Apri il menu principale

Johann Fabri

vescovo cattolico tedesco (1478-1541)
Johann Fabri
vescovo della Chiesa cattolica
GrabMaal Johann Faber.png
COA bishop DE Heigerlin-Faber Johann.png
 
Incarichi ricopertiVescovo di Vienna
 
Nato1478, Leutkirch im Allgäu
Deceduto21 maggio 1541, Baden
 

Johann Heigerlin, detto anche Johann Fabri e soprannominato in latino Faber (Leutkirch im Allgäu, 1478Baden, 21 maggio 1541), è stato un vescovo cattolico tedesco.

Indice

BiografiaModifica

Johann Fabri, soprannominato latinamente Faber dal momento che suo padre era fabbro, intraprese gli studi di teologia e giurisprudenza in giovane età a Tubinga e a Friburgo, dove conseguì il dottorato.

Attorno al 1510 divenne predicatore a Lindau e dal 1514 divenne ministro del culto a Leutkirch im Allgäu, divenendo vicario generale della diocesi di Costanza a partire dal 1517. Dal 1523 si distinse come diplomatico e cancelliere al servizio dell'arciduca Ferdinando (poi imperatore), divenendo dal 1524 vescovo coadiutore di Vienna, ricevendo la prepositura della cattedrale cittadina nel 1529.

Fu in contatto con Erasmo da Rotterdam e successivamente divenne uno dei più pugnaci difensori della Chiesa cattolica in Germania. Nel 1529 viaggiò al fianco dell'imperatore Carlo V in Inghilterra, in cerca dell'atteso aiuto di Enrico VIII nella guerra contro i turchi che si stava combattendo nei confini orientali dell'Impero tedesco.

Nel 1530 divenne membro della commissione d'esame della Confessio Augustana. In quello stesso 1530, divenne vescovo di Vienna e fu anche qui un attivo predicatore, scrivendo anche molte opere in lingua volgare oltre che in latino, prodigandosi anche nella fondazione del convitto per studenti di San Nicola di Vienna.

OpereModifica

BibliografiaModifica

  • R. Leeb et al., Geschichte des Christentums in Österreich. Von der Antike bis zur Gegenwart, Uebereuter, Wien 2003, ISBN 3-8000-3914-1.
  • F. Loidl, Geschichte des Erzbistums Wien, Herold, Wien 1983, ISBN 3-7008-0223-4.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN73844870 · ISNI (EN0000 0001 2139 2857 · LCCN (ENnr91035111 · GND (DE118682946 · BNF (FRcb10728992p (data) · CERL cnp01876513 · WorldCat Identities (ENnr91-035111