Jim Thompson (scrittore)

scrittore e sceneggiatore statunitense

Jim Thompson, all'anagrafe James Myers Thompson (Anadarko, 27 settembre 1906Hollywood, 7 aprile 1977), è stato uno scrittore e sceneggiatore statunitense di genere noir.

BiografiaModifica

Thompson deve la sua fama principalmente ai romanzi. Ne ha scritti più di trenta, quasi tutti pubblicati in edizione tascabile, molti dei quali nel suo periodo più prolifico, dalla fine degli anni Quaranta alla metà degli anni Cinquanta. Poco apprezzato in vita (nonostante l’apprezzamento di alcuni critici, per esempio Anthony Boucher sul New York Times), la sua statura di autore cresce negli anni Ottanta con le riedizioni dei suoi romanzi per la casa editrice Black Lizard.

Tra le sue opere più apprezzate troviamo L'assassino che è in me, Notte selvaggia, Diavoli di donne e Colpo di spugna.

Secondo lo scrittore R.V. Cassill, di tutta la narrativa poliziesca quella di Thompson è la più cruda e straziante, incomparabilmente più intensa di Dashiell Hammett, Raymond Chandler o Horace McCoy. Allo stesso modo, nell'introduzione a Inferno sulla terra, Stephen King afferma di ammirare l’opera di Thompson soprattutto perché "Il ragazzo era decisamente sopra le righe. Big Jim non conosceva il significato della parola stop."

Thompson è stato definito dallo scrittore Geoffrey O'Brien un "Dostoevskij dei supermercati". Il regista Stephen Frears, che nel 1990 ha diretto un adattamento del suo I truffatori (dal titolo Rischiose abitudini), ha evidenziato come nei temi trattati da Thompson siano presenti elementi della tragedia greca.

La vita di Thompson è pittoresca quasi quanto la sua narrativa. I suoi romanzi sono ritenuti semi-autobiografici o almeno ispirati alle sue esperienze. Scolaro insofferente alle regole, ripetette la prima media per ben sei volte. Mentre "frequentava" la scuola, lavorava come fattorino all'hotel Texas, dove era arrivato a prendere 300 dollari alla settimana, contro i 15 della paga ufficiale, procurando marjuana ed alcol, in pieno Proibizionismo, agli ospiti della struttura. A 18 anni fumava e beveva già da soffrire di delirium tremens. diIl padre di Thompson fu sceriffo di Caddo County, in Oklahoma. Si candidò per una carica statale nel 1906, ma fu sconfitto. Poco dopo rinunciò all'incarico di sceriffo a causa di voci di appropriazione indebita. La famiglia Thompson si trasferì in Texas. Il tema della famiglia in vista caduta in disgrazia, ricorre in diverse sue opere.

OpereModifica

FilmografiaModifica

BibliografiaModifica

  • Robert Polito, Jim Thompson. Una biografia selvaggia, Alet 2009

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN56616931 · ISNI (EN0000 0001 2134 0424 · SBN CFIV073472 · Europeana agent/base/62092 · LCCN (ENn84228684 · GND (DE119337525 · BNE (ESXX1080131 (data) · BNF (FRcb119265630 (data) · J9U (ENHE987007426744205171 · NDL (ENJA00458662 · CONOR.SI (SL64729443 · WorldCat Identities (ENlccn-n84228684