Apri il menu principale

BiografiaModifica

Si è laureato alla Columbia University di New York.

Prima del suo debutto nella regia, JKH è stato assistente di studi cinematografici presso la Concordia University di Montréal, ha insegnato sceneggiatura alla UCLA e più recentemente presso la Graduate School of Cinema dell'University of Southern California.

Dal 2015 al 2017, ha diretto tre film per la televisione basati sul romanzo "Anne of Green Gables" di L. M. Montgomery. Il primo film ha vinto il Shaw Rocket Prize 2016 e il primo premio al Kidfest 2017. Nel 2014 ha diretto "Christmas in Conway", con Andy García e Mary-Louise Parker. Il suo precedente lavoro era stato "Il coraggio di Irena Sendler" che ha vinto un Emmy Award ed è stato nominato per altri due, oltre a una nomination ai Golden Globe per Anna Paquin. Nel 2010 il film è stato premiato dalla DGA con una nomination come miglior regista televisivo dell'anno.

Tra gli altri suoi film si ricorda The Lois Wilson Story (2010) che ricevette una SAG nomination per Winona Ryder, nell'Old Man (1997) di William Faulkner, che vinse due Emmy Awards, l'Humanities Prize, la Christopher Medal e un Golden Reel. The Water Is Wide, ricevette due Emmy nomination, What the Deaf Man Heardfu nominato agli Emmy come Best Television Movie dell'anno ed è stato il film TV di 2 ore più votato dal 1991. Secondo le statistiche Hallmark Hall of Fame, i 7 film di Harrison sono stati visti da un pubblico di 120 milioni di spettatori.

Nel 2003 sceneggiò e diresse A Bear Named Winnie, nominato per quattro Genie awards, vincendone due. Due anni dopo scrisse e diresse Pope John Paul II, interpretato da Jon Voight.[1]

Altri suoi film televisivi sono Helen of Troy, che vinse un Emmy, A Wrinkle in Time, che vinse Best Feature Film Award all'International Children's Film Festival di Toronto nel 2003 e The Sound and the Silence, vincitore del CableACE Award come Best Foreign Television Movie of the Year.

Fimografia selezionataModifica

NoteModifica

  1. ^ Two Visions of the Man Who Would Become Pope (The New York Times), 28 settembre 2005. URL consultato il 30 maggio 2013.

Collegamenti esterniModifica