Apri il menu principale

Johnny Marr

cantante, chitarrista e tastierista britannico
Johnny Marr
Johnny Marr University of Salford 2012 crop.jpg
NazionalitàRegno Unito Regno Unito
GenereRock alternativo
Indie pop
Indie rock
Jangle pop
Periodo di attività musicale1982 – in attività
Strumentochitarra, voce, pianoforte, tastiere, armonica a bocca
EtichettaVarie
Gruppo attualeModest Mouse
Gruppi precedentiThe Smiths
Electronic
Johnny Marr and The Healers
The The
Sito ufficiale

Johnny Marr, pseudonimo di John Martin Maher (Ardwick, 31 ottobre 1963), è un chitarrista e cantante britannico.

È divenuto famoso negli anni ottanta come chitarrista degli Smiths. Attualmente risiede a Portland, in Oregon.

BiografiaModifica

Carriera musicaleModifica

The SmithsModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: The Smiths.

Figlio di immigrati irlandesi originari di Athy, nella contea di Kildare[1], Marr imparò a suonare la chitarra dall'amico Billy Duffy, chitarrista dei Cult. Nel 1982, dopo la costituzione degli Smiths, Marr iniziò a scrivere brani con Morrissey. Per completare la formazione del gruppo, i due reclutarono Mike Joyce alla batteria e Dale Hibbert al basso. Dopo il debutto dal vivo al Ritz di Manchester, Hibbert fu sostituito da Andy Rourke, un amico di Marr. Da allora, Morrissey ha iniziato ad utilizzare solo il cognome e Maher ha mutato il proprio in Marr, per evitare di essere confuso con il batterista dei Buzzcocks.

Dopo aver raggiunto il successo commerciale e di critica con l'album The Queen Is Dead, gli Smiths divennero ben presto celebri nel Regno Unito e in Irlanda, ma non ebbero lo stesso seguito altrove. Nonostante fossero una presenza fissa sulle radio dei college statunitensi, l'affermazione commerciale a livello mondiale ci fu solo dopo lo scioglimento del gruppo[senza fonte]. Infatti, Marr alla fine abbandonò gli Smiths a causa delle incomprensioni con Morrissey e del disaccordo sulle scelte musicali[senza fonte].

Dalla nascita degli Smiths alla loro separazione, avvenuta cinque anni dopo, nel 1987, Marr e Morrissey hanno scritto insieme quattro album, oltre a numerose B-side e altri brani inizialmente inediti che sono poi apparsi su raccolte. Ancora oggi, il duo Morrissey-Marr viene lodato dai critici e citato da molti musicisti come uno dei più influenti del periodo in questione[senza fonte].

Da quando Marr ha abbandonato il gruppo, non sono noti tentativi di riunione degli Smiths. In mezzo ad infondate voci di stampa sulla ricostituzione del gruppo, Marr ha eseguito dal vivo How Soon Is Now? con il vecchio compagno di gruppo Andy Rourke durante il concerto di beneficenza Manchester v Cancer, tenutosi alla MEN Arena di Manchester il 28 gennaio del 2006.

Il dopo-SmithsModifica

Dopo la fine degli Smiths nel 1987, Marr ha registrato e suonato dal vivo con i The The, ed ha costituito gli Electronic con Bernard Sumner dei New Order e la partecipazione occasionale di Neil Tennant dei Pet Shop Boys. È inoltre divenuto un richiesto sessionman: ha scritto, suonato dal vivo e registrato, tra gli altri, con Bryan Ferry, The Pretenders, Kirsty MacColl, Karl Bartos dei Kraftwerk, Talking Heads, Black Grape, Billy Bragg, Pet Shop Boys, Beck e Oasis. Inoltre ha fatto da co-produttore per alcuni degli artisti sopra menzionati, oltre ad aver co-prodotto presso i suoi Clear Studios la band degli Haven, di Manchester.

Nel 2000 Marr ha reclutato il batterista Zak Starkey (figlio di Ringo Starr), il chitarrista dei Cavewaves Lee Spencer e l'ex bassista dei Kula Shaker Alonza Bevan per il suo nuovo progetto, Johnny Marr and the Healers. Il gruppo ha impiegato due anni per costituirsi, in quanto Marr voleva che i membri si scegliessero "in base alla chimica". Il loro album di debutto, Boomslang, è stato pubblicato nel 2003, con Marr autore dei testi e voce principale. L'uscita del secondo album era inizialmente prevista per l'aprile del 2005, e poco dopo era programmata una breve tournée, ma Marr ha poi affermato (MEN, maggio 2007) che al momento il gruppo passava in secondo piano. Il batterista Starkey ha lavorato per un periodo con gli Oasis e gli Who, mentre Bevan è di nuovo con i Kula Shaker.

