Joan Enric Vives i Sicília

arcivescovo cattolico spagnolo e co-principe d'Andorra
Joan Enric Vives i Sicília
arcivescovo della Chiesa cattolica
Mons. Vives (30612833490).jpg
Mons. Joan Enric Vives i Sicília il 4 marzo 2010
Coat of arms of Joan Enric Vives i Sicília.svg
Parare vias Domini
 
TitoloUrgell
(titolo personale di arcivescovo)
Incarichi attuali
Incarichi ricoperti
 
Nato24 luglio 1949 (71 anni) a Barcellona
Ordinato presbitero24 settembre 1974
Nominato vescovo9 giugno 1993 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo5 settembre 1993 dal cardinale Ricardo María Carles Gordó
Elevato arcivescovo19 marzo 2010 da papa Benedetto XVI
 
Joan Enric Vives i Sicília d'Andorra
Joan Enric Vives.jpg
Joan Enric Vives i Sicília d'Andorra
Sua Eccellenza Coprincipe del
Principato di Andorra
Stemma
In carica dal 12 maggio 2003 (17 anni)
Incoronazione 10 luglio 2003
Predecessore Joan Martí Alanis d'Andorra
Nome completo Joan Enric Vives i Sicília
Altri titoli Vescovo di Urgell
Nascita Barcellona, 24 luglio 1949 (71 anni)
Dinastia Vescovi di Urgell
Religione Cattolicesimo

Joan Enric Vives i Sicília (Barcellona, 24 luglio 1949) è un arcivescovo cattolico spagnolo, dal 12 maggio 2003 vescovo di Urgell e coprincipe di Andorra.

BiografiaModifica

Monsignor Joan Enric Vives i Sicília è nato a Barcellona il 24 luglio 1949.

Formazione e ministero sacerdotaleModifica

Entrato nel seminario di Barcellona, ha studiato filosofia e teologia presso la Facoltà di Teologia della Catalogna, ove nel 1976 ha conseguito la licenza in teologia. Nel 1982 ha ottenuto la laurea in filosofia e scienze dell'educazione presso l'Università di Barcellona.

Il 24 settembre 1974 è stato ordinato presbitero per l'arcidiocesi di Barcellona. In seguito è stato vicario parrocchiale dal 1974 al 1981, delegato episcopale della gioventù e arciprete dal 1979 al 1985, membro del consiglio presbiterale dal 1979 al 1985 e del collegio dei consultori dal 1985 al 1990, formatore nel seminario dal 1987 al 1990, segretario del consiglio episcopale dal 1988 al 1990, vice decano della Facoltà ecclesiastica di filosofia e rettore del seminario maggiore di Barcellona dal 1990 al 1993.

Ministero episcopaleModifica

Il 9 giugno 1993 papa Giovanni Paolo II lo ha nominato vescovo ausiliare di Barcellona e titolare di Nona. Ha ricevuto l'ordinazione episcopale il 5 settembre successivo dal cardinale Ricardo María Carles Gordó, arcivescovo di Barcellona, coconsacranti i cardinali Narciso Jubany Arnau, arcivescovo emerito di Barcellona, e Antonio María Javierre Ortas, prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti.

Il 25 giugno 2001 papa Giovanni Paolo II lo ha nominato vescovo coadiutore di Urgell. Il 12 maggio 2003 succedette alla medesima sede. Il 10 luglio successivo prestò giuramento come coprincipe di Andorra. Il 19 marzo 2010 papa Benedetto XVI lo elevò alla dignità arciepiscopale.

Nel marzo del 2014 ha compiuto la visita ad limina.

In seno alla Conferenza episcopale spagnola è membro della commissione per il clero e i seminari dal marzo del 2020 e della commissione permanente. In precedenza è stato membro della commissione per l'insegnamento e la catechesi dal 1993 al 2002; membro della commissione per la pastorale sociale dal 2002 al 2005; presidente della commissione per i seminari e le università dal 2005 al 2008; membro della commissione per le comunicazioni sociali dal 2008 al 2014; membro del consiglio economico dal 2008 al 2014 e di nuovo presidente della commissione per i seminari e le università dal 2014 al 2020.

In seno alla Conferenza episcopale tarraconense è delegato per la liturgia e segretario e portavoce della stessa dal 1997. Dal 2001 è responsabile del seminario maggiore interdiocesano della Catalogna.

Posizioni politicheModifica

In diverse occasioni si è dimostrato vicino alle posizioni del nazionalismo catalano ed è un sostenitore sia dell'indipendenza della Catalogna [1][2] sia dell'uso del catalano nella liturgia cattolica.

Genealogia episcopaleModifica

OnorificenzeModifica

  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo)
— 5 marzo 2010

NoteModifica

  1. ^ (ES) ¿Quien es...Enric Vives Sicilia?, su Infovaticana. URL consultato il 22 novembre 2019.
  2. ^ (ES) El apoyo a la independencia separa a la Iglesia catalana, su El Mundo. URL consultato il 22 novembre 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN190893633 · WorldCat Identities (ENviaf-190893633