Apri il menu principale
José Joaquín de Olmedo y Maruri

José Joaquín de Olmedo y Maruri (Guayaquil, 19 marzo 178019 febbraio 1847) è stato un politico e poeta ecuadoriano.

Indice

BiografiaModifica

Rappresentante di Guayaquil a Cadice dal 1811 e primo ministro del governo rivoluzionario dal 1816, fu presidente dell'Ecuador nel 1845.

La sua formazione fu neoclassica ed illuminista e a questi ideali restò fedele anche quando si avvicinò alle nuove tendenze romantiche.[1]

Le sue fonti di ispirazione poetica furono i settecentisti spagnoli, da Manuel José Quintana a Nicasio Álvarez de Cienfuegos, ai quali in un secondo tempo si aggiunsero le lezioni del maestro François-René de Chateaubriand di Atala.

Le sue Poesie comprendono una novantina di composizioni, scritte in un intervallo di tempo che va dal 1802 al 1847, e due di loro sono fondamentali per la poesia latino-americana: i carmi La victoria de Junin - Canto a Bolivar (1825) e Al general Flores, vencedor en Miñarica (1835).[1]

I due carmi si caratterizzarono per lo spirito di fraternità, di liberalismo americano, per la forza espressiva, per l'originalità delle immagini.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c le muse, VIII, Novara, De Agostini, 1967, p. 365.

BibliografiaModifica

  • AA. VV., Dizionario Letterario Bompiani. Autori, Milano, Bompiani, 1957, vol. III, O-Z, p. 8.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN68942013 · ISNI (EN0000 0001 0911 8839 · LCCN (ENn80144818 · GND (DE118787039 · BNF (FRcb12020706v (data) · CERL cnp00588834