Joshua King

calciatore norvegese

Joshua Christian Kojo King (Oslo, 15 gennaio 1992) è un calciatore norvegese con passaporto gambiano, attaccante del Fenerbahçe e della nazionale norvegese.

Joshua King
Chelsea 0 Bournemouth 1 (cropped).jpg
King con la maglia del Bournemouth nel 2015
Nazionalità Norvegia Norvegia
Altezza 187 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Fenerbahçe
Carriera
Giovanili
1998-2006Romsås
2006-2008Vålerenga
2008-2010Manchester Utd
Squadre di club1
2010-2011Preston N.E.8 (0)
2011-2012Borussia M'gladbach2 (0)
2012Hull City18 (1)
2012-2015Blackburn62 (5)
2015-2021Bournemouth173 (48)
2021Everton11 (0)
2021-2022Watford32 (5)
2022-Fenerbahçe0 (0)
Nazionale
2007-2008Norvegia Norvegia U-154 (2)
2008-2009Norvegia Norvegia U-163 (1)
2009-2010Norvegia Norvegia U-182 (2)
2010-2011Norvegia Norvegia U-192 (1)
2011-2013Norvegia Norvegia U-218 (1)
2012-Norvegia Norvegia62 (20)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Bronzo Israele 2013
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 14 luglio 2022

BiografiaModifica

King è nato ad Oslo, da padre gambiano e madre norvegese, origini che lo accomunano al connazionale John Carew.[1] Crebbe in un sobborgo della capitale, Romsås.

CarrieraModifica

ClubModifica

Gli iniziModifica

King iniziò a giocare a calcio nel Romsås, entrando nella formazione giovanile del club all'età di 6 anni. Nel 2006, il quattordicenne attaccante passò al Vålerenga, senza collezionare presenze in prima squadra. L'anno seguente, fu notato dagli osservatori del Manchester United durante un'edizione del programma di scuola calcio estiva gestito da Ole Gunnar Solskjær.

L'approdo in InghilterraModifica

Gli esordi nel Manchester UnitedModifica

King firmò per i Red Devils il 16 gennaio 2008, debuttando per la formazione Under-18 il 29 marzo, in una sconfitta per 5-1 contro i pari età del Sunderland.[2] Cominciò la stagione successiva realizzando 4 reti in altrettanti incontri per la squadra Under-17, contribuendo in questo modo al successo nell'edizione annuale della Milk Cup.[3][4][5][6] Giocò anche 2 incontri all'inizio della Premier Academy League 2008-2009, prima che un infortunio lo costrinse a restare lontano dai campi fino al gennaio successivo.[7][8][9]

Il 31 gennaio 2009, due incontri dopo il suo rientro, segnò una doppietta nel successo per 5-0 sul Bolton.[10] La settimana successiva fu in panchina in un incontro valido per la Manchester Senior Cup contro lo Stockport County,[11] prima di debuttare, tre giorni dopo, nella formazione delle riserve sostituendo Robert Brady in una gara di Premier Reserve League contro il Bolton.[12] Rimase fuori per un mese a causa di un infortunio, ma recuperò in tempo per giocare l'ultima parte del campionato Under-18, nel quale il Manchester United si classificò al secondo posto, 19 punti dietro ai vincitori del Manchester City.

All'inizio della stagione seguente, King scese in campo in sostituzione di Zoran Tošić nella finale del Lancashire Senior Cup, nel successo per 1-0 sul Bolton.[13] Fu poi titolare nelle prime tre gare della squadra riserve[14][15][16] e le sue prestazioni furono ricompensate con un posto in panchina per il terzo turno della Football League Cup 2009-2010 contro il Wolverhampton, in data 23 settembre 2009. Gli fu assegnata la maglia numero 41 ed entrò in campo in sostituzione del match winner Danny Welbeck, a circa dieci minuti dal termine della sfida. Nonostante avesse avuto due possibilità per incrementare il vantaggio della sua squadra, la partita si concluse con il punteggio di 1-0.[17]

