Jerry Sloan

cestista e allenatore di pallacanestro statunitense
Jerry Sloan
Jerry Sloan 1969 publicity photo.JPG
Jerry Sloan con la maglia dei Chicago Bulls
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 196 cm
Peso 88 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Guardia / ala piccola
Allenatore
Termine carriera 1976 - giocatore
2011 - allenatore
Hall of fame Naismith Hall of Fame (2009)
Carriera
Giovanili
McLeansboro High School
1962-1965Evansville P. Aces
Squadre di club
1965-1966Baltimore Bullets59 (338)
1966-1976Chicago Bulls696 (10.233)
Carriera da allenatore
1977-1979Chicago Bulls(vice)
1979-1982Chicago Bulls94-121
1984Evansville Thunder
1984-1988Utah Jazz(vice)
1988-2011Utah Jazz1221-803
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Gerald Eugene Sloan, detto Jerry (McLeansboro, 28 marzo 1942Salt Lake City, 22 maggio 2020) è stato un cestista e allenatore di pallacanestro statunitense, membro del Naismith Memorial Basketball Hall of Fame dal 2009 in qualità di allenatore.

CarrieraModifica

Bandiera di Chicago nella NBAModifica

 
Jerry Sloan con la maglia dell'Università di Evansville nel 1965

Dopo un'eccellente carriera universitaria a Evansville che lo vide vincere due titoli NCAA Division II, venne selezionato con la quarta scelta assoluta dai Baltimore Bullets nel draft NBA del 1965. L'avventura ai Bullets durò una sola stagione, al termine della quale venne scelto dai neonati Chicago Bulls nell'expansion draft.

Nei primi due anni a Chicago, Sloan lavorò sotto coach Red Kerr, poi arrivò sulla panchina Dick Motta, che gestì la squadra nelle successive otto stagioni. Chicago inanellò cinque stagioni vincenti consecutive e raggiunse due finali di Conference consecutive, nel 1974 e nel 1975, perdendole contro i Milwaukee Bucks di Kareem Abdul-Jabbar e contro i Golden State Warriors di Rick Barry.

L'anno successivo Sloan si infortunò gravemente al ginocchio e fu costretto al ritiro. Senza di lui la squadra crollò, finendo con un record di 24-58.

Ha terminato la sua carriera con 14 punti e, soprattutto, 7,4 rimbalzi a partita: una media incredibile per una guardia.

Ancora a Chicago, da allenatoreModifica

 
I Chicago Bulls hanno ritirato i numeri allo United Center il 26 gennaio 2012

Chiusa la carriera da giocatore i Bulls gli offrirono prima un posto da scout e, nella stagione 1977-78, la carica di vice-allenatore, per promuoverlo poi capo allenatore nel 1979. Sono i Bulls di Reggie Theus e Artis Gilmore, sicuramente una squadra dal grande potenziale.

Una stagione mediocre all'esordio fa da prologo ad una buona annata nel 1980-81. La squadra ottiene un record di 45-37 ma, al secondo turno dei play-off, si trova di fronte Larry Bird e i futuri campioni dei Boston Celtics. È troppo per questi Bulls, che finiscono travolti per 4-0.

L'anno seguente Sloan non termina la stagione: viene rimpiazzato dopo 51 partite da Rod Thorn.

Coach da record a Salt Lake CityModifica

Jerry Sloan diventa coach degli Utah Jazz nel 1988. In questi anni nella squadra nascono e si consolidano stelle NBA del calibro di Karl Malone e John Stockton, raggiungendo 2 NBA Finals nel 1997 e nel 1998, venendo in entrambi i casi sconfitto dai Chicago Bulls di Michael Jordan.

La fine dell'era SloanModifica

 
Jerry Sloan negli ultimi anni di carriera

Il 10 febbraio 2011, dopo 23 anni sulla panchina dei Jazz, Jerry Sloan annuncia le sue dimissioni dalla guida della franchigia di Salt Lake City. Alla base di questa sorprendente decisione ci sarebbero alcune importanti divergenze con la stella della squadra, Deron Williams. In vero stile-Sloan però Jerry non accende polemiche giustificando il ritiro per "mancanza della giusta energia per restare in panchina". Le dimissioni di Sloan fecero sì che anche il suo vice, Phil Johnson, arrivasse a rinunciare alla propria carica dichiarando: «Sono arrivato con Jerry e me ne vado con lui».[1] Sloan chiuse la sua carriera a Salt Lake City con il record di 1221 vinte e 803 perse (è il quarto coach più vincente della lega) e la soddisfazione di aver portato i Jazz a due finali NBA consecutive, perse entrambe contro i Chicago Bulls di Michael Jordan.

Vita privataModifica

Sloan è stato sposato con la sua prima moglie, Bobbye, per 41 anni. Conosciutisi durante il liceo, i due sono rimasti insieme fino alla morte di lei, avvenuta nel 2004 a causa di una neoplasia del pancreas. Precedentemente alla diagnosi, la moglie aveva già lottato per 6 anni contro una forma di tumore al seno. Nel 2006, Sloan è convolato a nuove nozze, con Tammy Jessop.

