Apri il menu principale

Jonny Lang

musicista, chitarrista e cantante statunitense
Jonny Lang
Jonny Lang (gospel singer).jpg
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereBlues
Electric blues
Blues rock
Periodo di attività musicale1993 – in attività
Sito ufficiale

Jonny Lang, Jon Gordon Langseth Jr. (Fargo, 29 gennaio 1981), è un musicista, chitarrista, cantante e compositore statunitense, noto soprattutto per il suo modo di cantare che ricorda molto lo stile anni quaranta.

BiografiaModifica

Jonny Lang cominciò a suonare la chitarra all'età di dodici anni dopo che il padre lo portò a vedere un concerto dei Bad Medicine Blues Band, uno dei pochi gruppi blues presenti a Fargo. Dopo quell'episodio Lang comincerà a prendere lezioni di chitarra da Ted Larsen, il chitarrista proprio dei Bad Medicine Blues Band. Alcuni mesi dopo aver preso lezioni sarà proprio il giovane Jonny a diventare chitarrista di quel gruppo, che dopo tale cambiamento verrà rinominata "Kid Jonny Lang & the Big Bang". La band si sposta a Minneapolis - Minnesota dove registra da gruppo indipendente l'album Smokin quando Lang ha ancora solo quindici anni.

La CarrieraModifica

La carriera del giovane artista è un raro esempio di giovanissimo talento che brucia le tappe a incredibile velocità, infatti all'età di quindici anni firma con A&M Records, e già l'anno seguente (1997) pubblica Lie to Me, un album di incredibile successo e accolto dalla critica come un capolavoro. L'anno seguente esce il suo secondo album Wander This World, che ottiene addirittura una nomination per i Grammy. Dopo questo secondo successo passeranno altri cinque anni per vederne un terzo, è infatti nel 2003 che esce Long Time Coming, dove è contenuta inoltre una cover di "Dying To Live" di Edgar Winter. Nel 2006 esce il suo quarto album, il consacrante Turn Around, disco dalle accentuate influenze gospel che lo porta a vincere un Grammy Awards, seguito a distanza di tre anni nel 2009 dal live "Jonny Lang Live at the Ryman" che vede la partecipazione di Barry Alexander alla Batteria, Jim Anton, Basso e Voci, Tommy Barbarella Tastiere, Paul Blakemore Mastering, Jason Eskridge – Percussioni, seconda Voce, Sonny Thompson – Chitarre, Voci, l'album è arrivato al 2 posto nella classivica di Billboard riservata agli album Blues; Nel 2013 esce Fight for my soul che raggiunge il 50 posto nella classifica top 200 di Bilboard, il numero 1 in quella dedicata al Blues e il numero 2 in quella dedicata ai musicisti cristiani. (Jonny si è convertito al cristianesimo nel 2000, dopo la sua decisione di disintossicarsi dalle droghe).

Nella sua carriera il talentuoso chitarrista è stato in tournée con vari importantissimi artisti, tra i quali: Rolling Stones, Aerosmith, Buddy Guy e B.B. King. Per di più ha suonato alla casa bianca nel 1999 ed è stato invitato da Eric Clapton a partecipare al Crossroads Guitar Festival.

StrumentazioneModifica

Lang suona abitualmente delle chitarre Benedict, prodotte a Minneapolis, anche se predilige una Fender Telecaster Thinline col corpo in abete, il top in acero e il manico in acero figurato, i pickup sono dei Bill Lawrence al manico e al ponte e un Seymour Duncan P-10 al centro. Talvolta utilizza anche una Gibson Les Paul. Per quanto riguarda gli effetti adopera una Wah Wah modello Vox 847 Reissue, ma solo in alcune canzoni, e di regola l'amplificatore è un Fender Deluxe Reverb Reissue.

CuriositàModifica

  • La sorella più piccola di Jonny Lang, Jesse Langseth è anch'essa una cantante e ha partecipato come semifinalista alle sessioni dell'ottava edizioni di American Idol.
  • Compare in un cameo nel film Blues Brothers: Il mito continua, interpretando un inserviente e partecipando alla canzone 6345789 con Eddie Floyd e Wilson Pickett (che la cantava originalmente).[1][2][3]
  • Nell'anno 2000 si converte ufficialmente al Cristianesimo, a cui precedentemente era contrario,[4] dichiarando di lasciare alle spalle anni di abusi di alcool e droghe,[5][6] dopo aver avuto un'esperienza sovrannaturale con lo Spirito Santo.[6]

DiscografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ vollmerv2, Eddie Floyd Wilson Pickett Johnny Lang 6345789, 28 giugno 2008. URL consultato l'11 agosto 2018.
  2. ^ (EN) Jonny Lang – Guitar Prodigy and Blues Brothers 2000 | South Shore Music Circus, in South Shore Music Circus, 28 febbraio 2018. URL consultato l'11 agosto 2018 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2018).
  3. ^ TheContrarywind, Blues Brothers 2000 (1998) 634-5789, 7 novembre 2011. URL consultato l'11 agosto 2018.
  4. ^ (EN) 'I Hated Christianity', in Crosswalk.com. URL consultato l'11 agosto 2018.
  5. ^ (EN) Jonny Lang: 'Fame Is an Illusion', su www.beliefnet.com. URL consultato l'11 agosto 2018.
  6. ^ a b Jonny Lang: From the Blues Brothers to Christian brother - Jonny Lang, su www.crossrhythms.co.uk. URL consultato l'11 agosto 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN7585303 · ISNI (EN0000 0003 6858 5837 · LCCN (ENno97062337 · GND (DE135038812 · BNF (FRcb14007293s (data) · WorldCat Identities (ENno97-062337