Il prestito a PrestonModifica

Il 7 agosto 2010 firmò un contratto di prestito dalla durata trimestrale con il Preston North End, compagine di Championship, diventando il 1000º calciatore della storia del club e raggiungendo l'ex compagno di squadra Matthew James, anch'egli in squadra con la formula del prestito.[18] Debuttò il giorno successivo, sostituendo Paul Hayes nella sconfitta per 2-0 del Preston contro il Doncaster.[19]

Il primo gol per la nuova squadra arrivò nel suo secondo incontro, valido per il primo turno della Football League Cup 2010-2011 e giocato contro lo Stockport County: dopo essere entrato in campo al posto di Chris Brown, raccolse un rinvio del suo portiere Andrew Lonergan e batté l'estremo difensore avversario, fissando il punteggio sul definitivo 5-0. Poco prima, fornì l'assist per la rete del momentaneo 4-0, siglato da Paul Hayes.[20]

L'esperienza al Borussia MönchengladbachModifica

Ad agosto 2011, King passò in prestito al Borussia Mönchengladbach. L'accordo tra i due club fu annunciato dal direttore sportivo del club tedesco, Max Eberl, in occasione di un meeting dei dirigenti della squadra del 29 maggio,[21] ma il trasferimento fu momentaneamente bloccato da un infortunio all'inguine del calciatore, che richiese un'operazione.[22] L'accordo fu ufficializzato il 22 luglio, mentre i suoi termini restarono privati.[23] La felice conclusione del negoziato, però, fu soggetta ad esami medici da eseguire su King in data 1º agosto.[23] Sbrigata questa formalità, si allenò a parte dal 2 agosto,[24] per essere aggregato ai compagni poco dopo.[25]

Il calciatore esordì nella Bundesliga il 19 agosto, subentrando a Mike Hanke nella vittoria per 4-1 del suo Borussia sul Wolfsburg.[26] Il 5 gennaio 2012 tornò al Manchester United, a causa di alcuni problemi fisici.[27]

Il prestito all'Hull CityModifica

Il 16 gennaio 2012 passò allora in prestito allo Hull City, per il resto della stagione.[28] Il 21 gennaio, debuttò con questa casacca: sostituì Liam Rosenior nella vittoria per 0-1 sul campo del Reading.[29] Il 9 aprile, realizzò l'unica rete per i Tigers: contribuì al successo per 2-1 sul Middlesbrough.[30]

Il ritorno allo United e il passaggio al BlackburnModifica

A fine stagione, fece ritorno al Manchester United. Il 20 novembre 2012, giocò la prima partita in Champions League: subentrò infatti a Danny Welbeck nella sconfitta per 1-0 in casa del Galatasaray.[31] Pochi giorni dopo, precisamente il 22 novembre, passò in prestito al Blackburn, fino al gennaio successivo.[32] Il 2 gennaio 2013, il Blackburn ne acquistò il cartellino a titolo definitivo.[33]

Bournemouth ed EvertonModifica

Il 28 maggio 2015, in scadenza di contratto, firma un contratto triennale con il Bournemouth, club neopromosso in Premier League.[34]

Il 1º febbraio 2021, dopo cinque stagioni e mezzo con la maglia dei rossoneri, si trasferisce all'Everton,[35][36] scegliendo la maglia numero 11.[37]

WatfordModifica

Il 9 luglio 2021 si accasa da svincolato al Watford, con cui firma un biennale.[38]

Fenerbahçe

Il 13 luglio 2022 viene acquistato dal Fenerbahçe.[39]

NazionaleModifica

King, per via del doppio passaporto, può giocare sia per la Nazionale norvegese che per quella gambiana.[40] Il calciatore dichiarò però di aver scelto la selezione scandinava e di aver rifiutato diverse chiamate dal Gambia.[40] Debuttò nella Norvegia Under-21 il 2 giugno 2011, quando fu schierato titolare nella sconfitta per 4-1 contro la Svezia Under-21.[41] Il 6 settembre dello stesso anno, segnò la prima rete e contribuì al successo per 2-0 sull'Islanda Under-21, in un incontro valido per le qualificazioni al campionato europeo di categoria del 2013, sbagliando anche un calcio di rigore che gli avrebbe valso la doppietta.[42][43]