MorteModifica

Nell'aprile del 2016, a Sloan è stata diagnosticata la malattia di Parkinson con demenza da corpi di Lewy[2]. È scomparso nel 2020 all'età di 78 anni per le complicazioni di queste patologie.[3]

StatisticheModifica

AllenatoreModifica

  V   Partite vinte   P   Partite perse   % V   Percentuale di vittorie   G   Partite giocate   Grassetto   Miglior risultato
Stagione Squadra Regular Season Post Season
V P % V G Posizione finale
1979-80 Chicago Bulls 30 52 36,6 82 4º in Midwest Division Manca i play-off
1980-81 Chicago Bulls 45 37 54,9 82 2º in Central Division Sconfitto alle Semifinali di Conference dai Celtics (0-4)
1981-82 Chicago Bulls 19 32 37,3 51 - -
1988-89 Utah Jazz 40 25 61,5 65 1º in Midwest Division Sconfitto al primo round dagli Warriors (0-3)
1989-90 Utah Jazz 55 27 67,1 82 2º in Midwest Division Sconfitto al primo round dai Suns (2-3)
1990-91 Utah Jazz 54 28 65,9 82 2º in Midwest Division Sconfitto alle Semifinali di Conference dai Trail Blazers (1-4)
1991-92 Utah Jazz 55 27 67,1 82 1º in Midwest Division Sconfitto alle Finali di Conference dai Trail Blazers (2-4)
1992-93 Utah Jazz 47 35 57,3 82 3º in Midwest Division Sconfitto al primo round dai SuperSonics (2-3)
1993-94 Utah Jazz 53 29 64,6 82 3º in Midwest Division Sconfitto alle Finali di Conference dai Rockets (1-4)
1994-95 Utah Jazz 60 22 73,2 82 2º in Midwest Division Sconfitto al primo round dai Rockets (2-3)
1995-96 Utah Jazz 55 27 67,1 82 2º in Midwest Division Sconfitto alle Finali di Conference dai SuperSonics (3-4)
1996-97 Utah Jazz 64 18 78,0 82 1º in Midwest Division Sconfitto alle NBA Finals dai Bulls (2-4)
1997-98 Utah Jazz 62 20 75,6 82 1º in Midwest Division Sconfitto alle NBA Finals dai Bulls (2-4)
1998-99 Utah Jazz 37 13 74,0 50 2º in Midwest Division Sconfitto alle Semifinali di Conference dai Trail Blazers (2-4)
1999-00 Utah Jazz 55 27 67,1 82 1º in Midwest Division Sconfitto alle Semifinali di Conference dai Trail Blazers (2-4)
2000-01 Utah Jazz 53 29 64,6 82 2º in Midwest Division Sconfitto al Primo Round dai Mavericks (2-3)
2001-02 Utah Jazz 44 38 53,7 82 4º in Midwest Division Sconfitto al Primo Round dai Kings (1-3)
2002-03 Utah Jazz 47 35 57,3 82 4º in Midwest Division Sconfitto al Primo Round dai Kings (1-4)
2003-04 Utah Jazz 42 40 51,2 82 7º in Midwest Division Manca i play-off
2004-05 Utah Jazz 26 56 31,7 82 5º in Northwest Division Manca i play-off
2005-06 Utah Jazz 41 41 50,0 82 2º in Northwest Division Manca i play-off
2006-07 Utah Jazz 51 31 62,2 82 1º in Northwest Division Sconfitto alle Finali di Conference dagli Spurs (1-4)
2007-08 Utah Jazz 54 28 65,9 82 1º in Northwest Division Sconfitto alle Semifinali di Conference dai Lakers (2-4)
2008-09 Utah Jazz 48 34 58,5 82 3º in Northwest Division Sconfitto al Primo Round dai Lakers (1-4)
2009-10 Utah Jazz 53 29 64,6 82 2º in Northwest Division Sconfitto alle Semifinali di Conference dai Lakers (0-4)
2010-11 Utah Jazz 31 23 57,4 54 - -
Carriera 1221 803 60,3 2024

Premi e riconoscimentiModifica

GiocatoreModifica

AllenatoreModifica

  • Allenatore degli Utah Jazz per 23 stagioni consecutive (1127 vittorie): record nella storia degli sport americani. Il suo record di 1127 è rimasto imbattuto fino al 4 febbraio 2017: la vittoria dei San Antonio Spurs contro i Denver Nuggets per 121-97 ha permesso a Greg Popovich di raggiungere il record NBA all time di 1128 vittorie con la stessa squadra e di battere il precedente record di Jerry Sloan.[4]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Mike Sorensen, Utah Jazz: Phil Johnson surprised Jerry Sloan by saying he would go too, in DeseretNews.com, 10 febbraio 2011. URL consultato il 20 marzo 2017.
  2. ^ Nba, Jerry Sloan ha il Parkinson: così è diventato leggenda, su gazzetta.it, 7 aprile 2016.
  3. ^ (EN) Longtime Jazz coach Jerry Sloan dies at age 78, su espn.com, 22 maggio 2020. URL consultato il 22 maggio 2020.
  4. ^ Nba, LeBron record: oltre 28mila punti. Popovich, 1.128 vittorie con San Antonio, su gazzetta.it.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica