

Doppiatori italianiModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi lavori, Jerry Orbach è stato doppiato da:

Nei prodotti nei quali ha partecipato come doppiatore, è stato sostituto da:

NoteModifica

  1. ^ (EN) TV Guide Book of Lists, Running Press, 2007, ISBN 978-0-7624-3007-9. URL consultato il 16 maggio 2020.
  2. ^ a b (EN) Jerry Orbach, Star of 'Law & Order,' Dies at 69, su nytimes.com, 29 dicembre 2004. URL consultato il 14 maggio 2020.
  3. ^ (EN) 'Law & Order' star Jerry Orbach dies, su today.com, 30 dicembre 2004. URL consultato l'8 marzo 2018.
  4. ^ Copia archiviata, su gothamist.com. URL consultato il 17 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2020).
  5. ^ (EN) Patrick McGeehan, Manhattan: Street Naming, su nytimes.com, 18 settembre 2007. URL consultato il 16 maggio 2020.
  6. ^ (EN) Amy Chosick, 'Law & Order' School of Drama, su wsj.com, 21 maggio 2010.
  7. ^ Nel 2002 è stata presentata un'edizione speciale del film, con una scena inedita che presenta la canzone Di nuovo umani. In tale scena la voce di Lumière è di Leslie La Penna

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN22332023 · ISNI (EN0000 0001 1556 4288 · LCCN (ENn81098958 · GND (DE134477332 · BNF (FRcb13938624b (data) · BNE (ESXX4617452 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n81098958