Il 3 settembre 2012, fu inserito per la prima volta tra i convocati della Nazionale maggiore.[44] Il 7 settembre, così, poté effettuare il suo esordio quando subentrò a Mohammed Abdellaoue nella sconfitta per 2-0 contro l'Islanda.[45] Il 16 ottobre successivo, realizzò la prima rete per la Nazionale maggiore, contribuendo alla vittoria per 1-3 su Cipro.[46]

Il 7 maggio 2013, fu incluso nella lista provvisoria consegnata all'UEFA dal commissario tecnico Tor Ole Skullerud in vista del campionato europeo Under-21 2013.[47] Il 22 maggio, il suo nome comparve tra i 23 calciatori scelti per la manifestazione.[48] La selezione norvegese superò la fase a gironi, per poi venire eliminata dalla Spagna Under-21 in semifinale. In base al regolamento, la Norvegia ricevette la medaglia di bronzo in ex aequo con l'Olanda Under-21, altra semifinalista battuta.[49]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 19 luglio 2022.

Stagione Club Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Supercoppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2009-2010   Manchester Utd PL 0 0 FACup+CdL 0+1 0+0 UCL 0 0 CS 0 0 1 0
ago.-dic. 2010   Preston N.E. FLC 8 0 FACup+CdL 0+2 0+1 - - - - - - 10 1
gen.-giu. 2011   Manchester Utd PL 0 0 FACup+CdL 0+0 0+0 UCL 0 0 CS 0 0 0 0
2011-gen. 2012   Borussia M'bach BL 2 0 CG 0 0 - - - - - - 2 0
gen.-giu. 2012   Hull City FLC 18 1 FACup+CdL 1+0 0+0 - - - - - - 19 1
ago.-nov. 2012   Manchester Utd PL 0 0 FACup+CdL 0+0 0+0 UCL 1 0 - - - 1 0
Totale Manchester Utd 0 0 1 0 1 0 0 0 2 0
nov. 2012-2013   Blackburn FLC 16 2 FACup+CdL 4+0 0+0 - - - - - - 20 2
2013-2014 FLC 32 2 FACup+CdL 2+1 0 - - - - - - 35 2
2014-2015 FLC 16 1 FACup+CdL 2+1 3+0 - - - - - - 19 4
Totale Blackburn 64 5 10 3 - - - - 74 8
2015-2016   Bournemouth PL 31 6 FACup+CdL 2+2 1+0 - - - - - - 35 7
2016-2017 PL 36 16 FACup+CdL 0 0 - - - - - - 36 16
2017-2018 PL 33 8 FACup+CdL 0+1 0+1 - - - - - - 34 9
2018-2019 PL 35 12 FACup+CdL 0+3 0 - - - - - - 39 12
2019-2020 PL 26 6 FACup+CdL 0+1 0 - - - - - - 26 6
2020-2021 FLC 12 0 FACup+CdL 2+0 3 - - - - - - 14 3
Totale Bournemouth 173 48 11 5 - - - - 184 53
2020-2021   Everton PL 11 0 FACup+CdL 0+0 0 - - - - - - 11 0
2021-2022   Watford PL 32 5 FACup+CdL 0+1 0 - - - - - - 33 5
2022-2023   Fenerbahçe SL 0 0 TK 0 0 UCL 1 0 - - - 1 0
Totale carriera 313 61 26 9 2 0 0 0 342 70