Nel 2006 Marr è divenuto membro ufficiale del gruppo statunitense dei Modest Mouse. Pare che i Modest Mouse avessero detto in giro di cercare "un chitarrista alla Johnny Marr" e che sorprendentemente si sia presentato anche lo stesso Johnny Marr, che avrebbe in questo modo ottenuto il ruolo. Per l'album del gruppo We Were Dead Before The Ship Even Sank del 2007, oltre a suonare la chitarra Marr figura come autore di alcune canzoni insieme al cantante principale Isaac Brock. Ha inoltre partecipato al tour del disco con il gruppo.

L'album ha raggiunto la posizione numero uno delle classifiche statunitensi della rivista Billboard alla fine di marzo 2007. Per Marr è il primo disco che raggiunge la vetta delle classifiche negli Stati Uniti. In precedenza il miglior piazzamento lo aveva ottenuto con gli Electronic, che entrarono nella top 40 negli USA dei singoli con Getting Away With It.

Nel 2007 Marr è stato scelto per tenere una serie di incontri e lezioni agli studenti del corso di musica popolare e registrazione del Bachelor of Arts (Hons) all'università di Salford.

Nel 2008 è entrato a far parte dei Cribs, gruppo indie-rock inglese. Nel 2009 collabora con John Frusciante per due canzoni contenute nel suo undicesimo album solista, The Empyrean.

Nel 2013 pubblica The Messenger, primo disco solista. Nel 2014 è la volta del secondo album solista, Playland.

Nell'ottobre del 2015 pubblica Adrenaline Baby, il suo primo album dal vivo come solista, che contiene riletture di alcuni classici degli Smiths e la cover di I Fought the Law dei The Clash.

Il 15 giugno 2018 esce il suo terzo album da solista, Call the Comet registrato alla Crazy Face Factory di Manchester, luogo famoso per essere stato tra l'altro il set del video di "Love Will Tear Us Apart" dei Joy Division.

CollaborazioniModifica

Marr è apparso su singoli di Sandie Shaw, Everything but the Girl, The Pretenders, Andrew Berry, A Certain Ratio, The Cult, Denise Johnson, Stex, e Black Grape.

Ha collaborato con i Noel Gallagher's High Flying Birds per il singolo Ballad of the Mighty I, presente nell'album Chasing Yesterday del 2015, e con i The Charlatans per l'album Different Days, uscito nel 2017 (sua la chitarra nei brani Future Tense, Plastic Machinery e Not Forgotten).

Vita privataModifica

Marr conobbe sua moglie Angie nel 1979, ben prima della fondazione degli Smiths[2][3], quando lui non aveva che quindici anni d'età, mentre lei quattordici, e dalla quale ha poi avuto due figli (un maschio ed una femmina), Nile e Sonny. Intorno al 1985, durante il periodo di composizione di Meat Is Murder, Marr divenne vegetariano, inizialmente per dimostrare coerenza e solidarietà nei confronti delle idee professate nell'ormai celebre title track dell'album dall'amico e partner Morrissey, oltre che per la sua stessa ragazza Angie (una convinta vegetariana), asserendo di non considerare «una buona idea avere un album in cima alle classifiche chiamato Meat Is Murder ed essere visto mangiare un sandwich al bacon»[4][5]. A seguito poi della frequentazione del trio hip hop Naughty by Nature verso la fine degli anni novanta, decise di adottare il loro stile di vita salutistico, rinunciando all'alcol ed al fumo e divenendo vegano[5][6]. È un acceso tifoso del Manchester City[7].

DiscografiaModifica

Discografia da solistaModifica

Album in studio
Album dal vivo
  • 2015 - Adrenaline Baby
Collaborazioni

Discografia con The SmithsModifica

Discografia con The TheModifica

Discografia con Kirsty MacCollModifica

Discografia con ElectronicModifica

Discografia con Johnny Marr and The HealersModifica

Discografia con Modest MouseModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN24798124 · ISNI (EN0000 0000 7839 1591 · LCCN (ENn93028393 · GND (DE119415070 · BNF (FRcb14001462m (data) · WorldCat Identities (ENn93-028393