Apri il menu principale

Jonathan Latimer

giornalista, scrittore e sceneggiatore statunitense

Jonathan Latimer (Chicago, 23 ottobre 1906La Jolla, 23 giugno 1983) è stato un giornalista, scrittore e sceneggiatore statunitense.

BiografiaModifica

Nato da una famiglia di antiche origini, studia dapprima in Arizona, poi in Illinois e, nel 1929, si laurea al Knox College. Inizia subito a lavorare come cronista di nera al Chicago Herald-Examiner per passare poi al Chicago Tribune. In questi anni conosce personalmente l'ambiente gangsteristico della città e i suoi esponenti di punta tra cui Al Capone. La sua facilità di scrittura lo mette spesso nelle condizioni di dover riscrivere gli articoli dei colleghi, e un suo pezzo sull'allora Segretario di Stato Harold Ickes gli frutta l'offerta di entrare nello staff dello stesso Ickes per scriverne i discorsi. Latimer svolgerà questa attività per sette anni, fino al 1940, scrivendo anche per altri esponenti di primo piano della politica statunitense.

Nel 1935 pubblica il suo primo romanzo, Destinazione: sedia elettrica (Headed for a Hearse). Ne scriverà altri sette, fino al 1941. Dal 1942 al 1945 combatterà in marina. In seguito pubblicherà solo altri due romanzi, uno nel 1955 e un altro nel 1959.

Nel 1940 si trasferisce a La Jolla in California, vicino di casa e ottimo amico del più noto collega Raymond Chandler.

Nel frattempo, nel 1939, Latimer aveva anche intrapreso la carriera di sceneggiatore cinematografico. Scrisse così una ventina di sceneggiature, che gli diedero una buona fama e discreti guadagni. Nel 1958 abbandonò il cinema per dedicarsi a soggetti e sceneggiature per la televisione. Lavorò a serie di grande successo come "Markham" (10 episodi nel 1959), "Checkmate", "Perry Mason" con Raymond Burr (per cui sceneggiò dal 1960 al 1965 ben 45 episodi) e "Hong Kong" (5 episodi nel 1960). L'ultimo suo lavoro è del 1972: la sceneggiatura dell'episodio intitolato "Il terzo proiettile" ("The Greenhouse Jungle") della serie "Colombo" con Peter Falk. Nel 1973 Latimer cessa ogni attività letteraria. Scompare dieci anni dopo, il 23 giugno 1983, per un tumore.

OpereModifica

Sono indicati nell'ordine: il titolo italiano, l'editore e l'anno della prima edizione italiana, il titolo originale e l'anno di pubblicazione.

Romanzi con Bill CraneModifica

Altri romanziModifica

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r Scheda dettagliata SBN, su id.sbn.it. URL consultato il 4 aprile 2012.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN112201973 · ISNI (EN0000 0001 1699 2882 · LCCN (ENn80024547 · GND (DE119120720 · BNF (FRcb11911235h (data) · WorldCat Identities (ENn80-024547