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Norvegia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
7-9-2012 Reykjavík Islanda   2 – 0   Norvegia Qual. Mondiali 2014 -   66’
11-9-2012 Oslo Norvegia   2 – 1   Slovenia Qual. Mondiali 2014 -   46’
12-10-2012 Berna Svizzera   1 – 1   Norvegia Qual. Mondiali 2014 -   64’
16-10-2012 Larnaca Cipro   1 – 3   Norvegia Qual. Mondiali 2014 1   46’
22-3-2013 Oslo Norvegia   0 – 1   Albania Qual. Mondiali 2014 -   62’
7-6-2013 Tirana Albania   1 – 1   Norvegia Qual. Mondiali 2014 -   70’
14-8-2013 Solna Svezia   4 – 2   Norvegia Amichevole -   73’
6-9-2013 Oslo Norvegia   2 – 0   Cipro Qual. Mondiali 2014 1   64’
10-9-2013 Oslo Norvegia   0 – 2   Svizzera Qual. Mondiali 2014 -   68’
27-5-2014 Saint-Denis Francia   4 – 0   Norvegia Amichevole -   63’
31-5-2014 Oslo Norvegia   1 – 1   Russia Amichevole -   71’
3-9-2014 Londra Inghilterra   1 – 0   Norvegia Amichevole -   76’
9-9-2014 Oslo Norvegia   0 – 2   Italia Qual. Euro 2016 -
10-10-2014 Ta' Qali Malta   0 – 3   Norvegia Qual. Euro 2016 2   75’
13-10-2014 Oslo Norvegia   2 – 1   Bulgaria Qual. Euro 2016 -   58’
8-6-2015 Oslo Norvegia   0 – 0   Svezia Amichevole -   46’
12-6-2015 Oslo Norvegia   0 – 0   Azerbaigian Qual. Euro 2016 -   79’
10-10-2015 Oslo Norvegia   2 – 0   Malta Qual. Euro 2016 -   76’
13-10-2015 Roma Italia   2 – 1   Norvegia Qual. Euro 2016 -   60’
29-5-2016 Porto Portogallo   3 – 0   Norvegia Amichevole -   86’
1-6-2016 Oslo Norvegia   3 – 2   Islanda Amichevole -   45’   53’
5-6-2016 Bruxelles Belgio   3 – 2   Norvegia Amichevole 1   81’
31-8-2016 Oslo Norvegia   0 – 1   Bielorussia Amichevole -   46’
4-9-2016 Oslo Norvegia   0 – 3   Germania Qual. Mondiali 2018 -   49’   72’
8-10-2016 Baku Azerbaigian   1 – 0   Norvegia Qual. Mondiali 2018 -   61’
11-10-2016 Oslo Norvegia   4 – 1   San Marino Qual. Mondiali 2018 1
11-11-2016 Praga Rep. Ceca   2 – 1   Norvegia Qual. Mondiali 2018 1
26-3-2017 Belfast Irlanda del Nord   2 – 0   Norvegia Qual. Mondiali 2018 -
1-9-2017 Oslo Norvegia   2 – 0   Azerbaigian Qual. Mondiali 2018 1
4-9-2017 Stoccarda Germania   6 – 0   Norvegia Qual. Mondiali 2018 -
5-10-2017 Serravalle San Marino   0 – 8   Norvegia Qual. Mondiali 2018 2   62’
2-6-2018 Reykjavík Islanda   2 – 3   Norvegia Amichevole 1   73’
6-6-2018 Oslo Norvegia   1 – 0   Panama Amichevole 1   46’
