Joko Widodo

politico indonesiano, presidente dell'Indonesia dal 20 ottobre 2014

Joko Widodo[1], noto anche come Jokowi, (Surakarta, 21 giugno 1961) è un politico indonesiano, presidente dell'Indonesia a partire dal 20 ottobre 2014.

Joko Widodo
Ritratto ufficiale di Joko Widodo nel 2019

Presidente dell'Indonesia
In carica
Inizio mandato20 ottobre 2014
Vice presidenteJusuf Kalla (2014-2019)
Ma'ruf Amin (2019-2024)
PredecessoreSusilo Bambang Yudhoyono
SuccessorePrabowo Subianto (eletto)

14º Governatore di Giacarta
Durata mandato15 ottobre 2012 –
16 ottobre 2014
PredecessoreFauzi Bowo
SuccessoreBasuki Tjahaja Purnama

Sindaco di Surakarta
Durata mandato28 luglio 2005 –
1º ottobre 2012
PredecessoreSlamet Suryanto
SuccessoreF. X. Hadi Rudyatmo

Dati generali
Partito politicoPartito Democratico Indonesiano di Lotta
FirmaFirma di Joko Widodo

Biografia

modifica
 
Jokowi con Mahathir Mohamad, 2019

Di origine giavanese e, prima di cambiare il suo nome (decisione non insolita a Giava), all'anagrafe "Jokowi Mulyono", il padre di Joko Widodo era di Karanganyar, mentre i suoi nonni provenivano da un villaggio a Boyolali. La sua educazione iniziò alla Scuola Primaria Statale 111, a Tirtoyoso. All'età di dodici anni iniziò a lavorare nel laboratorio di mobili di suo padre. Gli sgomberi, vissuti per tre volte durante la sua infanzia, hanno influenzato il suo modo di pensare e la sua guida in seguito, come il sindaco di Surakarta, quando dovette affrontare il problema degli alloggi in città.

Dopo la scuola primaria proseguì i suoi studi alla scuola media SMP Negeri 1 Surakarta. Avrebbe voluto continuare la sua formazione nella scuola superiore SMA Negeri 1 Surakarta ma fallì l'esame di ammissione e si iscrisse alla scuola SMA Negeri 6 Surakarta. In seguito, si laureò presso la Facoltà di Scienze Forestali presso l'Università di Gadjah Mada, a Yogyakarta, nel 1985, per studiare e ricercare l'uso del compensato. Jokowi iniziò poi a lavorare presso un'impresa statale chiamata PT Kertas Kraft Aceh,[2] ma si licenziò non molto tempo dopo a causa del suo disinteresse. Ha poi iniziato a lavorare nella fabbrica di mobili del nonno, prima di fondare una sua compagnia chiamata Rakabu, chiamata come il suo primo figlio.

Il buon prodotto della sua società raggiunse una fama di livello internazionale, in quanto cominciò ad esportare anche in Occidente. In particolare, fu in Francia che il suo prodotto fece il primo ingresso nel mercato europeo. Ciò avvicinò Widodo a un cliente di nome Bernard, che per primo gli diede il soprannome con cui è famoso: "Jokowi". Infine decise di diventare un politico, in modo da poter trasformare la sua città natale, Surakarta, dopo aver visto l'aspetto pulito delle città d'Europa, promuovendo nel contempo i suoi mobili.

Nel 2014 viene eletto presidente dell'Indonesia.[3] A seguito delle elezioni del 2019 ottiene un secondo mandato.[4] Nell'agosto 2019 ha annunciato il progetto di spostare la capitale amministrativa del Paese da Giacarta ad un'area di proprietà del governo di circa 180.000 ettari, coperta di foresta, vicino alle città di Balikpapan e Samarinda, tra i distretti di Penajam Paser e Kutai Kertanegara, nella provincia del Kalimantan Orientale, sull'isola del Borneo, in una nuova città chiamata Nusantara.[5]

Onorificenze

modifica

Onorificenze indonesiane

modifica

Onorificenze straniere

modifica
  1. ^ Joko Widodo non ha un cognome. Entrambe le parole fanno parte del prenome: Le persone senza cognome, su ilpost.it, 9 gennaio 2023. URL consultato il 9 gennaio 2023.
  2. ^ (ID) Francisca Ria Susanti,Kristin, Saya Sujiatmi, Ibunda Jokowi, Gramedia Pustaka Utama, 17 aprile 2014, ISBN 978-602-03-0444-1. URL consultato il 2 dicembre 2023.
  3. ^ (EN) Widodo Wins Indonesia Presidential Election, Rival Alleges Fraud, su Voice of America, 22 luglio 2014. URL consultato il 2 dicembre 2023.
  4. ^ (EN) Joko Widodo re-elected Indonesia’s president, su France 24, 20 maggio 2019. URL consultato il 2 dicembre 2023.
  5. ^ Indonesia, l'annuncio del presidente: "Giacarta affonda, la nuova capitale sorgerà nel Borneo", su Repubblica.it, 27 agosto 2019. URL consultato il 28 agosto 2019.
  6. ^ English News, su englishnews.thaipbs.or.th. URL consultato il 9 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2017).
  7. ^ Jokowi Receives King Abdul Azis Medal, in Tempo.co, 12 settembre 2015. URL consultato il 12 settembre 2015.
  8. ^ President Jokowi Receives Highest Medal of Honour from Timor Leste, 26 gennaio 2016. URL consultato il 26 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2017).
  9. ^ Agong attends Sultan of Brunei's Golden Jubilee royal banquet

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN250779999 · ISNI (EN0000 0003 7126 0611 · LCCN (ENn2011203788 · GND (DE1069359149