Joel Lebowitz

Joel Louis Lebowitz (Tjačiv, 10 maggio 1930) è un fisico e matematico statunitense noto per i suoi contributi alla meccanica statistica e alla fisica matematica[1].

Joel Lebowitz nel 2004

Lebowitz ha pubblicato più di cinquecento articoli riguardanti la fisica statistica e la scienza in generale, ed è uno dei fondatori ed editori del Journal of Statistical Physics, una delle più importanti riviste peer-reviewed riguardanti la ricerca scientifica in questo settore. È stato presidente della New York Academy of Sciences.

Lebowitz è attualmente professore di matematica e fisica alla Rutgers University. È anche un attivista per i diritti umani e un co-presidente a lungo termine del Committee of Concerned Scientists.[2]

Lebowitz nel 1975

BiografiaModifica

Lebowitz è nato a Tjačiv, all'epoca in Cecoslovacchia, ora Ucraina, nel 1930 da una famiglia ebrea. Durante la seconda guerra mondiale fu deportato con la sua famiglia ad Auschwitz, dove suo padre, sua madre e sua sorella minore furono uccisi nel 1944. Dopo essere stato liberato dal campo, si trasferì negli Stati Uniti via nave e studiò in una scuola ebraica ortodossa e al Brooklyn College. Ha conseguito il dottorato di ricerca presso la Syracuse University nel 1956 sotto la supervisione di Peter G. Bergmann,[3] e ha continuato la sua ricerca con Lars Onsager, alla Yale University. Si è poi trasferito allo Stevens Institute of Technology nel 1957 e alla Belfer Graduate School of Science della Yeshiva University nel 1959. Infine ha ottenuto un incarico presso la Rutgers University nel 1977, dove ricopre la prestigiosa posizione di George William Hill Professor. Durante i suoi anni alla Yeshiva University e alla Rutgers University è stato in contatto con diversi scienziati e artisti, come Fumio Yoshimura e Kate Millett. Nel 1975 ha fondato il Journal of Statistical Physics (che ha guidato fino al 2018) e nel 1979 è stato presidente della New York Academy of Sciences. È stato uno dei più attivi sostenitori degli scienziati dissidenti nell'ex Unione Sovietica, in particolare degli scienziati refusnik.

 
Lebowitz (a sinistra) e Mitchell Feigenbaum (a destra) (1998)

Risultati scientificiModifica

Lebowitz ha fornito importanti contributi alla meccanica statistica e alla fisica matematica. Ha dimostrato, insieme a Elliott Lieb, che le interazioni di Coulomb obbediscono al limite termodinamico. Ha anche stabilito quelle che oggi sono note come disuguaglianze di Lebowitz per il modello ferromagnetico di Ising. I suoi interessi attuali sono in problemi di meccanica statistica di non equilibrio.

Gli sono stati riconosciuti inoltre importanti contributi alla teoria delle transizioni di fase, dei sistemi stazionari non all'equilibrio,[4] e allo studio delle grandi deviazioni in sistemi fuori dall'equilibrio.[5]

Premi e riconoscimentiModifica

I principali premi ottenuti da Joel Lebowitz sono:

Joel Lebowitz è inoltre membro dell'Accademia nazionale delle scienze degli Stati Uniti d'America e fellow dell'American Physical Society[12] e dell'American Mathematical Society.[13]

NoteModifica

  1. ^ history.aip.org, https://history.aip.org/phn/11605002.html. URL consultato il 30 aprile 2021.
  2. ^ Committee of Concerned Scientists, Leadership List Archiviato il 26 giugno 2008 in Internet Archive.. Committee of Concerned Scientists. Accessed June 28, 2008.
  3. ^ Rob Enslin, A Moral Vision of Science: Physicist Joel L. Lebowitz G’55, G’56, H’12 Believes Science and Morality are Inextricably Linked, in SU News, 29 novembre 2018. URL consultato il 29 aprile 2021.
  4. ^ (EN) Rutgers University Department of Physics and Astronomy, su physics.rutgers.edu. URL consultato il 20 agosto 2021.
  5. ^ a b APS Heineman Prize Announcement, 2020.
  6. ^ (EN) C3 C3, C3: Awards - IUPAP: The International Union of Pure and Applied Physics, su iupap.org, 8 marzo 2021. URL consultato il 20 agosto 2021.
  7. ^ Laudatio for Joel L. Lebowitz by David Ruelle (IHES, Paris), in www.iamp.org. URL consultato il 29 aprile 2021.
  8. ^ (EN) Prize Recipient, su aps.org. URL consultato il 20 agosto 2021.
  9. ^ Deutsche Physikalische Gesellschaft, Pressemitteilung, 2006.
  10. ^ Grande Médaille of the French Academy of Sciences Archiviato il 6 ottobre 2014 in Internet Archive.
  11. ^ ICTP - 2022 ICTP Dirac Medal Winners Announced, su www.ictp.it. URL consultato l'8 agosto 2022.
  12. ^ List of Fellows of the American Physical Society.
  13. ^ List of Fellows of the American Mathematical Society, retrieved 2013-01-27.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN108813844 · ISNI (EN0000 0001 0932 0375 · ORCID (EN0000-0003-0160-5856 · LCCN (ENn79071046 · GND (DE118107771 · BNF (FRcb12275566r (data) · J9U (ENHE987007270952505171 · WorldCat Identities (ENlccn-n79071046