6-9-2018 Oslo Norvegia   2 – 0   Cipro UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -   90’
9-9-2018 Sofia Bulgaria   1 – 0   Norvegia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
13-10-2018 Oslo Norvegia   1 – 0   Slovenia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
16-10-2018 Oslo Norvegia   1 – 0   Bulgaria UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
23-3-2019 Valencia Spagna   2 – 1   Norvegia Qual. Euro 2020 1
26-3-2019 Oslo Norvegia   3 – 3   Svezia Qual. Euro 2020 1
7-6-2019 Oslo Norvegia   2 – 2   Romania Qual. Euro 2020 -
5-9-2019 Oslo Norvegia   2 – 0   Malta Qual. Euro 2020 1   32’   58’
8-9-2019 Solna Svezia   1 – 1   Norvegia Qual. Euro 2020 -
12-10-2019 Oslo Norvegia   1 – 1   Spagna Qual. Euro 2020 1   42’
15-10-2019 Bucarest Romania   1 – 1   Norvegia Qual. Euro 2020 -
15-11-2019 Oslo Norvegia   4 – 0   Fær Øer Qual. Euro 2020 -   78’
18-11-2019 Ta' Qali Malta   1 – 2   Norvegia Qual. Euro 2020 1   89’
4-9-2020 Oslo Norvegia   1 – 2   Austria UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -   64’
7-9-2020 Belfast Irlanda del Nord   1 – 5   Norvegia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -   71’
8-10-2020 Oslo Norvegia   1 – 2 dts   Serbia Qual. Euro 2020 -   66’
11-10-2020 Oslo Norvegia   4 – 0   Romania UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -   78’
14-10-2020 Oslo Norvegia   1 – 0   Irlanda del Nord UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -   62’   65’
24-3-2021 Gibilterra Gibilterra   0 – 3   Norvegia Qual. Mondiali 2022 -   62’
27-3-2021 Malaga Norvegia   0 – 3   Turchia Qual. Mondiali 2022 -   67’
30-3-2021 Podgorica Montenegro   0 – 1   Norvegia Qual. Mondiali 2022 -   80’
4-9-2021 Riga Lettonia   0 – 2   Norvegia Qual. Mondiali 2022 -   88’
7-9-2021 Oslo Norvegia   5 – 1   Gibilterra Qual. Mondiali 2022 -   63’
13-11-2021 Oslo Norvegia   0 – 0   Lettonia Qual. Mondiali 2022 -   46’
16-11-2021 Rotterdam Paesi Bassi   2 – 0   Norvegia Qual. Mondiali 2022 -   74’
29-3-2022 Oslo Norvegia   9 – 0   Armenia Amichevole 3
2-6-2022 Belgrado Serbia   0 – 1   Norvegia UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno -   46’
5-6-2022 Solna Svezia   1 – 2   Norvegia UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno -   74’
9-6-2022 Oslo Norvegia   0 – 0   Slovenia UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno -   46’
Totale Presenze 62 Reti (9º posto) 20

