Joseph Édouard de La Motte-Rouge

generale francese
Joseph Édouard de La Motte-Rouge
Général Joseph Édouard de La Motte-Rouge.jpg
Il generale Joseph Édouard de La Motte-Rouge[1]
NascitaPléneuf-Val-André, 3 febbraio 1804
MorteHénansal, 29 gennaio 1883
Dati militari
Paese servitoFrancia Regno di Francia
Seconda Repubblica francese
Secondo impero francese
Forza armataFranciaEsercito del Secondo Impero francese
Armée française
ArmaArmée de terre
Anni di servizio1819 - 1870
GradoGenerale di Divisione
GuerreGuerra di Crimea
Seconda guerra d'indipendenza italiana
BattaglieBattaglia dell'Alma
Battaglia di Inkerman
Battaglia di Magenta
Battaglia di Solferino e San Martino
Studi militariÉcole spéciale militaire de Saint-Cyr
voci di militari presenti su Wikipedia

Joseph Édouard de La Motte-Rouge (Pléneuf-Val-André, 3 febbraio 1804Hénansal, 29 gennaio 1883) è stato un generale francese.

BiografiaModifica

Joseph Édouard de La Motte-Rouge nacque a Pléneuf-Val-André, nel dipartimento francese della Côtes-du-Nord, il 3 febbraio 1804, da Joseph Marie de La Motte-Rouge, signore di La Motte-Rouge, e di sua moglie Agathe Julie de La Motte de La Guyomarais.

Intrapresa la carriera militare, si formò presso la scuola militare di Saint-Cyr dal 1819 al 1821. Fu destinato come luogotenente inferiore del 22º Battaglione di fanteria di linea nella spedizione di Spagna del 1823, ove rimase ferito. Successivamente partecipò ai combattimenti di A Coruña e di San Sebastián, e fece parte delle forze d'occupazione a Madrid fino al 1825.

Nel 1830 prese parte alla rivoluzione belga, combattendo agli ordini del maresciallo Étienne Maurice Gérard e partecipando ai combattimenti contro il Regno d'Olanda che terminarono con la prea di Anversa del dicembre del 1832, venendo promosso capitano.

Il 12 aprile 1840 sposò Clémentine Marie Pocquet de Livonnière.

Successivamente venne nominato generale di brigata poco tempo il dopo il colpo di Stato in Francia del 1851 che a portò al potere Luigi Napoleone. Ferito a Varna durante la guerra di Crimea del 1853-1856, prese parte alla battaglia dell'Alma, distinguendosi poi nella battaglia di Inkerman. Promosso generale di divisione nel giugno 1855, ottenne il comando della 2ª Divisione dell'Armata d'Oriente, distinguendosi ancora nella battaglia di Traktir.

Fu comandante della 15ª Divisione militare a Nantes, della 1ª Divisione del 2° Corpo d'armata comandato dal generale Patrice de Mac Mahon, col quale combatté la seconda guerra d'indipendenza italiana del 1859. La sua divisione partecipò alla battaglia di Turbigo ed alla battaglia di Magenta, combattute rispettivamente il 3 e il 4 giugno 1859. Lo stesso corpo militare ebbe un ruolo fondamentale nella battaglia di Solferino e San Martino del 24 giugno 1859.

Joseph Edouard svolse anche attività politica divenendo candidato alle elezioni della circoscrizione della Côtes-du-Nord del 1869.

Prese parte quindi alla battaglia di Sedan del 1870 ottenendo il comando della 15ª Divisione militare e poi dell'Armée de la Loire. Ottenuto il governatorato di Orléans il 6 ottobre 1870, fu costretto a lasciare la città pochi giorni dopo il suo insediamento, l'11 ottobre, a seguito della sconfitta contro i prussiani, venendo immediatamente destituito e rimpiazzato dal generale Louis d'Aurelle de Paladines.

Morì nel suo castello de la Motte a Hénansal, il 29 gennaio 1883. Due anni dopo la sua morte, la città di Nantes gli intitolò il ponte "Général-de-la-Motte-Rouge".

OnorificenzeModifica

Onorificenze francesiModifica

  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore
  Medaille Commémorative de la Campagne d'Italie de 1859
  Médaille commémorative de la expedition in Mexique

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Stanislao (Impero russo)
  Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (Regno di Sardegna)
  Cavaliere di II classe dell'Ordine di Medjidié (Impero ottomano)
  Cavaliere Commendatore dell'Ordine del Bagno (Regno Unito)
  Medaglia inglese della Guerra di Crimea (Regno Unito)

NoteModifica

  1. ^ Ritratto di Émilie Rouillon, Castello di La Motte-Rouge, Hénansal.

BibliografiaModifica

  • Robert e Cougny, Dictionnaire des Parlementaires français, (1889)
  • L. Méhédin Album Campagne d'Italie, 1859, Musée de l'Armée, Dist RMN, Parigi
  • A. De Cesena Campagne de Piemonte et de Lombardie en 1859, Garnier Fréres Libraires Editeurs, Parigi, 1860

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN173103150 · WorldCat Identities (EN173103150