Apri il menu principale

John Glenn

astronauta, aviatore e politico statunitense
John Glenn
John Glenn Mercury (small).jpg
Astronauta della NASA
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
StatusDeceduto
Data di nascita18 luglio 1921
Data di morte8 dicembre 2016
Selezione2 aprile 1959
(gruppo 1 NASA)
Primo lancio20 febbraio 1962
Ultimo atterraggio7 novembre 1998
Altre attivitàPilota collaudatore
Tempo nello spazio9 giorni, 7 ore e 34 minuti
Missioni
Data ritironovembre 1998
John Glenn
John Glenn Low Res.jpg
Il Senatore John Glenn

Senatore degli Stati Uniti per l'Ohio
Durata mandato 24 dicembre 1974 - 6 gennaio 1999
Predecessore Howard Metzenbaum
Successore George Voinovich

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Professione
  • Pilota
  • Astronauta
  • Politico

John Herschel Glenn (Cambridge, 18 luglio 1921Columbus, 8 dicembre 2016) è stato un astronauta, aviatore e politico statunitense.

Indice

BiografiaModifica

Di famiglia molto religiosa, passa la sua gioventù con un'educazione rivolta al rispetto e all'amore per la patria. Conosce fin da bambino la sua compagna, che poi diverrà sua moglie, Annie Castor, con la quale avrà due figli, un maschio e una femmina.

Nel 1941, mentre frequenta la locale università, in seguito al bombardamento giapponese di Pearl Harbor si arruola come pilota nel Corpo dei Marines, nel quale partecipa alla campagna delle isole Marshall. Prende parte anche alla guerra di Corea, al termine della quale diventa pilota collaudatore, con diversi record di velocità (Progetto Bullett). Negli anni cinquanta partecipa a numerose trasmissioni televisive, divenendo molto popolare presso il pubblico statunitense.

Nel 1960 viene arruolato tra i Mercury Seven, i primi sette astronauti della NASA destinati al Programma spaziale Mercury. Fu lanciato il 20 febbraio 1962 nella missione Mercury-Atlas 6, diventando il primo statunitense a entrare in orbita attorno alla Terra, rimanendo 4 ore e 55 minuti nello spazio. Il tenente colonnello compì tre orbite intorno alla Terra, eguagliando così Jurij Gagarin. Il suo rientro fu costellato da numerosi problemi tecnici, tra cui un presunto problema allo scudo termico che mise a rischio la vita dell'astronauta. Seguendo la corrente politica dei Kennedy, nel 1964 lasciò la NASA per candidarsi come Senatore per il Partito Democratico. Fu eletto rappresentante dello stato dell'Ohio nel 1974, 1980, 1986, e 1992. Annunciò inoltre la candidatura alla presidenza degli Stati Uniti d'America nell'aprile 1983, ritirandosi nel marzo 1984.

Glenn ritornò nello spazio con lo Space Shuttle nel 1998, a bordo della missione STS-95, dove partecipò a studi sulla fisiologia dell'uomo in età avanzata e i suoi problemi nello spazio, stabilendo, all'età di 77 anni, un nuovo primato.
Massone[1], membro della Loggia "Concord Lodge" N. 688 di New Concord, Ohio[2]. Raggiunse il 32º grado nella Valle di Cincinnati, e l'anno successivo ricevette il 33º ed ultimo grado del Rito scozzese antico ed accettato[3], nel 1965, in occasione della Fiera internazionale di New York, nel padiglione della Gran Loggia di New York fu esposto il gagliardetto massonico, con squadra e compasso, portato da John Glenn nello spazio.[4]. Fece parte dell'De Molay International, un'organizzazione massonica di educatori per adoloscenti[5][6]

Glenn fu ordinato pastore della Chiesa Presbiteriana degli Stati Uniti. La sua fede precedette l'inizio della professione di astronauta, e si rafforzò con i viaggi nello spazio. Al termina della sua seconda e ultima impresa, dichiarò "mi è impossibile vedere una simile creazione senza credere in Dio" e "not believe in God is to me impossible,".[7]. Dichiarò che a suo parere non vi è contraddizione fra la sua fede in Dio e la teoria evoluzionistica, che riteneva "un fatto" e che dovesse essere insegnata nell scuole:[8]: "Non mi sembra di essere meno credente se colgo con favore il fatto che la scienza prenda atto che noi mutiamo con il tempo e con l'evoluzione, e questa è una verità fattuale. Ciò non significa affatto che sia meno meraviglioso e che non possa esistere un qualche potere più grande di ciascuno di noi che sia stato e sia dietro tutto ciò che sta accadendo"[9].

John Glenn muore l'8 dicembre 2016 al James Cancer Hospital, in Ohio, all'età di 95 anni.[10]

CinemaModifica

Al cinema è stato interpretato da:

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Gran Loggia 2017. Massoneria e i suoi trecento anni di modernità, una mostra ricorda i massoni protagonisti del Novecento, su Grande Oriente d'Italia - Sito ufficiale, 4 aprile 2017. URL consultato il 6 aprile 2017 (archiviato il 22 marzo 2017).
  2. ^ Freemasons in Space, John Glenn, sul Sito ufficiale della Grand Lodge of British Columbia and Yukon.
  3. ^ (EN) Glenn sul sito del Supreme Temple Architects Hall of Honor.
  4. ^ Massimo Della Campa, Luce sul Grande Oriente. Due secoli di massoneria in Italia, Milano, Sperling & Kupfer, 2005, p. 124.
  5. ^ Christopher Hodapp, Illus. Brother John H. Glenn Jr, su FreemasonsForDummies.com. URL consultato il 15 dicembre 16 (archiviato il 21 dicembre 2016).
  6. ^ On This Day In History: Astronaut John Glenn Rockets Into History, The Midnight Freemasons, 8 dicembre 2016.
  7. ^ In space, John Glenn saw the face of God: "It just strengthens my faith", in Washington Post, 8 dicembre 2016. URL consultato il 27 marzo 2017 (archiviato il 5 marzo 2017).
  8. ^ John Glenn Says Evolution Should Be Taught In Schools, su The Huffington Post, 20 maggio 2015. URL consultato il 22 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2016).
  9. ^ (EN) Astronaut, Senator and Presbyterian John Glenn saw no conflict between beliefs in God and science, su Religion News Service, 8 dicembre 2016. URL consultato il 27 marzo 2017 (archiviato il 5 marzo 2017).
  10. ^ Addio a John Glenn, primo astronauta Usa a volare in orbita intorno alla Terra, su la Repubblica, Gruppo Editoriale L’Espresso Spa, 8 dicembre 2016. URL consultato il 9 dicembre 2016 (archiviato il 9 dicembre 2016).
  11. ^ Assegnata anche a Neil Armstrong, Buzz Aldrin e Michael Collins.
  12. ^ Acta Específica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN84285469 · ISNI (EN0000 0001 0920 3240 · LCCN (ENn79091232 · GND (DE118966588 · BNF (FRcb15790998z (data)