NoteModifica

  1. ^ (NO) Thomas Larsen Røed, Norske King (17) debuterte for United, su fotball.aftenposten.no, aftenposten.no, 25 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2009).
  2. ^ (EN) Ben Hibbs, U18s: United 1 Sunderland 5, su manutd.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2012).
  3. ^ (EN) Steve Bartram, Reds breeze into last eight, su manutd.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2012).
  4. ^ (EN) Steve Bartram, Reds storm into semi-finals, su manutd.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2016).
  5. ^ (EN) Steve Bartram e Ben Hibbs, Youngsters reach Milk Cup final, su manutd.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2012).
  6. ^ (EN) Steve Bartram, Reds triumph in Milk Cup, su manutd.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2012).
  7. ^ (EN) Ben Hibbs, U18s: Wolves 0 United 1, su manutd.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2016).
  8. ^ (EN) Adam Bostock, U18s: United 2 Liverpool 2, su manutd.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2012).
  9. ^ (EN) U18s: United 4 WBA 1, su manutd.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2012).
  10. ^ (EN) U18s: Bolton 0 United 5, su manutd.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2012).
  11. ^ (EN) Adam Bostock e C. Butler, Reserves: Utd 0 Stockport 0, su manutd.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2012).
  12. ^ (EN) Adam Bostock, Reserves: United 2 Bolton 0, su manutd.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2012).
  13. ^ (EN) Reserves: Bolton 0 Utd 1, su manutd.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2015).
  14. ^ (EN) Reserves: Bolton 1 United 3, su manutd.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2012).
  15. ^ (EN) Reserves: United 2 Wigan 1, su manutd.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2012).
  16. ^ (EN) Steve Bartram, Reserves: L'pool 1 United 0, su manutd.com, 25 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2012).
  17. ^ (EN) Man Utd 1 - 0 Wolverhampton, in BBC Sport, 25 agosto 2011.
  18. ^ (EN) Steve Bartram, Reds loan out strike duo, su manutd.com, 25 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2012).
  19. ^ (EN) Preston 0 - 2 Doncaster, in BBC Sport, 25 agosto 2011.
  20. ^ (EN) FT: Stockport County 0 Preston North End 5 [collegamento interrotto], su lep.co.uk, 25 agosto 2011.
  21. ^ (DE) Borussia vor der Ausleihe von Joshua King, su borussia.de, 25 agosto 2011.
  22. ^ (DE) Borussia verschiebt King-Transfer, su borussia.de, 25 agosto 2011.
  23. ^ a b (DE) Borussia verpflichtet Joshua King, su borussia.de, 25 agosto 2011.
  24. ^ (DE) Zwei "Neue" beim Trainingsstart, su borussia.de, 25 agosto 2011.
  25. ^ (DE) Joshua King hinterlässt Eindruck, su borussia.de, 25 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2011).
  26. ^ (DE) Borussia Mönchengladbach - VfL Wolfsburg 4:1 (3:1), su dfb.de, 26 agosto 2011.
  27. ^ (EN) King returns to Manchester, su transfermarkt.co.uk, 16 gennaio 2012.
  28. ^ (EN) King switch confirmed, su manutd.com, 16 gennaio 2012. URL consultato il 12 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2012).
  29. ^ (EN) Reading 0-1 Hull, in BBC Sport, 5 luglio 2012.
  30. ^ (EN) Hull 2-1 Middlesbrough, in BBC Sport, 5 luglio 2012.
  31. ^ Galatasaray sempre più secondo, su it.uefa.com, uefa.com, 22 novembre 2012 (archiviato il 27 dicembre 2016).
  32. ^ (EN) Rovers complete King deal, su rovers.co.uk, 22 novembre 2012 (archiviato il 22 aprile 2013).
  33. ^ (EN) King deal concluded, su rovers.co.uk, 2 gennaio 2013 (archiviato il 5 gennaio 2013).
  34. ^ (EN) Joshua King completes move to AFC Bournemouth from Blackburn Rovers, su mobile.afcb.co.uk, 28 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2015).
  35. ^ (EN) KING MOVES TO EVERTON, su afcb.co.uk, 2 febbraio 2021. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  36. ^ (EN) KING SIGNS FOR EVERTON, su evertonfc.com, 2 febbraio 2021. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  37. ^ (EN) KING'S EVERTON SHIRT NUMBER REVEALED, su evertonfc.com, 2 febbraio 2021. URL consultato il 2 febbraio 2021.
  38. ^ (EN) Official: Watford Sign King, su watfordfc.com. URL consultato il 10 luglio 2021.
  39. ^ (TR) Ailemize hoş geldin Joshua King #SahneBizim, su fenerbahce.org. URL consultato il 16 luglio 2022.
  40. ^ a b (NO) Joshua King: - Trodde ikke Drillo visste hvem jeg var, su vg.no, 26 agosto 2011.
  41. ^ (NO) Norge - Sverige 1 - 4, su fotball.no, 26 agosto 2011. URL consultato il 6 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2012).
  42. ^ (NO) King headet Norge i ledelsen, su fotball.no, 6 settembre 2011.
  43. ^ (NO) Island U21 0 - 2 Norge U21, su altomfotball.no, 6 settembre 2011.
  44. ^ (NO) Joshua King i landslagstroppen, su fotball.no, 4 settembre 2012.
  45. ^ (NO) Island - Norge 2 - 0, su fotball.no, 10 settembre 2012.
  46. ^ (NO) Kypros - Norge 1 - 3, su fotball.no, 17 ottobre 2012.
  47. ^ (NO) Bruttotropp til U21-EM, su fotball.no. URL consultato il 7 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2013).
  48. ^ La Norvegia rinuncia a Henriksen, su it.uefa.com. URL consultato il 22 maggio 2013.
  49. ^ Nyland e Johansen tra delusione e orgoglio, su it.uefa.com. URL consultato il 22 giugno 2013 (archiviato il 3 dicembre 2013).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica