Joe Rogan

è un commentatore televisivo, comico e youtuber statunitense
Joe Rogan nel 2017

Joseph James "Joe" Rogan (Newark, 11 agosto 1967) è un commentatore televisivo e comico statunitense.

Ricopre il ruolo di color commentator nella prestigiosa federazione statunitense di arti marziali miste Ultimate Fighting Championship dal 1997; ha invece iniziato con la stand-up comedy nel 1988 nell'area di Boston e da allora ha pubblicato numerosi album e special. Ha inoltre un proprio podcast, The Joe Rogan Experience, molto popolare su YouTube.

BiografiaModifica

 
Joe Rogan nel 2011

Sin dall'infanzia Rogan è costretto a spostarsi in varie zone degli Stati Uniti fino a che la sua famiglia non si stabilisce a Newton Upper Falls, nel Massachusetts, dove frequenta la Newton High School. I suoi genitori, di origine irlandese e italiana, divorziano quando ha solo cinque anni e non vede suo padre, poliziotto, dall'età di sei. Ha frequentato per un breve periodo la University of Massachusetts Boston.

Durante l'adolescenza si avvicina al mondo delle arti marziali e, a quattordici anni, comincia a studiare il Karate e poi il Taekwondo, disciplina nella quale vanta una cintura nera e la vittoria dei campionati nazionali. Ha inoltre un record di 2-1 come kickboxer amatoriale, ma si è ritirato dalle competizioni agonistiche all'età di ventuno anni in modo da non aggravare ulteriormente gli infortuni subìti. Nel 1996 comincia a praticare il Jiu jitsu brasiliano sotto Carlson Gracie, ottenendo la cintura nera sotto il maestro Jean Jacques Machado; successivamente otterrà il massimo grado anche nel 10-th Planet Jiu jitsu.

Nonostante la formazione cattolica, Rogan si è discostato dalla Chiesa di Roma ritenendola una forma di oppressione pur affermando di ritenere possibile l'esistenza di Dio. È inoltre uno strenuo sostenitore della legalizzazione della cannabis e dell'uso di droghe psichedeliche come mezzo per ampliare la propria coscienza e come strumento da utilizzare nella meditazione.[1] Pur non aderendo a nessun partito, le sue idee sono vicine al pensiero liberale.

Convinto cacciatore, fa parte del movimento "Eat what you kill", che si oppone allo sfruttamento massiccio dei capi di bestiame. È inoltre contrario alla pratica della circoncisione dei neonati.

CarrieraModifica

Pur interessandosi alla stand-up comedy sin dall'adolescenza, Rogan cominciò ad esibirsi solo nel 1988 su consiglio dei suoi compagni di Teakwondo e dopo aver assistito ad uno show di Richard Pryor, che afferma averlo influenzato profondamente. Il suo stile è assimilabile alla cosiddetta "blue comedy", un genere di commedia che spesso usa termini volgari per parlare di argomenti (soprattutto il sesso) non politically correct.

Nel 1994 si trasferisce a Los Angeles, che offriva più opportunità lavorative, e nel 1997 approda alla UFC di Dana White prima come intervistatore e poi come commentatore.

UFCModifica

 
Rogan (a destra) nel 2002
 
Rogan commenta un match in UFC nel 2006

Rogan iniziò a lavorare per la Ultimate Fighting Championship come intervistatore nel backstage e nei post-match; il primo show al quale prese parte si svolse il 7 febbraio 1997 a Dothan, Alabama.[2] Egli si era interessato al jiu-jitsu nel 1994 dopo aver visto un combattimento di Royce Gracie a UFC 2: No Way Out, e tramite un amico entrò in contatto con il co-fondatore e produttore originale della UFC Campbell McLaren. Dopo due anni Rogan lasciò la compagnia in quanto lo stipendio era troppo basso per coprire i costi di trasferta per seguire gli eventi, che spesso avevano luogo in remote località rurali.[3] Quando l'UFC venne rilevata dalla società Zuffa nel 2001, Joe presenziò a qualche evento e fece amicizia con il nuovo presidente Dana White, il quale gli offrì un lavoro come commentatore che però inizialmente rifiutò perché, a suo dire, "voleva solo godersi gli incontri e bere".[4] Nel 2002, White riuscì anche a far lavorare gratis Rogan in cambio di biglietti omaggio per lui e i suoi amici.[2] Dopo circa 15 eventi, Rogan accettò finalmente la proposta di lavoro, come commentatore live (insieme a Mike Goldberg fino alla fine del 2016).[4] Joe Rogan ha vinto per due volte il premio Wrestling Observer Newsletter Award come "Best Television Announcer", e ha ricevuto sei nomination come "Personalità MMA dell'anno" agli World MMA Awards.[5] Nel 2006, ha condotto il programma televisivo settimanale Inside the UFC.[6]

PodcastModifica

Nel dicembre 2009, Rogan lancia il suo podcast gratuito insieme all'amico e collega Brian Redban.[4][7] La prima puntata viene registrata il 24 dicembre e inizialmente andava in onda a cadenza settimanale su Ustream.[8] Nell'agosto 2010, il podcast fu rinominato The Joe Rogan Experience ed entrò nella lista dei "Top 100 podcast" su iTunes,[9] e nel 2011, è stato selezionato da SiriusXM Satellite Radio. Il podcast tratta di svariati argomenti con la presenza in studio di ospiti che discutono di eventi attuali, fatti di cronaca, politica, filosofia, sport, cinema, hobby e numerose altre materie di discussione.[10] Nel gennaio 2015, il podcast aveva oltre 11 milioni di download.[11] Nell'ottobre dello stesso anno, il podcast veniva scaricato da oltre 16 milioni di utenti ogni mese, rendendolo di fatto uno dei podcast gratuiti più popolari.[4]

Con il passare degli anni, The Joe Rogan Experience è diventato uno dei podcast più seguiti a livello mondiale e nel gennaio 2019 ha vinto il premio di iHeartRadio come "Best Comedy Podcast".[12]

Vita privataModifica

Rogan e Jessica Ditzel, ex cameriera, si sposarono nel 2009[13] e la coppia ha due figlie, la prima nata nel maggio 2008,[14] la seconda nel 2010.[15] Rogan è inoltre il patrigno di una figlia della moglie nata da una precedente relazione.[16] La famiglia ha vissuto per breve tempo a Boulder (Colorado) e ora risiede a Bell Canyon, in California.[17]

FilmografiaModifica

Spettacoli comiciModifica

  • I'm Gonna Be Dead Someday (CD) (2000)
  • Live from the Belly of the Beast (DVD) (2001)
  • Joe Rogan: Live (DVD) (2006)
  • Shiny Happy Jihad (CD) (2007)
  • Talking Monkeys in Space (CD & DVD) (2010) - Comedy Central Records
  • Live from the Tabernacle (Download digitale) (2012)
  • Rocky Mountain High (Comedy Central Direct) (2014)
  • Triggered (Netflix) (2016)

TelevisioneModifica

Anno Titolo Ruolo Note
1994 Hardball Frank Valente
1995–1999 NewsRadio Joe Garrelli
1996 MADtv Se stesso, ospite Stagione 2, Episodio 7
1997 Bruce Testones, Fashion Photographer Sceneggiatore, se stesso
1997–presente Ultimate Fighting Championship Intervistatore (1997–2002)
Commentatore (2002–presente)
2001–2002 Late Friday Conduttore
2001–2006; 2011–2012 Fear Factor Conduttore
2002 Just Shoot Me! Chris A Beautiful Mind
2003 Good Morning, Miami Se stesso Stagione 1, Episodio 17: Fear and Loathing in Miami
2003–2004 The Man Show Se stesso Conduttore
2003–2004 Chappelle's Show Se stesso Stagione 1, Episodio 4
Stagione 2, Episodio 12
2003–2007 Last Comic Standing Talent scout celebrità
2005–2008 The Ultimate Fighter Annunciatore
2006 Inside the UFC Conduttore
2007–2009 UFC Wired Conduttore
2009 Game Show in My Head Conduttore
2012–2013 UFC Ultimate Insider Se stesso
2013 Joe Rogan Questions Everything Se stesso
2015 Silicon Valley Se stesso Stagione 2, Episodio 6: Homicide

Film e documentariModifica

Anno Titolo Ruolo
2002 It's a Very Merry Muppet Christmas Movie Se stesso, cameo
2007 The Union: The Business Behind Getting High Se stesso
2007 American Drug War: The Last White Hope Se stesso
2010 DMT: The Spirit Molecule Se stesso
2010 Venus & Vegas Richie
2011 Il signore dello zoo Gale
2012 Colpi da maestro Se stesso
2017 Bright Se stesso

VideogiochiModifica

Premi e riconoscimentiModifica

Teen Choice Award

  • Nomination per Choice TV Reality/Variety Host per Fear Factor (2003)

World MMA Awards

  • MMA Personaliity of the Year (2011, 2012, 2014, 2015, 2016, 2017)

Wrestling Observer Newsletter

  • Best Television Announcer (2010, 2011)

NoteModifica

  1. ^ DMT: The Spirit Molecule. URL consultato il 12 aprile 2019.
  2. ^ a b Exclusive Interview: Joe Rogan, CagePotato, 30 gennaio 2009. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  3. ^ Rogan the unlikely, but perfect voice for UFC broadcasts, in Sports Illustrated, 21 aprile 2012. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  4. ^ a b c d Erik Hedegaard, How Joe Rogan Went From UFC Announcer to 21st-Century Timothy Leary, in Rolling Stone, 22 ottobre 2015. URL consultato il 29 maggio 2016.
  5. ^ Fighters Only Awards 2010, su onlineawards.co.uk. URL consultato il 22 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2012).
  6. ^ The Boston Herald, Grudge match has to wait, 22 ottobre 2006.
  7. ^ Joe Rogan, su Blog.joerogan.net, 26 luglio 2013. URL consultato il 3 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 26 gennaio 2013).
  8. ^ Iain Hepburn, WEB WATCH, 7 aprile 2010, Daily Record.
  9. ^ Entertainment Close, The Joe Rogan Experience Podcast Selects Wizzard Media's LibsynPro, 10 agosto 20103.
  10. ^ Joe Rogan (Podcast Site), Podcasts.joerogan.net. URL consultato il 13 novembre 2013.
  11. ^ Joe Rogan Podcast, Inquisitor. URL consultato il 13 novembre 2015.
  12. ^ 2019 iHeartRadio Podcast Awards: Full List of Winners, su iHeartRadio, iHeartMedia. URL consultato il 2 febbraio 2019.
  13. ^ Melissa Patterson, Joe Rogan brings trippy humor to Palm Beach Improv, in Palm Beach Post, 13 luglio 2009. URL consultato il 3 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2011).
  14. ^ Kelli Skye Fadroski, Comic Joe Rogan gets into fatherhood, Zen, ultimate fighting, in The Orange County Register, 23 luglio 2008. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  15. ^ Ed Condran, Joe Rogan accuses rivals of stealing his material, Dallas News, 26 febbraio 2010. URL consultato il 3 settembre 2010.
  16. ^ The Rosie Show: Joe Rogan on Stepfatherhood, YouTube, 26 gennaio 2012. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  17. ^ Joe Rogan dumps a record-shattering $5 million in Bell Canyon, su yolandaslittleblackbook.com. URL consultato il 10 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2018).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN31712865 · ISNI (EN0000 0000 4874 523X · LCCN (ENno2004086252 · WorldCat Identities (ENno2004-086252