Apri il menu principale

Jesper Blomqvist

allenatore di calcio ed ex calciatore svedese
Jesper Blomqvist
Jesper Blomqvist.jpg
Blomqvist nel 2005
Nazionalità Svezia Svezia
Altezza 168 cm
Peso 65 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2010 - giocatore
Carriera
Giovanili
1990-1992 non conosciuta Tavelsjö AIK
Squadre di club1
1992-1993 Umeå FC 2 (0)
1993-1996 IFK Göteborg 73 (18)
1996-1997 Milan 19 (1)
1997-1998 Parma 28 (1)
1998-2001 Manchester Utd 25 (1)
2001-2002 Everton 15 (1)
2002-2003 Charlton 3 (0)
2003-2005 Djurgården 9 (1)
2008 Enköping 10 (1)
2010 Hammarby 6 (0)
Nazionale
1994-2002 Svezia Svezia 30 (0)
Carriera da allenatore
2008-2009 Enköping Vice
2010 Hammarby Vice
2010 Hammarby
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Stati Uniti 1994
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Lars Jesper Blomqvist (Umeå, 5 febbraio 1974) è un allenatore di calcio ed ex calciatore svedese, di ruolo centrocampista.

BiografiaModifica

Nel 2006 è stato aggredito fisicamente mentre era in visita a Umeå, sua città natale.[1]

Qualche anno dopo aver allenato l'Hammarby, ha iniziato a gestire una pizzeria a Lidingö.[2]

Caratteristiche tecnicheModifica

GiocatoreModifica

Ricopriva il ruolo di esterno sinistro di centrocampo.[3]

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

 
Blomqvist (a destra) in azione al Parma nel 1998, contrastato dall'atalantino Piacentini.

Dopo gli esordi nell'Umeå FC, si fa notare nell'IFK Göteborg dove rimane per un triennio, prima di essere acquistato nella stagione 1996-1997 per 4,5 miliardi di lire dal Milan,[4], squadra in cui giocherà 19 partite di campionato, mettendo a segno una rete al Bologna.[5] L'annata successiva (1997-1998) gioca 2 partite in rossonero prima di essere ceduto al Parma, dove al termine della stagione avrà collezionato 28 presenze e 1 gol. Lascia l'Italia con un bottino di 48 presenze e 2 reti in Serie A.

Si trasferisce in Inghilterra, al Manchester Utd, dove nel 1999 vince la Premier League, la FA Cup, la Champions League e la Coppa Intercontinentale. Nel 2001 passa all'Everton, quindi nel 2002 al Charlton e infine nel 2003 torna in patria al Djurgården dove, a causa di ripetuti problemi al ginocchio, a 31 anni si ritira inizialmente dall'attività.

Nel 2008 torna sui propri passi firmando per l'Enköping, dove ricopre anche il ruolo di assistente allenatore, ma non essendo riuscito a salvare il club dalla retrocessione decide di concludere definitivamente la carriera l'anno stesso.

NazionaleModifica

Ha collezionato 30 presenze con la maglia della nazionale svedese tra il 1994 e il 2002, partecipando al campionato del mondo 1994 chiuso al terzo posto.

AllenatoreModifica

Dopo aver ricoperto il ruolo di allenatore-giocatore nell'Enköping, nel 2010 è assistente di Michael Borgqvist sulla panchina dell'Hammarby: durante questa stagione gioca anche 6 partite da giocatore, e diventa head coach per un breve periodo in seguito alle dimissioni di Borgqvist.

StatisticheModifica

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Svezia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
18-2-1994 Miami Colombia   0 – 0   Svezia Amichevole -   72’
20-2-1994 Miami Stati Uniti   1 – 3   Svezia Amichevole -   58’
22-2-1994 Fresno Messico   2 – 1   Svezia Amichevole -   77’
20-4-1994 Wrexham Galles   0 – 2   Svezia Amichevole -   60’
5-5-1994 Solna Svezia   3 – 1   Nigeria Amichevole -   68’
26-5-1994 Copenaghen Danimarca   1 – 0   Svezia Amichevole -   63’
5-6-1994 Stoccolma Svezia   2 – 0   Norvegia Amichevole -   89’
12-6-1994 Mission Viejo Romania   1 – 1   Svezia Amichevole -   46’
19-6-1994 Pasadena Camerun   2 – 2   Svezia Mondiali 1994 - 1º turno -   61’
28-6-1994 Detroit Brasile   1 – 1   Svezia Mondiali 1994 - 1º turno -   65’
17-8-1994 Örebro Svezia   4 – 2   Lituania Amichevole -   63’
12-10-1994 Berna Svizzera   4 – 2   Svezia Qual. Euro 1996 -   22’   82’
8-3-1995 Limassol Cipro   3 – 3   Svezia Amichevole -   66’
29-3-1995 Ankara Turchia   2 – 1   Svezia Qual. Euro 1996 -   75’
14-8-1996 Göteborg Svezia   0 – 1   Danimarca Amichevole -   46’
1-9-1996 Riga Lettonia   1 – 2   Svezia Qual. Mondiali 1998 -
9-10-1996 Solna Svezia   0 – 1   Austria Qual. Mondiali 1998 -
10-11-1996 Glasgow Scozia   1 – 0   Svezia Qual. Mondiali 1998 -
12-3-1997 Ramat Gan Israele   0 – 1   Svezia Amichevole -
2-4-1997 Parigi Francia   1 – 0   Svezia Amichevole -   66’
20-8-1997 Minsk Bielorussia   1 – 2   Svezia Qual. Mondiali 1998 -   46’
6-9-1997 Vienna Austria   1 – 0   Svezia Qual. Mondiali 1998 -   54’
10-9-1997 Solna Svezia   1 – 0   Lettonia Qual. Mondiali 1998 -   75’
11-10-1997 Solna Svezia   1 – 0   Estonia Qual. Mondiali 1998 -
22-4-1998 Solna Svezia   0 – 0   Francia Amichevole -
28-5-1998 Malmö Svezia   3 – 0   Danimarca Amichevole -   74’
14-10-1998 Burgas Bulgaria   0 – 1   Svezia Qual. Euro 2000 -   71’
10-2-1999 Tunisi Tunisia   0 – 1   Svezia Amichevole -
28-4-1999 Dublino Irlanda   2 – 0   Svezia Amichevole -
27-3-2002 Malmö Svezia   1 – 1   Svizzera Amichevole -   46’
Totale Presenze 30 Reti 0

PalmarèsModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica
IFK Göteborg: 1993, 1994, 1995, 1996
Djurgården: 2003, 2005
Manchester Utd: 1998-1999, 1999-2000, 2000-2001
Manchester Utd: 1998-1999
Djurgården: 2004, 2005
Competizioni internazionaliModifica
Manchester Utd: 1998-1999
Manchester Utd: 1999

NoteModifica

  1. ^ Misshandlade Jesper Blomqvist, su fotbollskanalen.se, 2 dicembre 2008. URL consultato il 20 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2008).
  2. ^ La nuova vita di Blomqvist, proprietario di una pizzeria: "Sono stato sfortunato a...", su fcinter1908.it, 25 gennaio 2019. URL consultato il 26 gennaio 2019.
  3. ^ (DEENIT) Jesper Blomqvist, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.
  4. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, vol. 13 (1996-1997), Panini, 30 luglio 2012, p. 10.
  5. ^   Blomqvist al Milan, gol su assist di Weah, La Gazzetta dello Sport.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica