Josef Dietrich

generale tedesco
Josef Dietrich
Bundesarchiv Bild 183-J27366, Sepp Dietrich.jpg
Josef Dietrich
SoprannomeSepp
NascitaHawangen, 28 maggio 1892
MorteLudwigsburg, 21 aprile 1966
Dati militari
Paese servitoGermania Impero Tedesco
Germania Repubblica di Weimar
Germania Germania nazista
Forza armataKaiserstandarte.svg Deutsches Heer
Flag of the SA (Sturmabteilung).svg Sturmabteilung
Flag of the Schutzstaffel.svg Waffen-SS
Anni di servizio1914 - 1945
GradoSS-Oberst-Gruppenführer (Colonnello generale)
GuerrePrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
CampagneCampagna di Polonia
Campagna di Francia
Campagna dei Balcani
Operazione Barbarossa
Operazione Overlord
Offensiva delle Ardenne
Operazione Frühlingserwachen
BattaglieBattaglia di Caporetto
Invasione della Jugoslavia
Operazione Marita
Battaglia di Budapest
Comandante di1. SS-Panzer-Division Leibstandarte SS Adolf Hitler
5. Panzerarmee
6. SS-Panzer-Armee
DecorazioniПланка железного креста 1 класс.png Планка Железного креста 2 класс.png Ord.Merit.Mil.Bavaria.PNG
Ribbon of Knight's Cross of the Iron Cross in Gold With Oak Leaves,Swords and Diamonds.png DEU EK 1Kl 1939Clasp BAR.svg DEU EK 2Kl 1939Clasp BAR.svg
Anschluss Medal Bar.PNG Ostmedaille Band.png Sudetenland Medal Bar.PNG
Лента нагрудного знака за ранение - Серебро (1939).svg
Frase celebre"Hitler mi chiede semplicemente di attraversare un fiume, prendere Bruxelles, e poi proseguire alla conquista di Anversa. E tutto questo passando per le Ardenne nel peggior periodo dell'anno, quando la neve ti arriva alla cintola e non c'è spazio per tenere affiancati quattro carri armati, per non parlare di divisioni corazzate; quando non fa luce fino alle otto e torna a essere buio alle quattro; con divisioni ricostituite composte perlopiù di ragazzi e vecchi malati - e a Natale"
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Josef Sepp Dietrich (Hawangen, 28 maggio 1892Ludwigsburg, 21 aprile 1966) è stato un generale tedesco tra i più noti delle Waffen-SS e uno dei più vicini uomini di Hitler. Godette di grande popolarità da parte dei suoi uomini al comando di varie divisioni corazzate SS, su entrambi i fronti. Fu uno dei soli 27 uomini ad essere insignito della Croce di Cavaliere della croce di ferro con Fronde di Quercia, Spade e Diamanti, tra le più alte onorificenze del III Reich.

Raggiunse il grado di SS-Oberst-Gruppenführer und Panzer-Generaloberst der Waffen-SS, ossia generale d'armata SS, il grado più alto delle Waffen-SS, e fu comandante dapprima della 1. SS-Panzer Division Leibstandarte SS Adolf Hitler, successivamente del I SS-Panzerkorps ed infine della 6ª armata corazzata: un suo ritratto ci è offerto nel libro Il gladiatore di Hitler di Joachim von Ribbentrop. Sepp Dietrich era un individuo rude e violento, che aveva cominciato la sua carriera come autista e comandante delle guardie del corpo di Hitler. I suoi metodi sbrigativi ottenevano lo scopo desiderato, il che compiaceva particolarmente Hitler: l'atteggiamento di Dietrich, che rispondeva pienamente ai suoi ideali, non era certo il risultato dell'addestramento militare tradizionale. Inoltre, Dietrich aveva il merito, agli occhi del Führer, di non discutere mai gli ordini.

BiografiaModifica

Nato nel 1892, a Hawangen, in Baviera, fu apprendista macellaio, si arruolò nell'Esercito Imperiale tedesco nel 1911 e combatté nella prima guerra mondiale col grado di sergente nelle prime unità corazzate dell'esercito tedesco. Dietrich entrò nelle SS nel 1928, avendo aderito, fin dal 1923 alle SA. I primi ruoli di rilievo che ricoprì furono quelli di autista del Führer e responsabile della sua guardia del corpo, mentre nel 1931 fu anche eletto parlamentare al Reichstag.

Scrive di lui Franz Kurowski, autore di molti studi sulla seconda guerra mondiale: "Un autentico soldato di prima linea, egli sa come sbrogliarsela con le sue truppe anche nel peggiore momento di una battaglia e sa come reimpiegarle per un fatale contrattacco".

