Johnny Clegg

cantante, musicista, ballerino e antropologo sudafricano
Johnny Clegg
Johnny-clegg-valenciennes-davidata-14 07 2009.jpg
Johnny Clegg nel 2009
NazionalitàSudafrica Sudafrica
GenerePop
Zulu
Periodo di attività musicale1980 – 2019
Studio18
Live4
Raccolte1
Sito ufficiale

Johnny Clegg (Rochdale, 7 giugno 1953Johannesburg, 16 luglio 2019[1]) è stato un musicista, ballerino e antropologo sudafricano, soprannominato lo "Zulu bianco". Suonò con i gruppi Juluka e Savuka, mischiando lo stile zulu con il pop inglese. In tal modo dette un contributo importante alla musica popolare del Sudafrica.

BiografiaModifica

All'anagrafe Jonathan Clegg, già durante l'infanzia si interessò alla musica da strada e ben presto partecipò a competizioni di danza tradizionale zulu. Successivamente combinò la musica con lo studio dell'antropologia, materia che avrebbe poi insegnato all'Università del Witwatersrand, la stessa in cui si era laureato.

All'inizio degli anni ottanta Clegg si esibì con gli Juluka, la prima formazione musicale interrazziale sudafricana, di cui faceva parte anche Sipho Mchunu; l'apartheid proibiva band di questo tipo, perciò il loro primo disco, Universal Men, non fu mai trasmesso per radio. Ciononostante, divenne molto celebre presso la popolazione, per passaparola.

Il gruppo fece politica implicitamente ma poi anche apertamente attraverso alcune sue canzoni, ad esempio l'album Work for All , dove usò slogan tipici dei sindacati sudafricani. Più tardi sarebbero state ancora più esplicite le canzoni dei Savuka, che nel 1987 incideranno l'album Third World Child, in cui veniva chiesta la liberazione di Nelson Mandela e celebrata la memoria di alcuni martiri della libertà. Gli Juluka sbarcarono in Europa in tour e vinsero due dischi di platino e cinque d'oro.

Nel 1986 la band si sciolse e Clegg aderì ai Savuka.

Nel 1991 Clegg venne nominato Cavaliere delle Arti e delle lettere dalla Repubblica Francese.

A metà degli anni '90 gli Juluka si riunirono per poco e fecero un tour aprendo i concerti di King Sunny Adé. Nel giugno 2004 approdarono per la prima volta in Nordamerica dopo 8 anni, eseguendo 22 concerti in un mese e ottenendo un buon successo, tanto che la tournée venne replicata nel 2005 negli USA e in Canada.

Il loro ultimo album, One Life, fu registrato a Bath con la Real World Records e venne commercializzato il 30 ottobre 2006.

Nel 2004 Clegg fu votato al 23º posto della classifica SABC3's Great South Africans.

Clegg è morto nel luglio 2019 a 66 anni nella sua casa di Johannesburg per un cancro al pancreas, come annunciato dal manager Roddy Quin all'Associated Press. [2]

Vita privataModifica

Dal matrimonio con Jenny nacquero due figli maschi: Jesse, anch'egli cantante e musicista, e Jaron, regista.

Discografia parzialeModifica

 
Johnny Clegg nel 1992

Nota: la seguente lista include lavori di Johnny Clegg sia da solista, sia con Juluka, sia con Savuka.

Album in studioModifica

Album dal vivoModifica

RaccolteModifica

DVD musicaliModifica

Principali studi di Johnny CleggModifica

  • Jonathan Clegg, 1981. "Ukubuyisa Isidumbu", "Bringing back the body": An examination of the ideology of vengeance in the Msinga and Mpofana Rural Locations, 1822-1944. In: Phil Bonner (ed), Working Papers in Southern African Studies, Volume 2, Johannesburg: Ravan Press
  • Jonathan Clegg, 1981. The Music of Zulu Immigrant Workers in Johannesburg: A Focus on Concertina and Guitar. In: Andrew Tracey (ed) Papers presented at the Symposium on Ethnomusicology. Grahamstown: International Library of African Music.
  • Jonathan Clegg, 1982. Towards an understanding of African Dance: The Zulu Isishameni Style. In: Andrew Tracey (ed) Papers read at Second Symposium on Ethnomusicology, 24-26 September 1981, Rhodes University, Grahamstown, South Africa. Grahamstown: Institute of Social and Economic Research.

OnorificenzeModifica

Onorificenze sudafricaneModifica

  Ordine della Ikhamanga in Argento
— 2017[3]

Onorificenze straniereModifica

  Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico (Regno Unito)
— 2015

NoteModifica

  1. ^ Giusy Baioni, Johnny Clegg, morto lo “Zulu Bianco”: amico di Nelson Mandela, cantava contro l’apartheid, in il Fatto Quotidiano, 17 luglio 2019. URL consultato il 17 luglio 2019.
  2. ^ (EN) Cara Anna e Christopher Torchia, Johnny Clegg, anti-apartheid musician in South Africa, dies, in Associated Press, 17 luglio 2019. URL consultato il 17 luglio 2019.
  3. ^ Elenco dei premiati dell'anno 2014.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN51715014 · ISNI (EN0000 0000 7975 2088 · Europeana agent/base/147849 · LCCN (ENn88003932 · GND (DE118905031 · BNF (FRcb120818685 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n88003932