John Clute

John Frederick Clute (Toronto, 12 settembre 1940[1]) è uno scrittore, critico letterario specializzato in fantascienza e fantasy canadese che dal 1969 vive in Inghilterra e negli Stati Uniti.

John Frederick Clute

È stato descritto come "una parte integrante della storia della fantascienza"[2] e "forse il più importante lettore-critico di fantascienza dei nostri tempi e uno dei migliori che il genere abbia mai conosciuto".[3]

BiografiaModifica

Nel 1982 ha fondato la rivista inglese Interzone[2] insieme ad altre sette persone, tra le quali Malcolm Edwards, Colin Greenland, Roz Kaveney e David Pringle.

Gli articoli di Clute sulla fiction speculativa sono apparsi in varie pubblicazioni sin dagli anni '60.

É un curatore della The Encyclopedia of Science Fiction (con Peter Nicholls) e della The Encyclopedia of Fantasy (con John Grant), inoltre ha scritto The Illustrated Encyclopedia of Science Fiction, tutte vincitrici di un Premio Hugo per la miglior opera non di fiction.

Nel 1994 la Science Fiction Research Association lo ha premiato con il Pilgrim Award alla carriera per i suoi studi nel campo della fantascienza.

Clute è anche autore delle raccolte di recensioni e saggi Strokes, Look at the Evidence: Essays and Reviews, Scores, Canary Fever e Pardon This Intrusion.

Il suo romanzo del 2001 Appleseed, una space opera ritenuta degna di nota per la sua "combinazione di fecondità ideativa e linguaggio combustibile"[4] è stato inserito dal New York Times tra i "Libri notevoli del 2002".[5]

Nel 2006, Clute ha pubblicato la raccolta di saggi The Darkening Garden: A Short Lexicon of Horror.

La terza edizione della The Encyclopedia of Science Fiction (con David Langford e Peter Nicholls) è stato rilasciata online in versione beta nell'ottobre 2011 e da allora è stata notevolmente ampliata; nel 2012 ha vinto il Premio Hugo per la miglior opera correlata. La pagina delle statistiche della Encyclopedia riporta che, al 24 marzo 2017, Clute era autore della grande maggioranza degli articoli: 6.421 da solo e 1.219 in collaborazione, per un totale di oltre 2.408.000 parole, più del doppio del secondo collaboratore più prolifico, David Langford;[6] la maggior parte sono voci su autori, ma ci sono anche alcune voci sui media, in particolare quella per Star Wars: Il risveglio della Forza.

Clute è stato uno degli ospite d'onore alla 72ª World Science Fiction Convention, dal 14 al 18 agosto 2014.

NoteModifica

  1. ^ ISFDB.
  2. ^ a b Davis.
  3. ^ Csicsery-Ronay.
  4. ^ Di Filippo.
  5. ^ (EN) Notable Books, in The New York Times, 3 dicembre 2002.
  6. ^ (EN) John Clute, David Langford e Peter Nicholls (a cura di), Statistics, in The Encyclopedia of Science Fiction, III edizione online, 2011-2015.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN34454753 · ISNI (EN0000 0001 0937 9860 · LCCN (ENn78007577 · GND (DE128536926 · BNF (FRcb11897113v (data) · BNE (ESXX1707187 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n78007577