Dietrich condusse i soldati delle SS nella campagna di Francia, durante i giorni di Dunkerque, nell'invasione di Grecia e Jugoslavia, e nel 1941-1942 in Russia. Ottenne le maggiori onorificenze al valore del III Reich, ed era solito partecipare agli scontri con i propri uomini. La lealtà verso le sue truppe pare l'abbia anche portato a conflitti con Himmler.

Egli guidò anche la 6. Panzerarmee durante il contrattacco delle Ardenne nel dicembre 1944, che rallentò sensibilmente gli statunitensi. Dietrich comunque si mostrò inizialmente scettico nei confronti dell'operazione:

«Hitler mi chiede semplicemente di attraversare un fiume, prendere Bruxelles, e poi proseguire alla conquista di Anversa. E tutto questo passando per le Ardenne nel peggior periodo dell'anno, quando la neve ti arriva alla cintola e non c'è spazio per tenere affiancati quattro carri armati, per non parlare di divisioni corazzate; quando non fa luce fino alle otto e torna a essere buio alle quattro; con divisioni ricostituite composte perlopiù di ragazzi e vecchi malati - e a Natale.[1]»

Dietrich si spostò sul fronte orientale, in Ungheria, combattendo fino all'ultimo contro i sovietici per la difesa di Vienna.

 
Dietrich (a sinistra) nel gennaio 1945, durante l'offensiva delle Ardenne.

Accompagnato da sua moglie, Dietrich si arrese il 9 maggio 1945 al sergente maggiore Herbert Kraus della 36ª Divisione di fanteria U.S. a Krems an der Donau a nord di St. Pölten, in Austria. Le sue armate si erano consegnate al generale statunitense George Patton l'8 maggio 1945. Dietrich fu processato e condannato a 25 anni di carcere perché ritenuto responsabile dell'eccidio di prigionieri americani avvenuto nella zona di Malmedy, durante la controffensiva tedesca sul fronte francese delle Ardenne.

Il 17 dicembre 1944 le unità di SS sotto il suo comando uccisero 77/82 prigionieri americani. Le sue truppe, soprattutto sul fronte russo e nei Balcani, si distinsero per le dure rappresaglie contro i partigiani sovietici e titini.

Scontati circa dieci anni, fu rilasciato nel 1955, ma tornò in prigione per 18 mesi, avendo subito una seconda condanna per il massacro delle SA del 1934 (la Notte dei lunghi coltelli), nella quale aveva avuto un ruolo di rilievo.

Morì a 74 anni, il 21 aprile 1966, per un attacco di cuore, presso Ludwigsburg, nella Germania Ovest. L'elogio funebre fu tenuto dall'SS-Obergruppenführer und General der Waffen-SS Wilhelm Bittrich.

OnorificenzeModifica

Onorificenze tedescheModifica

Prima Guerra Mondiale

  Croce di Ferro di I Classe
  Croce di Ferro di II Classe
  Croce d'onore della Grande Guerra
  Croce di III Classe con spade dell'Ordine al Merito Militare di Baviera

Seconda Guerra Mondiale

  Croce di Cavaliere con Fronde di Quercia, Spade e Diamanti dell'Ordine della Croce di Ferro
  • 6 agosto 1944
  • Fronde di Quercia e Spade 14 marzo 1943
  • Fronde di Quercia 31 dicembre 1941
  • Croce di Cavaliere della Croce di Ferro 4 luglio 1940
  Croce di Ferro di I Classe (con fibbia 1939)
  Croce di Ferro di II Classe (con fibbia 1939)
  Medaglia "In memoria del 13 marzo 1938"
  Medaglia del fronte orientale
  Medaglia della Sudetenland
  Distintivo per feriti in argento
  Panzerkampfabzeichen in Silber
  Distintivo da pilota/osservatore in oro con diamanti
  Medaglia di lungo servizio nelle SS (12 anni)

Decorazioni politiche del Partito Nazista

  Ordine del Sangue
  Medaglia di I classe della Decorazione al Merito Olimpico
  Insegna d'Oro del Partito Nazional Socialista dei Lavoratori Tedeschi
  Medaglia di lungo servizio nel NSDAP (15 anni)
  SS-Ehrenring
  Spada d'onore delle SS

Onorificenze straniereModifica

  Croce al merito militare (Impero austro-ungarico)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona (Regno di Romania)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (Regno d'Italia)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia (Regno d'Italia)
  Cavaliere di Gran Croce Ordine militare di Savoia (Regno d'Italia)

NoteModifica

  1. ^ Hastings 2006, p. 273.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN48241833 · ISNI (EN0000 0001 1461 0430 · LCCN (ENn86036393 · GND (DE11888932X · BNF (FRcb12201816m (data) · WorldCat Identities (ENn86-036393